Più di 120 vigili del fuoco sono stati impegnati a spegnere il rogo divampato nella Glasgow School of Art che si è poi propagato ad altre strutture. L’edificio venne danneggiato da un altro incendio quattro anni fa e i lavori di ristrutturazione erano stati appena terminati.

incendio_scuola_glasgow_rainews

L’incendio @ rainews.it

https://video.repubblica.it/mondo/scozia-incendio-devasta-la-scuola-d-arte-di-glasgow-progettata-da-mackintosh/308062/308695

L’architetto

Charles Rennie Mackintosh (1868-1929) nasce in una città portuale centro di brutalità e disuguaglianze sociali: Glasgow. Architetto, designer e pittore, sviluppò un proprio stile, caratterizzato dal contrasto tra forti angoli e motivi decorativi floreali con delicate curvature. L’architetto costruisce molto nella sua carriera: si passa dalla sede di un giornale a due scuole elementari, da una chiesa a due ville suburbane più quattro sale da thè e una scuola d’arte. Mackintosh, maggior esponente dell’Art Nouveau nel Regno Unito, è stato un architetto abile nel trasformare la struttura degli edifici in elemento forte e caratterizzante.

mackintosh_artnouveauclub

Charles Rennie Mackintosh

 

L’edificio

metalocus_gsa_before_fire_01_p

Glasgow School of Arts dopo il primo incendio @ metalocus.es

La costruzione della scuola avviene in due fasi di realizzazione: la prima, subito dopo la vittoria del concorso (1896-97), vede Mackintosh impegnato nella concretizzazione dell’ala est; la seconda (1906-20) coincide con la realizzazione del fronte ovest.

elevations_glasgow_school_art_pinterest

Prospetti est ed ovest @ Pinterest

glasgow-school-art-charles-rennie-mackintosh-architecture-education-scotland_dezeen_2364_col_8

Glasgow School of Art, prospetto ovest @ dezeen

La Glasgow School of Art è una scuola d’arte industriale moderna posta in un lotto rettangolare lungo e stretto, molto illuminato da sud. Gli atelier sono tutti orientati a nord, lato direttamente affacciato sulla strada. Il materiale di finitura principale è il granito locale, che viene usato per tre fronti sulla strada salvo quello sud, nel quale vengono utilizzati mattoni a facciavista. La collocazione dell’edificio su strada  prevede un’articolazione del fronte piuttosto inusuale per il tempo: una prevalente serialità di campate viene distrutta dal blocco accesso, che è posto asimmetricamente rispetto le aperture vetrate.

metalocus-mackintosh-building_09p

Prospetto principale @ metalocus.es

gsaarchives.net-mackintosh-building_09p

Prospetto sud @ gsaarchives.net

La pianta è organizzata in modo tale da distribuire, attraverso un corridoio, le aule della scuola. Nell’asse centrale si trova la sala del direttore, collegata a un vestibolo dal quale si arriva a una scala, situata in uno spazio a doppia altezza.

gsaarchives.net-mackintosh-building_8p

First Floor @gsaarchives.net

glasgow-school-art-charles-rennie-mackintosh-architecture-education-scotland_dezeen_2364_col_3

Glasgow School of Art, corridoio @ dezeen

La scala è il punto di forza del progetto, perché percorrendola si possono vedere i lavori degli studenti esposti nel museo. Questa è la prima volta in cui un elemento di distribuzione, posto in uno spazio che gode di luce zenitale, diventa elemento cardine di un percorso museale (vedi Guggenheim NYC). Un altro luogo straordinario è la biblioteca, che si trova nell’estremità sud-occidentale della scuola, illuminata da tre grandi bay-windows. Il fronte sud, che ospita gli atelier, è libero da schemi, tanto da sembrare non progettato.

glasgow-school-art-charles-rennie-mackintosh-architecture-education-scotland_dezeen_2364_col_0

Glasgow School of Art @ dezeen

glasgow-school-art-charles-rennie-mackintosh-architecture-education-scotland_dezeen_2364_col_10

Glasgow School of Art, biblioteca @ dezeen