Si abita un luogo, si attraversa e, a volte, neanche lo si guarda. Si passa accanto alle cose quotidiane come un atto dovuto, con distrazione e negligenza. Invece, sappiatelo, la maggior parte delle volte state camminando sopra un pezzo di Storia, su strade lastricate di esistenze; i vostri occhi distratti si poggiamo su edifici che sono lì da molto più tempo di voi; la casa che vi siete lasciati alle spalle è stata spettatrice di scene antiche.

Ogni giorno, più o meno consapevolmente, ci muoviamo nella fitta rete della memoria. Accade spesso, accade ovunque, soprattutto in quei quartieri le cui atmosfere sembrano richiamare costantemente tempi passati, come quello della Garbatella. Le fotografie aiutano a riflettere sul tempo che scorre perché cristallizzano l’attimo e in quell’attimo si riconoscono le sfumature di quell’età, di quell’epoca, di quel tempo.

Indaga su questo, e su molto altro, Abitare il paesaggio, la mostra fotografica ideata dall’associazione culturale e galleria 10b Photography e curata dalla storica dell’arte Sara Alberani.

Il progetto pone la sua attenzione sulle caratteristiche uniche di un quartiere come la Garbatella, e ne ripercorre la storia da diversi punti di vista: culturale, sociale, architettonico. In mostra sono esposte le fotografie inedite dei fotografi contemporanei Francesco Zizola e Giovanni Cocco insieme alle fotografie storiche degli archivi familiari: un vero e proprio dialogo in immagini tra presente e passato.

La memoria è qui un evento collettivo. Gli album di famiglia, le foto personali degli abitanti dei lotti, il racconto delle loro storie contribuiscono all’evento. La mostra sovrappone immagine a immaginazione, lasciando aperta la possibilità di ragionare sui luoghi del presente come luoghi di Storia – personale, intima, ma anche pubblica e sociale.

Anche la scelta delle fotografie d’archivio è stata parte del progetto. Attraverso il Laboratorio Territorio Personale che si è tenuto dal 19 al 30 novembre, sono state scelte le immagini che sarebbero state esposte: un primo passo verso la nascita di un archivio visivo del territorio costruito dai suoi abitanti. “Poco più in là della difesa della propria memoria privata si è aperta quella collettiva”, racconta la curatrice Sara Aberani in un’intervista uscita su Exibart.

I lavori proposti da Zizola e Cocco sono molto diversi tra di loro. Le fotografie di Cocco ritraggono la flora del quartiere, in modo quasi pittorico, sospesa su uno sfondo scuro e surreale; quelle di Zizola, invece, che conosce ogni angolo della Garbatella, quartiere in cui vive e lavora da moltissimi anni, ritraggono le architetture del luogo restituendo loro una sorta di umanità. Nelle sue fotografie spesso la figura umana non è presente, ma si percepisce come un’ombra, o un alone che ha lasciato la sua traccia, per esempio in un panno steso tra i balconi.

Giovanni Cocco, Plantarium, piccolo atlante botanico della Garbatella, 2018

 

INFO

ABITARE IL PAESAGGIO – Mostra fotografica di Giovanni Cocco e Francesco Zizola, insieme alle memorie fotografiche di quartiere
A cura di: Sara Alberani

Luogo

10b Photography, via San Lorenzo da Brindisi, 10b, 00154, Roma

Durata

dal 5 al 20 dicembre 2018

Orari

Lun-Ven h 11 -13 e 15 -18

Biglietto

Ingresso libero

(Visita guidata sabato 15 dicembre ore 11.30, presso 10b Photography, via San Lorenzo da
Brindisi, 10b, 00154 Roma – brunch a cura di Casetta Rossa)

Foto di copertina: Francesco Zizola -Signora Silvana-lotto 30.Garbatella IMAGES.2018