Nel 2015 il centro di Manhattan ha accolto il suo primo grattacielo residenziale, il Christian de Portzamparc One57. Proseguendo su queste orme, l’architetto Ioannis Oikonomou ha proposto una soluzione alternativa chiamata “The Big Bend“.

“Cosa succederebbe se i nostri edifici fossero più lunghi invece che alti?”

“I piani regolatori di New York hanno dato luogo a una serie di trucchi attraverso cui i costruttori cercano di massimizzare l’altezza delle loro proprietà. Se riusciamo a piegare la nostra struttura invece di piegare le regole urbanistiche di New York, saremo in grado di creare uno degli edifici più prestigiosi di Manhattan”. Queste le parole dei progettisti dello studio Oiio, che hanno presentato il nuovo incredibile progetto “The Big Bend” il 23 marzo a New York. Questo rivoluzionario grattacielo sfida le leggi della fisica e con la sua curva a forma di U diventerebbe l’edificio più lungo al mondo (1.220 metri).

 

“The Big Bend” poggerebbe i suoi due grandi piedi sulla 57esima strada, nel cuore di Manhattan. L’edificio inoltre sarebbe provvisto di uno speciale ascensore capace di muoversi orizzontalmente per riuscire ad attraversare la caratteristica curva.

“Ora possiamo offrire le nostre strutture con le giuste misure che risalteranno nello skyline senza preoccuparsi dei limiti del cielo.” affermano i progettisti. Ancora non sono stati dichiarati dettagli sull’eventuale attuazione di questo futuristico progetto, in grado di cambiare per sempre il panorama newyorkese.

Photo credits: ©oiiostudio

© riproduzione riservata