Entrare nell’ascensore dell’A.Roma Lifestyle Hotel di Via Giorgio Zoega 59 e premere il pulsante per il piano più alto, può decisamente far vacillare alcune delle certezze della vostra vita.

Stiamo parlando di uno dei migliori 100 Bar d’Italia, ma non è questo che vi sorprenderà. Stiamo raccontando di un luogo dove poter dissetare la vostra voglia di bere bene, con uno sguardo al cupolone illuminato di San Pietro, ma ahimè, non sarà nemmeno questo a rendere indimenticabile la vostra serata (anche perché di viste ne abbiamo di migliori).
Ciò che vi sorprenderà sarà ciò che non avete mai considerato, la storia di un cocktail.

Credit: pagina Facebook Sky Stars Bar

Provando a fornire in qualche riga la definizione della parola “genio”, si arriva alla conclusione che tale titolo possa essere concesso a quelle persone che riescono a cogliere collegamenti che la massa non trova, poiché scrutano i fenomeni da una postazione più alta, grazie alla quale si appropriano di un orizzonte diverso, proibito ai più. Senza voler scomodare paragoni illustri e addossare appellativi pesanti, possiamo però affermare che nella mente di Alessandro Antonelli, bar manager dello Sky Stars Bar di Roma, ci sia una qualche forma di genialità.

Alessandro Antonelli Barmanager /Ph. @joena_ph

L’idea di base ve l’avevamo già dettagliatamente raccontata qui. Sette cocktail abbinati a sette diversi murales di Roma, ma solo oggi, dopo aver pigiato quel pulsante verso l’ultimo piano, ne abbiamo colto realmente l’essenza. Non stiamo parlando di un semplice restyling di una drink list, stiamo raccontando di una vera e propria serie artistica a forma liquida. Un viaggio tra i pensieri di un uomo con una sana dose di follia e con in testa un solo grande obiettivo: dimostrare che un cocktail, quando fatto bene, è una vera e propria forma d’arte, per quanto effimera e temporanea.

Eccola, dunque, l’essenza. Creare un parallelismo con opere reali per far breccia non solo nelle papille gustative del cliente ma anche nella sua mente. Ed è proprio qui che arriva la genialità. In una città dove ogni tre passi giganteggiano antichi monumenti e prestigiose rovine, Alessandro Antonelli sceglie i murales, figli di una Roma povera e di quartiere, simboli di un movimento di protesta, passati dall’essere considerati veri e propri atti vandalici a cielo aperto, a forti e potenti espressioni artistiche contemporanee (noi ve ne avevamo già parlato qui).
Un’arte estemporanea anch’essa, che oggi è presente e che domani potrebbe non esserci più.

Dietro ogni cocktail c’è un’idea, uno studio, una storia, un frammento di Roma che vuole essere raccontato e che merita di essere ascoltato. Prendete, ad esempio, il Cecafumo, che con il suo nome e i suoi ingredienti narra le vicende del quartiere Quadraro, che durante la seconda guerra mondiale i tedeschi soprannominarono nido di vespe a causa dell’alta concentrazione di antifascisti (da qui l’utilizzo del miele) e che un tempo era una zona di caseari (da qui l’inserimento del burro, si del burro).
Arte liquida versata in un bicchiere pieno di storie.

Credit: pagina Facebook Sky Stars Bar / Ph. @andrea_dilorenzo e @alberto_blasetti

Fatevi sorprendere. Pigiate quel pulsante dentro l’ascensore e salite fino all’ultimo piano. Entrate nell’atrio predisposto a mostra fotografica. Troverete presentati tre prospetti per ogni cocktail. Il primo rappresentante il murales d’ispirazione, il secondo il drink in lavorazione e il terzo il bicchiere riempito.
Fatevi raccontare l’innovativa tecnica di miscelazione, perché sicuramente non avrete mai sentito nulla del genere. Riprende quella del sous-vide, tutti gli ingredienti vengono messi in un sacchetto sottovuoto e lasciati macerare insieme dalle 24 alle 72 ore. Il contenuto viene poi filtrato e versato in boccette di vetro.
Quando chiederete il cocktail questo dovrà solamente essere shakerato o mescolato e guarnito nel vostro bicchiere.
Geniale.

Definire lo Sky Stars Bar è quasi impossibile, non stiamo parlando né di uno speakeasy, né di un classico rooftop bar. Qui siamo di fronte ad una galleria d’arte dove i protagonisti sono i drink e la loro storia, con una proposta unica sulla scena romana e non solo.
La breve notorietà di cui solitamente gode un cocktail viene allungata. La sua essenza temporanea diventa immortale nella bocca, ma sopratutto nella mente di chi ne ascolta il racconto.

Credit: pagina Facebook Sky Stars Bar

Premete quel pulsante, non ve ne pentirete.

 

Sky Stars Bar, A.Hotel Lifestyle Roma, Via Giorgio Zoega 59

Aperto dal martedì alla domenica dalle 21:00 alle 01:00

Pagina Facebook: Sky Stars Bar

Pagina Instagram: @skystars.bar