Con un patrimonio di 355 milioni di dollari, Beyoncé è entrata a far parte dell’ultima classifica di ForbesAmerica’s Richest Self-Made Women”. Tuttavia, il potere della cantante va al di là del suo patrimonio economico (astronomico) e degli innumerevoli premi ricevuti (22 Grammy Awards e 69 nominations). Ogni sua azione viene emulata ed idolatrata, ed essere citati da lei sui social media ha un valore equivalente ad oltre un milione di dollari.

Tutto ciò le garantisce dei privilegi esclusivi, come girare un video all’interno del Louvre per il video della canzone Apeshit, dall’ultimo album Everything is Love realizzato insieme al marito Jay-Z. Il Louvre ha poi sfruttato questa partnership realizzando all’interno del museo un percorso specifico con cui visitare solo le opere inserite nel loro videoclip.

beyoncé vogue

Photo Credit: harpersbazaar.com

È evidente che ogni cosa toccata da Beyoncé si trasformi realmente in oro, e di ciò se ne è resa conto anche Anna Wintour. La direttrice di Vogue America, a cui è ispirato il personaggio di Miranda Presley ne “Il diavolo veste Prada”, ha concesso alla cantante un privilegio mai dato a nessuno: avere il controllo del numero di settembre di Vogue.

Questo è un onore incredibile, anche considerando che il numero di settembre è ritenuto il più importante dell’anno, tanto che gli è stato dedicato il documentario The September Issue (disponibile su Netflix), che segue Anna Wintour durante la sua preparazione.

Quello che si sta realizzando è quindi un precedente senza eguali: la moglie di Jay-Z ha potuto scegliere la foto di copertina, le foto all’interno del magazine e persino scrivere le didascalie, decisioni che non sono mai state prese da nessun altro, se non dalla direttrice di Vogue.

beyoncé vogue

Alcune delle copertine di Beyoncé su Vogue.

Beyoncé è protagonista di un primato che farà storia nel mondo della moda, ma non sarebbe Beyoncé (e quindi una delle persone più influenti al mondo) se non usasse questa possibilità per fare qualcosa di più che una copertina su una rivista.

In che modo? Per l’occasione, la cantante ha avuto l’opportunità di selezionare il fotografo che la immortalerà e la scelta è ricaduta su Tyler Mitchell, 23 anni, nato ad Altanta e laureato in Belle Arti alla New York University’s Tisch School of Arts. Presto questo ragazzo potrà aggiungere al suo curriculum di essere stato il primo fotografo di colore nei 126 anni di storia di Vogue US.

beyoncé vogue

Tyler Mitchell – Photo Credit: refinery29.com

Intervistato poco tempo fa dal New York Times, il giovane fotografo aveva spiegato il suo modo di vedere il mondo attraverso la lente fotografica.

“Mi piace fotografare persone di colore in un modo puro e reale. C’è sempre uno sguardo onesto nelle mie foto”.

Il suo stile e il suo talento sono apprezzati a tal punto che Mitchell ha già lavorato per i-D, Fader, Office Magazine Teen Vogue; inoltre, ha realizzato campagne pubblicitarie per brand come Marc Jacobs, Givenchy, Nike e Ray-Ban. Tuttavia, l’opportunità di lavorare per Vogue difficilmente gli sarebbe stata offerta, in quanto di solito vengono assunti fotografi con molta più esperienza alle spalle.

Le due copertine con cui sarà venduta la rivista sono state appena rivelate ed è possibile ammirare anche alcune foto che figureranno all’interno del numero, tutte scattate da Tyler Mitchell. Il photo shoot realizzato rispecchia esattamente il suo stile fotografico: foto di moda, ma dal taglio realistico ed onesto, come affermato anche dalla stessa Beyoncé nell’intervista su  Vogue:

“Penso che sia importante per donne e uomini vedere e apprezzare la bellezza dei loro corpi naturali. Per questo motivo ho tolto parrucca e le extension e ho usato poco make up per questo servizio fotografico”.

Cedendo momentaneamente lo scettro di Vogue a Beyoncé, Anna Wintour ha reso il prossimo numero di Vogue memorabile e ci si aspetta già che se ne venderanno moltissime copie. Inoltre, questo evento ha sottolineato nuovamente l’influenza della cantante di Lemonade, che ha il potere di realizzare tutto (tranne avere il Colosseo per sé, almeno per il momento).