Come ormai sappiamo, le nostre abitudini sono cambiate radicalmente da qualche settimana a causa della pandemia di COVID-19. Questa emergenza è diventata internazionale e tutti i paesi interessati hanno messo in quarantena, chi più chi meno, i loro cittadini. Per combattere la noia che questa situazione può creare, le grandi realtà culturali si sono fatte avanti per portare un po’ di arte in casa nostra. È il caso di due delle attrazioni più famose di Barcellona: Casa Batlló e Casa Milà, due dei capolavori di Antoni Gaudì (1852-1926).

Casa Batlló

Photo by Theodor Vasile on Unsplash

Situata al civico 46 del Passeig de Gràcia, dal 2005 è patrimonio dell’umanità dell’UNESCO. Fu costruita tra il 1906 e il 1912 sotto la richiesta di Batlló, un nobile industriale, che chiese a Gaudì di ridisegnare un palazzo che aveva acquistato l’anno precedente. Il risultato è il famoso edificio modernista che viene visitato annualmente da milioni di turisti. Dopo vari passaggi, la casa è passata nelle mani della famiglia Bernat che, nel 1995, ne ha aperto le porte al pubblico.

Photo by Lucrezia Carnelos on Unsplash

Questo è il link per visitare virtualmente la casa.

Casa Milà

Photo by Florencia Potter on Unsplash

Anche questa casa, altrimenti nota come La Pedrera, fu edificata tra il 1906 e il 1912 sullo stesso viale, al numero 92, sotto richiesta dei coniugi Roser Segimon e Pere Milà. Si sviluppa su sei piani caratterizzati da due cortili interni. Spettacolare è il tetto dell’edificio che ha un disegno architettonico completamente autonomo dal resto della casa. Quest’opera fu l’ultima importante costruzione civile di Gaudì.

Photo by Tyler Hendy on Unsplash

Questo è il link per visitare virtualmente la casa.

Un’altra occasione, questa, per viaggiare nel mondo della cultura e dell’arte restando comodamente seduti sul divano. Sono molti i modi per passare il tempo e far fruttare questo periodo di isolamento. Chi l’ha detto che in quarantena ci si annoia?

 

© riproduzione riservata