L’intero complesso della Philharmonie de Paris sorge nel 19esimo distretto di Parigi, nel Parc de la Villette, in un’area delimitata da Boulevard Sérurier e Avenue Jean-Jaurès. La sua costruzione è da essere intesa come il completamento di un progetto intrapreso 20 anni fa, quello del complesso della Cité de la Musique.

Il progetto della Philharmonie, vincitrice del concorso indetto nel 2007, è firmato dall’architetto francese Jean Nouvel ed è stato portato a termine nel 2014, con l’apertura ufficiale della struttura il 15 gennaio 2015.

( PHILHARMONIEDEPARIS.FR )

( PHILHARMONIEDEPARIS.FR )

Il progetto della nuova Philharmonie non ha solo lo scopo di rendere l’edificio il centro della musica, con una grande sala da concerto ma la progettazione si estende anche alla creazione di spazi in grado di ospitare un centro pedagogico, uno spazio per esibizioni, un ristorante, e altre infrastrutture tecniche e logistiche.Tutto questo è volto al fine di aprire le porte della musica al maggior numero di persone possibili.

( JEANNOUVEL.COM )

( JEANNOUVEL.COM )

La Sinfonich Hall è nota come la Grande Salle e la sua progettazione  è stata spinta oltre i limiti possibili per creare una sala da concerto perfetto sotto ogni punto di vista. L’auditorium si sviluppa in modo che il pubblico vi sia immerso dentro, per un’esperienza di ascolto unica ed intima.

L’intera sala ha la capacità di 2400 posti, ma nonostante l’immensità dell’ambiente, l’atmosfera è intima e riservata. Questo fattore piò essere spiegato tramite calcoli matematici. La distanza tra il palco e lo spettatore più lontano è di soli 32 metri.

“La suggestione di tende immateriali drappeggiate di musica e luce, la sala sospende gli ascoltatori – spettatori nello spazio, su lunghi balconi… Questa sospensione crea l’impressione di essere immersi nella musica e luce”, spiega l’architetto Jean Nouvel.

( GRANDE SALLE - JEANNOUVEL.COM )

( GRANDE SALLE – JEANNOUVEL.COM )

Per la realizzazione della sala da concerto hanno collaborato, insieme all’Atelier Jean Nouvel, “Metra&Associés”, “Marshall Day Acoustics” e “Ducks Sceno”. Insieme hanno sviluppato un sistema audace e innovativo di balconi a sbalzo e nuvole galleggianti, combinando intenti di intimità, spaziosità e “avvolgimento”. Il palco può ospitare ogni tipo di formazione orchestrale, anche la più imponente.

( GRANDE SALLE - JEANNOUVEL.COM )

( GRANDE SALLE – JEANNOUVEL.COM )

La configurazione della sala permette di mutare il suo aspetto a seconda delle varie funzioni a cui essa deve rispondere. Le gradinate dietro il palco sono in grado di ospitare un coro se necessario; nel caso di “Cine-concerto”, il concetto modulare permette di spostare indietro il palco ed eliminare i livelli in eccedenza, aumentando il parterre. Un’altra caratteristica innovativa è la possibilità di rimozione dei posti a sedere nel parterre per lasciare spazio a concerti di musica contemporanea.

( GRANDE SALLE - PHILHARMONIEDEPARIS.FR )

( GRANDE SALLE – PHILHARMONIEDEPARIS.FR)

Un lavoro importante di sinergia è stato compiuto con il sub-consulente neozelandese Sir Harold Marshall della “Marshall Day Acoustics”. Sir Marshall ha collaborato di recente con Zaha Hadid per la progettazione di Guangzhou Opera House ed è considerato in tutto il mondo come designer altamente innovativo per la realizzazione di sale da concerto.

( GRANDE SALLE - PHILHARMONIEDEPARIS.FR )

( GRANDE SALLE – PHILHARMONIEDEPARIS.FR)

Il programma acustico prevedeva una grande chiarezza del suono combinato con un elevato riverbero ed una stretta ed intima sensazione per lo spettatore. Il tutto doveva essere concentrato in una nuova tipologia di sala da concerto. Tutto questo è stato realizzato grazie all’incredibile lavoro svolto da Nouvel e Marshall, insieme ad altri consulenti. La soluzione è stata trovata in un sistema ancestrale di balconi galleggianti che creano intimità e la camera esterna che produce un’alta riverberazione. Insieme costituiscono un sistema perfetto di risonanza per il suono.

Da un punto di vista acustico, la sala è insonorizzata contro il rumore esterno, un problema reale vista la posizione della Philharmonie nei pressi di Boulevard Sérurier. Per fare ciò lo “Studio DAP” ha utilizzato nella progettazione l’ideale della “matrioska” realizzando la due rivestimenti separati da una camera d’aria. In questo modo, la volontà di progettare un “auditorum galleggiante” è stata rimarcata.

( GRANDE SALLE - PHILHARMONIEDEPARIS.FR )

( GRANDE SALLE – PHILHARMONIEDEPARIS.FR)

Lasciando da parte la magia della Grande Salle, la Philharmonie è stata concepita come un vero e proprio spazio dedicato alla musica, offrendo numerosi servizi. Il ristorante “Le Balcon”, situato al sesto piano, offre una vista panoramica dell’intero parco, mentre al piano terra “Les Gourmandises de l’Atelier” propone cibi e bevande come una caffetteria. Intorno alla Grande Salle, il foyer offre uno vasto spazio che può essere sfruttato dai visitatori-spettatori per un momento di relax, per una semplice passeggiata, come punto di ritrovo o come luogo di lettura.

( FOYER - JEANNOUVEL.COM )

( FOYER – JEANNOUVEL.COM )

Oltre alla musica, la Philharmonie ospita una Galleria di mostre temporanee, sviluppata su circa 800 mq. Le mostre proposte sono collegate al programma musicale. Per questo motivo la galleria è stata progettata in modo da essere adattabile a diverse scenografie o iniziative artistiche. Il soffitto molto alto permette l’installazione di grandi opere contemporanee o la messa in scena di spettacoli mozzafiato.

( ESPACE D'EXPOSITIONS - PHILHARMONIEDEPARIS.FR )

( ESPACE D’EXPOSITIONS – PHILHARMONIEDEPARIS.FR )

( ESPACE D'EXPOSITIONS - PHILHARMONIEDEPARIS.FR )

( ESPACE D’EXPOSITIONS – PHILHARMONIEDEPARIS.FR )

( ESPACE D'EXPOSITIONS - PHILHARMONIEDEPARIS.FR )

( ESPACE D’EXPOSITIONS – PHILHARMONIEDEPARIS.FR )

Importante è anche il reparto pedagogico. realizzato su uno spazio di 1800 mq e situato al piano terra, esso comprende tre aule, sue sale di sensibilizzazione musicale, cinque sale per le prove di musica in gruppo, altrettante per quelle individuali, un piccolo studio per la registrazione audio e una sala pic-nic.

( ESPACES ÉDUCATIFS - PHILHARMONIEDEPARIS.FR )

( ESPACES ÉDUCATIFS – PHILHARMONIEDEPARIS.FR )

( ESPACES ÉDUCATIFS - PHILHARMONIEDEPARIS.FR )

( ESPACES ÉDUCATIFS – PHILHARMONIEDEPARIS.FR )

( ESPACES ÉDUCATIFS - PHILHARMONIEDEPARIS.FR )

( ESPACES ÉDUCATIFS – PHILHARMONIEDEPARIS.FR )

© riproduzione riservata