House on Mount Maljen – Exe Cnc Workshop

exe-cnc-workshop-relja-ivanic-house-on-mount-maljen

House on Mount Maljen © Relja Ivanic

La casa si trova vicino alla località turistica Divčibare, sul pendio del Monte Maljen nella Serbia occidentale. Per ridurre al minimo il disturbo al sito la casa è costruita sul fianco della collina. L’edificio è progettato combinando due volumi monolitici, uno chiaro e uno scuro. Queste forme si fondono con l’ambiente naturale di bassa vegetazione di pini e terreno roccioso. Sul lato sud, la parte bianca della casa si collega all’esterno attraverso una grande vetrata, che guida il passaggio dall’artificiale al naturale. Il rivestimento bianco rende questo volume astratto e opposto all’ambiente rurale.

exe-cnc-workshop-relja-ivanic-house-on-mount-maljen-notte

House on Mount Maljen © Relja Ivanic

Il volume nero, invece, si ispira alle case di montagna originali. Il portico è delimitato su un lato dal volume bianco, creando uno spazio esterno riparato. Al primo piano si trova la zona della camera da letto, fornita di completa privacy. La struttura è enfatizzata dall’uso di materiali naturali come il tradizionale rivestimento in scandole di legno.

exe-cnc-workshop-relja-ivanic-house-on-mount-maljen-interno

House on Mount Maljen © Relja Ivanic

Attraverso la dualità della casa con due volumi principali; l’intento era quello di fondere il tradizionale e il contemporaneo per creare un’estetica unica e una struttura che fosse in sintonia con l’ambiente circostante.

exe-cnc-workshop-relja-ivanic-house-on-mount-maljen-vista

House on Mount Maljen © Relja Ivanic

 

The Unterhus – Peter Zumthor

Nelle montagne sopra Vals si trova Leis, un villaggio con edifici in legno scuriti dall’età, una cappella bianca e una piccola pensione. È qui, a un’altitudine di 1500 metri, che l’architetto di fama mondiale Peter Zumthor ha costruito tre case di legno per sé e sua moglie, Annalisa: l’Oberhus, dove vivono loro stessi, l’Unterhus e il nuovissimo Türmlihus, che hanno lasciato agli ospiti.

peter-zumthor-ralph-feiner-the-unterhus-leis-ob-vals-switzerland-vista

The Unterhus © Ralph Feiner

Ogni casa può ospitare fino a cinque persone. Peter Zumthor ha incorporato grandi finestre panoramiche nello stile architettonico tradizionale. Queste finestre, dal pavimento al soffitto in ogni stanza, si estendono per tutta la larghezza delle pareti e incorniciano il paesaggio, offrendo una vista spettacolare.

peter-zumthor-ralph-feiner-the-unterhus-leis-ob-vals-switzerland

The Unterhus © Ralph Feiner

peter-zumthor-ralph-feiner-the-unterhus-leis-ob-vals-switzerland-interni

The Unterhus © Ralph Feiner

 

A wardrobe in the landscape – ES arch

Dall’architetto. Un micro rifugio per i fine settimana, luogo di contemplazione, camera di compensazione di una frenetica condizione urbana vissuta quotidianamente. Una piccola scatola lignea si incastra tra due edifici esistenti. All’interno, il legno mostra la sua natura dai toni caldi; esternamente, il trattamento con vernici grigio-argenteo rieccheggia i colori dei legni centenari degli edifici rurali.

es-arch-enricoscaramelliniarchitetto-marcello-mariana-a-wardrobe-in-the-landscape-2

A wardrobe in the landscape © Marcello Marianna

I pannelli lignei, montati con l’andamento diversificato della vena (verticale – orizzontale), reagiscono alla luce restituendo diverse composizioni geometriche. Esternamente la nuova facciata lignea sembra quasi sottrarsi, nelle ombre del paesaggio; per poi ribadire, con la luce del sole, la propria presenza, abbagliando, lanciando un segnale visibile a lunga distanza. Internamente, lo spazio diventa luogo privilegiato sul paesaggio.

es-arch-enricoscaramelliniarchitetto-marcello-mariana-a-wardrobe-in-the-landscape-interno

A wardrobe in the landscape © Marcello Marianna

es-arch-enricoscaramelliniarchitetto-marcello-mariana-a-wardrobe-in-the-landscape-stanza

A wardrobe in the landscape © Marcello Marianna

Il progetto opera nella dimensione ridotta, utilizza dispositivi semplici alla ricerca di un linguaggio contemporaneo all’interno di contesti ambientali fortemente caratterizzati.

