Nonostante le temperature ancora piuttosto miti (sebbene l’ultima settimana non sia stata meteorologicamente parlando delle migliori), anche in Italia, da novembre, si comincia a respirare un po’ di aria nataliziaLa redazione di Artwave ha selezionato per voi una serie di eventi che si svolgeranno durante il periodo più luminoso dell’anno lungo tutto lo stivale.

Chi è nostalgico dei paesaggi nordici dell’Europa d’oltralpe può intanto cominciare ad accontentarsi e a prendere qualche appunto!

Favole di luce – Gaeta

3 novembre – 20 gennaio 2019

La tradizione delle luminarie è esplosa con l’iniziativa Luci d’Artista a Salerno dal 2006. Il centro storico della città viene invaso da vere e proprie sculture di luce, che quest’anno richiamano il tema del mare, del mito e della costiera. Fiumi di turisti affollano i B&B e le piazze per ammirare lo spettacolo che dura fino a gennaio. Quest’anno a Gaeta (LT), per il terzo anno di fila si terrà invece “Favole di Luce”, iniziativa che, proprio sulla falsa riga di Salerno, auspica di allungare la stagione turistica di quello che è un comune che gode di turismo prettamente balneare, in gran parte proveniente dalle vicine Roma e Napoli.

La star indiscussa di quest’anno è Casper, il polpo gigante, seguito dal Gigante della foresta. Sono in tutto 22 le istallazioni. Saranno inoltre allestiti i mercatini di Natale nei pressi del Lungomare Caboto (altezza Piazza Carlo III) e in Piazza XIX Maggio, una ruota panoramica e una pista di pattinaggio. Sul sito ufficiale dell’evento è possibile scaricare la mappa con il percorso da seguire, ma è disponibile anche l’app per smartphone.

Photo Credits: Il Gazzettino del Golfo

 

AlberobelloChristmas lights

dal 7 dicembre – 20 dicembre

Basta già passeggiare di giorno tra i trulli per innamorarsene, figuriamoci quando al fascino della storia si unisce il presente più innovativo e anticonformista. Sulle candide pareti delle abitazioni rurali verranno proiettati giochi di luce colorata. Ogni trullo si illumina così di luci variopinte, stelle, mezze lune, motivi natalizi, cristalli di neve, che contribuiscono senz’altro ad esaltare la bellezza ed il profilo di questa città magica, patrimonio dell’umanità.

Photo credits: www.alberobelonotizie.it

 

Natale a Matera

dal 22 novembre

Poiché noi di Artwave siamo poco convenzionali, non vi vogliamo portare nei soliti e ormai ben noti mercatini di Trento e Bolzano. Sta facendo molto parlare di sé e sta conquistando a ritmi crescenti il turismo internazionale, la città che per sua conformazione incarna i paesaggi biblici ed evangelici legati al Natività di Cristo. Se la si guarda da lontano o in cartolina viene spontaneo dire che assomigli ad un presepe. Mel Gibson, infatti, decise proprio per questo motivo di ambientare nella prossima capitale europea della cultura (lo sarà a partire dal 19 gennaio 2019), il film “La Passione di Cristo”.

Diverse saranno le iniziative che avranno luogo: ci saranno mercatini con in mostra artigianato locale, manufatti, decori natalizi e – immancabilmente – prelibatezze della gastronomia locale tipica delle festività come dolci, vino caldo, caldarroste. Non mancheranno per le vie del centro storico artisti di strada, sul Castello Tramontano verranno proiettati giochi di luce e verrà allestita anche la pista di pattinaggio su ghiaccio.

L’evento più atteso è però quello del Presepe Vivente (7 dicembre – 8 gennaio, solo weekend); bisogna prenotare la visita guidata poiché il percorso si articola, lungo le vie del centro storico, in tappe, ciascuna raffigurante un episodio biblico, fino al raggiungimento dell’ultima tappa, quella della natività appunto.

Il percorso è lungo 1 km circa e dura due ore scarse.

Durante lo stesso periodo si terrà anche la mostra nazionale dei presepi artigianali e verrà esposto il presepe di ghiaccio di Falasconi.

 

Gubbiol’albero più grande del mondo

Forse di questo ne avrete già sentito parlare, o lo avrete visto in TV e sui social. La sua base misura circa 450 metri: la sagoma del gigantesco albero di Natale è realizzata disponendo alle pendici del Monte Ingino luci colorate, di svariate forme e grandezze, che disegnano un effetto cromatico davvero stupefacente: si distende, con una base di 450 metri, per oltre 750 metri di altezza, lungo le mura della città medievale fino ad arrivare sulla cima della collina, alla basilica di Sant’Ubaldo. E sul sito potete anche donare una luce a qualcuno, contribuendo a quello che dal lontano 1986, grazie ad un piccolo gruppo di volontari, è l’albero di Natale più grande del mondo.

Photo credits: www.umbriain.it

 

L’articolo è in continuo aggiornamento…