MUDEC, Museo delle culture Milano – Patio d’accesso al museo
PhotoCredits @ValerioRennola

Milano, una città in continua evoluzione e rigenerazione, segnata in maniera indelebile dal completamento dei vuoti urbani operato dalle grandi aziende nell’era dell’industrializzazione tramite la costruzione di stabilimenti e fabbriche per la produzione e scambio di materiali. Tra le aree modificate dagli imprenditori c’è il rione di Porta Genova, grazie alla presenza della linea ferroviaria per Vigevano e Mortara, in cui si stabilì la fabbrica Ansaldo a partire dal 1904, impianto destinato alla produzione di automobili. La storia dello stabilimento vede successioni di attività e imprese che la acquisirono portando mutamenti nella disposizione interna e nella collocazione dei locali, lasciando tuttavia invariato il profilo esterno.

MUDEC, Museo delle culture Milano – Patio d’accesso al museo
PhotoCredits @ValerioRennola

Nel 1986 la fabbrica venne chiusa per essere poi acquisita, alcuni anni dopo, dal Comune di Milano con il vincolo di utilizzo per attività culturali. Varie furono le proposte di riuso degli spazi ma, come accade spesso oggi nell’iter della progettazione in Italia, essi andarono a sfumarsi. Gli edifici rimasero cosi in disuso per alcuni anni, ad eccezione di un’iniziativa che prevedeva l’affidamento di alcuni spazi a delle associazioni per la creazione di laboratori meccanici, falegnameria, scenografia e sartoria.

MUDEC, Museo delle culture Milano – Design shop
PhotoCredits @ValerioRennola

Nel 1999, l’amministrazione Albertini lanciò un concorso internazionale di progettazione per la realizzazione di un polo museale al servizio dei cittadini, volto a dar vita nella fabbrica ex-Ansaldo ad una città della cultura. Concorso che vide tra i partecipanti giovani gruppi di architettura, tra cui G.Canali e I.Lupi, J.L.Carrilho e P.Lissoni, A.Mendini e A.Isozaki e D.Chipperfield con P+Arch.

La commissione presieduta da G.Dorfles, assegnò il primo premio al gruppo formato dall’ emergente progettista britannico David Chipperfield e lo studio milanese P+Arch, per la proposta che meglio rispondeva alle domande del bando con soluzioni nuove e senza dissociare il vecchio edificio.

MUDEC, Museo delle culture Milano – Atrio
PhotoCredits @ValerioRennola

Il progetto del museo Mudec si sviluppa intorno all’idea di mantenere l’involucro esterno originario, con relativi interventi di restauro e consolidamento, e creando all’interno degli spazi espositivi che si sviluppano concentricamente intorno ad un nodo distributivo. Per le sale espositive vengono messi in riuso dei padiglioni esistenti, accompagnati da nuove costruzioni di collegamento, per ottenere uno spazio espositivo di 17.000 mq composto da sale per esposizioni permanenti e temporanee, sala conferenze, Mudec Bistrot ed un Design store.

MUDEC, Museo delle culture Milano – Percorso di distribuzione alle sale espositive
PhotoCredits @ValerioRennola

Ogni volume risponde ad una funzione interna differente dalle altre, rendendolo cosi un edificio chiaro ed ergonomico, il denominatore comune tra questi volumi è il rivestimento in zinco di colorazione grigia, che andrà a distaccarsi totalmente da quello dell’atrio centrale in cristallo.

MUDEC, Museo delle culture Milano – Atrio
PhotoCredits @ValerioRennola

Una forma libera e organica è l’elemento caratterizzante del complesso, sospeso su un punto di convergenza di più percorsi provenienti dalle sale interne, il fiore, così definito dal progettista, illumina con luce naturale e soffice gli spettatori. La contrapposizione che c’è tra lo spazio dell’arte e lo spazio per il percorso, fa riflettere sull’attuale dibattito tra i maestri che ragionano su quanto l’arte oggi, intesa come esperienza extraordinaria, abbia bisogno di un ambiente ermetico in cui essere esposta per creare un legame intimo con lo spettatore che si trova a contemplarla, lontano dalle interferenze e dai rumori della città.

MUDEC, Museo delle culture Milano – Sale espositive
PhotoCredits @ValerioRennola

Il fine ultimo del museo è di mettere in contatto la cultura in tutte le sue forme e idee, affiancando mostre di tematismi diversi nello stesso periodo o suggerendo il dialogo degli spettatori con delle culture lontane e diverse dalla propria, che in una città come Milano e volte si possono trovare proprio dietro l’angolo.

MUDEC, Museo delle culture Milano – Percorso di distribuzione alle sale espositive
PhotoCredits @ValerioRennola

MUDEC, Museo delle culture Milano – Percorso di distribuzione ai servizi e sala conferenza
PhotoCredits @ValerioRennola

MUDEC, Museo delle culture Milano – Accesso all’atrio
PhotoCredits @ValerioRennola

MUDEC, Museo delle culture Milano – Accesso all’atrio, dettaglio corrimano
PhotoCredits @ValerioRennola

MUDEC, Museo delle culture Milano – Accesso all’atrio
PhotoCredits @ValerioRennola

© riproduzione riservata