 

GP Casa in montagna – Geza

L’edificio è inserito sul crinale di una collina a Hohenthurn in Austria. Il progetto ricerca una tipologia di casa di montagna sia nella forma che nell’uso dei materiali.

geza-massimo-crivellari-gp-casa-in-montagna

Gp casa in montagna © Massimo Crivellari

Il volume, orientato lungo l’asse est-ovest e disposto parallelamente alle curve di livello, è adagiato su un basamento di cemento armato che costituisce il piano seminterrato e le fondamenta dell’edificio. La struttura è costituita da setti in c.a. e da un telaio in legno massello rivestito esteriormente da scandole in legno tipiche del luogo. Anche il tetto a falde è coperto con il medesimo materiale posato nello stesso modo, creando così con le pareti perimetrali una superficie materica continua.

geza-massimo-crivellari-gp-casa-in-montagnavista2

Gp casa in montagna © Massimo Crivellari

geza-massimo-crivellari-gp-casa-in-montagna-vista

Gp casa in montagna © Massimo Crivellari

geza-massimo-crivellari-gp-casa-in-montagna-vista.3

Gp casa in montagna © Massimo Crivellari

geza-massimo-crivellari-gp-casa-in-montagna-finestra

Gp casa in montagna © Massimo Crivellari

La terrazza aggettante, che si affaccia a sud sul paesaggio montano, sottolinea il rapporto diretto dell’edificio con l’esterno. Un grande camino ancorato al terreno demarca la presenza della casa nel paesaggio.

geza-massimo-crivellari-gp-casa-in-montagna-interno

Gp casa in montagna © Massimo Crivellari

 

Conversion of a Barn – Savioz Fabrizzi Architects

Costruito nella seconda metà del 19° secolo, il fienile era stato abbandonato a Praz-de-fort nella Val d’Entremont. Come parte del processo di conversione, è stato prima smantellato e poi ricostruito alcuni chilometri più avanti nella valle, presso Saleinaz.

savioz-fabrizzi-architectes-thomas-jantscher-conversion-of-a-barn-5

Conversion of a barn © Thomas Jantscher

Una nuova struttura indipendente e una pelle interna sono state costruite all’interno della scatola costituita dal vecchio fienile. La separazione dalla struttura esterna ha consentito la creazione di un ricco mix spaziale tramite mezzanini aperti che comunicano tra loro. L’abitazione è stata quindi considerata come un unico spazio aperto e continuo, organizzato attraverso le differenze di livello. Camera da letto e ufficio, che sono gli spazi più privati, sono stati creati nella parte superiore del fienile, sopra la zona giorno.

savioz-fabrizzi-architectes-thomas-jantscher-conversion-of-a-barn-2

Conversion of a barn © Thomas Jantscher

Poiché le uniche aperture esistenti erano porte che davano accesso ai diversi balconi, queste sono state conservate e vetrate. Le aperture aggiuntive sono state ridotte al minimo, per evitare di sminuire il carattere del fienile. Sono state mantenute le barre per l’essiccazione del grano al fine di rendere le pareti esterne più omogenee e mantenere il fienile più vicino al suo aspetto originale.

savioz-fabrizzi-architectes-thomas-jantscher-conversion-of-a-barn-3

Conversion of a barn © Thomas Jantscher

savioz-fabrizzi-architectes-thomas-jantscher-conversion-of-a-barn-3

Conversion of a barn © Thomas Jantscher

Il basamento, costruito in calcestruzzo armato, richiama la pietra utilizzata per quello originale. La nuova base è collegata al fienile da una fascia di vetro arretrata rispetto al muro esterno in modo essere poco visibile. Questa consente alla luce naturale di raggiungere le zone aree situate nell’interrato.

savioz-fabrizzi-architectes-thomas-jantscher-conversion-of-a-barn

Conversion of a barn © Thomas Jantscher

© riproduzione riservata