A pochi passi dal centro di Palermo, esattamente tra i due Teatri, sorge un Bed and Breakfast unico nel suo genere. Afea Art  & Rooms è molto più di una semplice struttura ricettiva, è un incubatore artistico, uno spazio dove l’arte e la passione per l’ospitalità convivono sino a fondersi, proponendo a viaggiatori e curiosi un’esperienza unica. Il progetto parte a fine 2018 quando Danilo Alongi e la moglie Carmen Russo, proprietari della struttura, diffondono, con la collaborazione di varie realtà come il “Distretto A di Faenza”, una open call a cui rispondono numerosi artisti, alcuni di fama internazionale, che si mostrano sin da subito entusiasti e disponibili alla collaborazione.

Il risultato è una struttura ricettiva insolita, un tripudio di colori, dove ogni camera ha un’ identità propria e reca l’impronta inconfondibile dell’artista che ne ha decorato le pareti e gli oggetti d’arredamento con la visione e lo stile che gli appartengono. Tra gli altri, hanno contribuito Riccardo Buonafede, fondatore del festival Manufactury Project di Comacchio, che ha omaggiato il capoluogo siciliano attraverso alcune immagini ispirate al film “Johnny Stecchino” di Roberto Benigni, collegando l’ immagine ironica della banana alla copertina dei “Velvet Underground” di Andy Warhol e gli artisti romani Solo e Diamond che hanno immaginato il viaggio onirico di Peter Parker; marchio distintivo di Solo sono i supereroi e la Pop Art, Diamond, invece, ha un segno stilistico elegante e provocatorio che si ispira all’ Art nouveau.

Lo Stregatto e il Cappellaio Matto sono i personaggi onirici che hanno ispirato un altro artista, Vincenzo Caradonna. Il tema scelto per la “stanza di Alice” è legato al sogno e alla fantasia e quello di “Alice nel paese delle meraviglie” è un racconto dal respiro universale che piace a grandi e piccini e in cui tutti possono immedesimarsi.

Due sono i concept che rappresentano la filosofia della struttura: “The City Art Lovers of Palermo” “The Revolution Hospitality”, il primo fa riferimento alla passione per l’arte e per la città di Palermo , il secondo al modo di vivere l’ospitalità.

Carmen Russo, titolare di Afea afferma: “Non ci piace l’idea di proporre ai viaggiatori semplicemente un alloggio, ma un’experience indimenticabile. Ad Afea i nostri ospiti, oltre a sentirsi parte di una grande famiglia avranno la sensazione di soggiornare in uno spazio avvolto dal calore dell’arte“, “è bello vedere – continua il marito Danilo Alongi – la polifunzionalita di Afea, nei giorni di cantiere infatti sono nate delle connessioni artistiche  tra le persone coinvolte. Oltre che una struttura ricettiva, Afea si conferma come luogo di connessione di emozioni partendo dalla convinzione che il fare rete è una delle azioni da perseguire in tutti i campi per percorrere la strada dello sviluppo, anche economico, soprattutto in una terra come la Sicilia”.

Afea è, prima di tutto, un luogo che vuole emozionare, non una residenza d’artisti ma un incubatore di talenti in continua evoluzione, dove tutti coloro che vorranno fornire il proprio contributo saranno sempre i benvenuti.

© riproduzione riservata