David con la testa di Golia, Caravaggio, 1609, Galleria Borghese
Fonte: WikimediaCommons

Negli ultimi anni Fendi è emersa come importante patrono culturale della Capitale, investendo più di 10 milioni di euro in iniziative come il ripristino della Fontana di Trevi e di altre fontane storiche così come l’apertura della sua sede nel Palazzo della Civiltà Italiana, noto anche come Colosseo Quadrato, costruzione dell’epoca fascista all’EUR.

La Galleria Borghese di Roma lancia un’associazione triennale con il marchio italiano per la creazione di un centro di studio internazionale dedicato ad uno dei maggiori maestri italiani: Caravaggio. Fendi ha previsto di donare alla Galleria circa 1,3 milioni di euro per stabilire il nuovo centro di ricerca e sostenere una mostra turistica dei dipinti del maestro barocco tratti dalla collezione del museo. Il museo, antica residenza della famiglia Borghese, costruzione datata al XVII secolo, è una delle 20 principali istituzioni italiane, tra cui le Gallerie degli Uffizi a Firenze e il Museo di Capodimonte a Napoli, che hanno ottenuto l’indipendenza finanziaria dal governo centrale nel 2015, consentendo loro di coltivare finanziatori privati ​​per la prima volta.

Galleria Borghese
Credit: ©Filippo Vinardi

Il nascente Istituto di Ricerca di Caravaggio sarà ospitato dentro al museo e intende creare la più completa banca dati online delle opere del maestro, includendo informazioni sulla loro provenienza, sulla storia delle loro mostre e della loro conservazione e suicrapporti diagnostici delle opere. La relazione dell’istituto con gli studi già esistenti sull’artista e con altri centri di ricerca deve ancora esser definita, ma avrà il supporto da un consiglio di amministrazione che include alcuni dei più importanti esperti di Caravaggio, secondo una portavoce.

L’iniziativa “cerca di reintrodurre all’interno dei musei la ricerca più avanzata per farli produttori di cultura e non semplici produttori di mostre di successo”, afferma in una dichiarazione la direttrice della Galleria Borghese, Anna Coliva.

Per promuovere il progetto, il museo ha inviato tre delle sei opere di Caravaggio presenti nella sua collezione in tour: Ragazzo con un Cesto di Frutta (1593-94), San Girolamo (1605) e David con il Capo del Golia (1610). Lo spettacolo si svolgerà il 21 novembre presso il J. Paul Getty Museum di Los Angeles (fino al 18 febbraio 2018), prima di viaggiare in altri musei negli Stati Uniti e in Asia orientale.

È sempre più fondamentale, oltre che valore morale per Fendi, promuovere, sostenere ed esportare l’arte italiana nel mondo“, afferma, Pietro Beccari, l’amministratore delegato dii Fendi. Il nome Fendi compare anche dietro la nuovissima mostra allestita alla Galleria Borghese per lo scultore del XVII secolo Gian Lorenzo Bernini, che si è aperta l’ultimo primo novembre, e che celebra il ventesimo anniversario della riapertura del museo nel giugno 1997.

Apolo e Dafne, Gian Lorenzo Bernini, 1624, Galleria Borghese Fonte: anamericaninrome.com