Lo spazio amato è qualcosa di diverso per ciascuno di noi: può essere una persona, un luogo d’infanzia che ci è caro, la casa dove siamo cresciuti, il posto di villeggiatura dove abbiamo trascorso tutte le estati con la nostra famiglia, oppure il mondo intero.

Per l’artista Massimo Uberti lo “SPAZIO AMATO” è, in questo caso, la Maremma. Questo splendido territorio della Toscana meridionale, ricco di bellezze naturali, storiche e archeologiche, ospita per il secondo anno di seguito la rassegna d’arte contemporanea Hypermaremma.

spazio amato Hypermaremma Massimo Uberti

Lo SPAZIO AMATO di Massimo Uberti

SPAZIO AMATO è una grande installazione luminosa al neon ideata dall’artista come omaggio al paesaggio d’eccezione di questa area della Maremma. L’opera, ospitata dalle Terre di Sacra all’interno della splendida cornice dell’oasi naturalistica del lago di Burano, ora sotto la gestione del WWF, ha come obiettivo quello di entrare in dialogo con il paesaggio circostante attraverso un’insegna che permette allo spettatore di riflettere sul carattere unico del territorio e sulla necessità di valorizzarlo e preservarlo nel tempo.

Con questa grande installazione site-specific, Uberti inserisce un elemento “poetico” e sognante all’interno di un contesto naturale spettacolare, sottolineando la sua bellezza e, allo stesso tempo, la sua fragilità. Un’occasione per ricordare la straordinarietà del nostro patrimonio artistico e naturale, troppo spesso dimenticato o inutilizzato.

La ricerca di Massimo Uberti, che da sempre si focalizza sull’articolazione espressiva del paradigma della luce come spazio possibile e rivelato, utilizza anche in questa occasione la fonte luminosa del neon come strumento semantico che reinterpreta e arricchisce il paesaggio circostante.

Il progetto è stato possibile grazie alla collaborazione con Terre di Sacra con il patrocinio del Comune di Capalbio.

Hypermaremma

Hypermaremma è un progetto nato nel 2019 da un’idea di Giorgio Galotti e Carlo Pratis, con la collaborazione di Lorenzo Bassetti, Matteo d’Aloja e Massimo Mininni, che si pone l’obiettivo di realizzare una nuova costellazione di opere, eventi di arte contemporanea, talk, installazioni e musica che accendano un faro sulla ricchezza del territorio maremmano, caratterizzato da una storia e un paesaggio unici al mondo.

Hypermaremma logo

Il programma intende quindi mettere in contatto fra loro due realtà apparentemente antitetiche come la Maremma, da sempre caratterizzata da uno stile di vita modesto e tempi dilatati, con il fenomeno tutto contemporaneo dell’iperattività, modalità che contraddistingue la nostra società e che coinvolge in modo particolare le nuove generazioni.

Massimo Uberti

Massimo Uberti (Brescia, 1966) vive e lavora a Milano.
Diplomato all’Accademia di Belle Arti di Brera. All’inizio degli anni ’90 entra a far parte del gruppo degli artisti di Via Lazzaro Palazzi, a Milano. Spazio, luce e superficie sono gli elementi che da sempre mette al centro della sua ricerca, creando luoghi per abitanti poetici. #spazioAmato #EssereSpazio #altroSpazio e #spazioNecessario sono i suoi luoghi.

Sito web: massimouberti.com

Massimo Uberti linee di costruzione

Massimo Uberti, Linee di costruzione (2018), Parco d’Arte Quarelli, Roccaverano, Asti

Info e dettagli

Terre di Sacra – Oasi WWF Lago di Burano

Strada Provinciale Litoranea b17 – Capalbio (Gr)

Coordinate: 42.4044218,11.384060522

Durata: 26 Luglio – 15 Settembre 2020

Accensione tutti i giorni dalle 18 alle 24

© riproduzione riservata