Sì, lo sappiamo: l’estate è cominciata da neanche una settimana, che già il termometro dell’apparire tocca i 40°. Complici eventi sbarazzini e live gonfiati ad arte, tutti documentati su Instagram. Sì, siamo con voi.

Per questo il GOA BOA 2018 ha pensato bene di fornire la sua sana alternativa all’iper-esposizione a cui siamo tanto abituati. Il programma della giornata del 22 luglio ha un unico filo conduttore: nascondere a più non posso, per far risaltare la musica.

Sul main stage si esibirà Frah Quintale, il rapper bresciano dietro la maschera gigante che cita Frank, il film di Lenny Abrahamson. Un controsenso se pensiamo al titolo del suo album d’esordio Regardez Moi. Ma Guardatemi non è tanto un invito ai suoi fan, dato che Frah Quintale sa far parlare di sé pur non esponendosi. La sua cultura di provenienza è quella dei writer: Regardez Moi è una scritta dipinta da uno street artist, Filippo Minelli, sulla facciata di un hotel abbandonato nella Brescia degli anni ’90. Frah è un rapper puro che si muove nelle stazioni di notte, che si mette a nudo nei suoi pezzi peché usa la musica come terapia, mica per vincere facile con la carta dell’emotività.

Sempre per l’etichetta indipendente Undamento è appena uscito il suo nuovo singolo, Stupefacente. Quale occasione migliore del festival Goa Boa per ascoltarlo live?

Anche un altro acclamato rapper prenderà possesso del main stage il 22 luglio: Achille Lauro, sperimentatore nostrano fresco di nuovo album. Sapete da dove prende il suo nome, Lauro De Marinis? L’Achille Lauro era una transatlantico, oggi inabissato nelle acque somale. A guardare la copertina del suo nuovo disco Pour l’amour, inabissamento e sobrietà low profile non sono le prime cose che ci vengono in mente. Eppure è la critica verso gli eccessi e gli stereotipi del mondo gangsta a cui si indirizza il lavoro di Achille e Boss Doms.

E l’etichetta fondata da Achille Lauro pure ha un nome interessante: No Face.

Sul Red Bull Tour Bus, il secondo palco del Goa Boa, si nasconderà The André, fenomeno del web inaspettato (anche per sé stesso) che ha coverizzato i successi del filone trap con la voce del Principe Libero. Nato come un gioco con un suo amico, per esorcizzare il timore reverenziale nei confronti del Maestro, ora The André è in giro per un vero e proprio tour. Tassativamente con occhiali polarizzati e felpa col cappuccio. In più le sue cover sono disponibili sui principali store digitali: nell’ep Demos sono raccolte Habibi di Ghali, Rockstar e Tran Tran di Sfera Ebbasta, Cono Gelato e SportsWear della Dark Polo Gang; nell’ep Deluxe invece potrete trovare Perdonami di Salmo, Giovane Fuoriclasse di Capoplaza, Scooteroni di Marracash & Gue Pequeno, ancora Gue Pequeno con Lamborghini, e dulcis in fundo la Dark Polo Gang con Diego Armando Maradona.

Se anche The André catturerà l’attenzione di Bojack Horseman non è dato saperlo, ma esserci il 22 luglio è fuori discussione.

Ecco il programma completo di domenica 22 luglio:

Main Stage
Tedua
Frah Quintale
Achille Lauro
Bilogang
Arashi

Red Bull Tour Bus – Official 2nd Stage
The André

Aftershow
M¥SS KETA

 

Per informazioni aggiuntive e per sapere come utilizzare il Bonus Cultura, visitate il sito ufficiale del Goa Boa.