Roma è la città dove gli uomini hanno fatto la storia, scritto poesie e vissuto avventure.
Roma è quella città dove l’uomo è sempre stato protagonista, attento portatore di novità proprio come i due giovani ragazzi di questo racconto che, sotto l’ombra del Colosseo, hanno dato vita ad un locale bivalente: il The Race Club Speakeasy.
Diego e Dario Ferracani, giovincelli non ancor trentenni, all’incirca due anni fa, decisero di regalare a mamma Roma qualche cosa di nuovo, un qualche cosa di innovativo e così, cercando e girovagando, hanno trovato un luogo che definirlo perfetto è assai poco. Quattro mura e una scala, nascosti in via Labicana, vennero adocchiati dai due fratelli; un luogo un po’ malconcio ma ricco di storia poiché nell’ottocento la gente vi si recava per mangiare dell’ottima carbonara mentre, nel secolo passato, uno studio di registrazione e poi una bisca hanno caratterizzato il locale. Insomma, un posto che da sempre accoglie persone che, abbracciandole attraverso diverse forme d’arte, vede oggi attori del suo spazio i due giovani fratelli e la passione del loro Club.
Tutto questo è frutto della grande motivazione che Diego e Dario hanno avuto nel volersi affermare nel mondo del buon bere e alla ricerca di un luogo su cui puntare la loro nuova scommessa, per creare qualcosa di straordinario, qualcosa in cui credere; solo casualmente scoprono la struttura nascosta in zona Colosseo (visibile dall’entrata stessa), posto ideale per impostare, sviluppare e realizzare il loro progetto.

Un luogo e due anime

Camaleontico, nascosto, segreto. Queste sono le parole più corrette per descrivere il locale dal doppio volto: un’ officina meccanica e un club segreto. Due realtà diverse e distanti tra loro, nel tempo e nello spazio, che trovano una simbiosi inscindibile poiché l’una funziona solo grazie all’altra. Un garage per riparare, tra moto e chiavi inglesi è il punto d’accesso al club che rappresenta un vero e proprio luogo dove riunirsi, rilassarsi e, tra l’elegante arredo vintage, bere ottimi cocktail. Un luogo che rilassa il corpo senza annoiare la mente, dove il tempo sbalza continuamente tra passato e presente e dove l’abito più importante è un bel sorriso.
Un loft industriale dove si esalta l’arte della mixology, dove il profumo della qualità si può respirare nella scelta di lavoro che predilige l’utilizzo di distillati premium di qualità, prodotti home-made preparati dai bartender alla continua ricerca di sapori innovativi.

Ogni club però ha le sue regole, il suo codice, ed è opportuno leggerlo prima di bussare alla porta.

Le regole del Club

La patente del club è necessaria per guidare all’interno del locale.

No cards, only cash.

Il team progetta, il pilota guida, tutti pagano.

RispettoEducazione.

Devi consumare, un drink ovviamente. Mmh

Indossa la tua tuta da corsa migliore.

E’ vietato fare il pieno di benz… alcool.

Si fuma si, ma solo in officina.

Il tempo scade ad un’ora dall’ultimo giro.

Rispetta l’ambiente, i clienti e lo staff e non verrai mandato nei box prima.

Un po’ come nella vita, anche nel Club bisogna trovare l’equilibrio tra le due realtà, sapendo dedicare il giusto tempo alla chiave inglese come al cocktail.

 

The Race Club

Via Labicana, 52
Lun – Gio 22:00 – 04:30
Ven – Sab – Dom 19:00 – 04:30