La crisi dell’industria cinematografica sembra irrefrenabile. Da una parte gli scandali del #sexgate (ve ne abbiamo parlato qui) che evidenziano le pesanti ombre che gravano su Hollywood, dall’altra la chiusura inarrestabile di tanti cinema storici in tutto il mondo occidentale, e anche e soprattutto, nel Bel Paese.
Roma è un esempio emblematico di questo decadimento culturale: più di 30 sale sono state chiuse negli ultimi 20 anni. Non solo in periferia o di quartiere, ma anche quelle del centro storico come il Metropolitan o l’Étoile, oggi trasformato nella sede di un’elegante boutique di Louis Vuitton.

Non è colpa solamente della nascita e della diffusione a macchia d’olio dei Multiplex dei centri commerciali e delle multisale, molto più capienti e accattivanti, ma anche di una cattiva gestione da parte delle associazioni culturali e delle Amministrazioni comunali e di un’assenza o scarsa lungimiranza dei progetti pubblici di riqualificazione e di rilancio commerciale e culturale dei cinematografi romani.

Ma per fortuna nella capitale esistono anche esempi virtuosi di riqualificazione e recupero di sale storiche delle periferie romane. È questo il caso del Cinema Avorio, nel quartiere Pigneto, oggi una delle zone più calde della movida romana, ricca di locali, bar e pub, che animano i week-end del rione popolare con musica live, concerti e ed eventi artistici e culturali.

L’insegna del Cinema Avorio nel quartiere Pigneto

Chiuso dal 2009 e abbandonato dalla proprietà dopo anni di proiezioni a luci rosse, la sala cinematografica di via Macerata ha finalmente riaperto i battenti. Dopo anni di assemblee di Comitato di quartiere, raccolte fondi e mobilitazione (reale e social) dei residenti, uno spazio d’archeologia cinematografica di Roma è finalmente stato restituito al pubblico, in data 18 novembre, con un grande party inaugurale.

Il modello sembra essere quello del cinema Kino, situato sempre al Pigneto, nella vicina via Perugia. Nato nel 2011 dalle ceneri del vecchio cineclub Grauco, chiuso dopo 35 anni di attività, è risorto dalle sue ceneri grazie alle idee di un gruppo di giovani che lo hanno rimesso completamente nuovo per mezzo di un autofinanziamento, senza aiuti pubblici né sponsor privati.

Lo storico cinema Metropolitan di Roma da anni è lasciato in stato di abbandono e di incuria
Photo credit: Giovanni Del Brenna

Così uno dei tanti cinema abbandonati delle periferie storiche della capitale si risveglia dopo un lungo sonno, per ospitare un nuovo progetto che prevede proiezioni di qualità ma anche concerti, eventi dal vivo, party cinematici, djset, vjset e molto altro ancora.

Il “Grand Opening” del 18 novembre è stato preceduto, in data venerdì 17 novembre, dall’evento dedicato alla serie tv, ispirata alla cultura e alla filmografia degli anni ’80, che sta spopolando in tutto il mondo: Stranger Things. Un happening che prevedeva la colonna sonora live in una performance a cura del duo “BALANCE”, seguito da un 80s pop party e proiezioni sul grande schermo all’interno della suggestiva location a cura di Vjit³.

Una foto dal party di pre-opening del Cinema Avorio
Credit: pagina Facebook Cinema Avorio

L’evento di riapertura ufficiale del cinema, che si è svolto sabato 18 novembre, ha previsto, invece, la proiezione del film premio Oscar “La grande bellezza“, quasi un messaggio di speranza per la rinascita dell’orizzonte culturale romano e un omaggio alla città eterna. A seguire il djset a cura di Kobrakai, accompagnato dalle imponenti installazioni visive di Vjit³.

Per ora non ci resta che augurare buona fortuna al rinato Cinema Avorio, sperando sia solo il primo di una lunga serie. Artwave.it non si fermerà qui, ma proseguirà la sua inchiesta, scavando più a fondo sulla questione della chiusura e dell’abbandono di tanti cinema storici di Roma, che da decenni sono lasciati al loro destino, ma che potrebbero invece rinascere e diventare di nuovo spazi di aggregazione artistica e culturale.

Per restare sempre aggiornati sulla programmazione seguite la pagina Facebook ufficiale del Cinema Avorio: https://www.facebook.com/CineAvorio/