Non amo parlare di ciò che dipingo, preferisco che arrivi alle persone senza una mia influenza, parlare di ciò che faccio mi spaventa. Sono una sorta di tramite. Il mio sangue diventa colore e ciò che mi fa più paura è dover spiegare un’opera. Penso che il pittore si debba limitare a dipingere; poi gli altri parleranno, ascolteranno e diranno.

Con queste parole, Giuliano Macca, pittore siracusano ma attivo a Roma, descrive i suoi incredibili e misteriosi dipinti.

L’artista, classe 1988, presenta un’incredibile talento e creatività, che gli hanno permesso di emergere nel mondo dell’arte contemporanea e di esporre nei più importanti musei d’Italia e del mondo.

Giuliano, già in tenera età, mostrò un forte talento per la pittura:

Ho iniziato a dipingere molto presto, intorno ai cinque/sei anni. Ho avuto la fortuna di avere un nonno che dipingeva, una persona che era dentro l’ambiente artistico. Dal primo momento in cui mi diedero una penna e un foglio non sono più riuscito a separarmici. Sin da subito è diventato il mio rifugio nel mondo.

L’artista nel 2008 si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Roma, dove conosce il suo mentore Michele Cossyro, che lo aiuta a gettare le basi della sua estetica e a maturare il proprio stile artistico.

Nel dicembre del 2018 espone alla mostra collettiva “miths and legends” promossa dalla galleria romana RVB arts. Dopo il grande successo di quest’ultima, la galleria decide di realizzare la mostra ” Cuori di Cristallo” interamente dedicata ai particolari dipinti di Giuliano.

Nei ritratti realizzati dal pittore vediamo uomini e donne con numerosi occhi sparsi per tutto il viso.  Giuliano spiega con queste parole questo sue forte interesse per questi “particolari” soggetti:

Sento la forte esigenza, tramite questi volti, di raccontare l’annullamento umano che stiamo vivendo. Gli occhi per me sono il mare del nostro corpo e io da buon siciliano amo il mare e quello che è in grado di cantare al nostro animo.

Tutti i personaggi emanano un’aurea di mistero. Osservandoli ci si chiede chi siano e cosa stiano pensando. Sono soprattutto gli occhi ad attrarre lo sguardo; sono talmente magnetici da monopolizzare l’attenzione dello spettatore e trascinarlo in un mondo lontano.

Giuliano non si dedica solamente ai dipinti, ma realizza anche incredibili disegni con la penna nera Bic. Questi schizzi raffigurano coppie di amanti intenti a baciarsi e danzare o parti anatomiche del corpo umano come cuori o ossa.

Giuliano predilige realizzare i suoi disegni con inchiostro e carta, mentre i dipinti sono tutti composti da colori a olio. L’artista utilizza anche un supporto che non è assolutamente legato al  mondo dei materiali artistici, ovvero le banconote.

In questo modo unisce l’arte, considerata spesso la cosa più “nobile” concepita dalla mente umana, e i soldi, considerati spesso “volgari”.  Con questi schizzi la cartamoneta diventa un’opera d’arte vera e propria, trasformandosi, ai nostri occhi, in qualcosa di completamente diverso.

Giuliano, per realizzare i suoi dipinti, prende ispirazioni da molte cose, come lui stesso dichiara:

Sembra scontato dire che mi ispira la vita, ma così è. Amo i documentari e passo intere nottate a leggere le cose più impensabili al mondo scordandomi di dormire. Tutto ciò che leggo, ascolto, e vedo entra dentro di me come un colpo di fucile e una volta metabolizzato lo tiro fuori . E confesso che non sono neanche così cosciente di ciò che faccio! Lo faccio e questo spero basti.

Fotografia dell’artista nel suo studio a Roma

L’artista quindi si fa guidare dalle sensazioni, in questo modo le sue opere risultano essere più toccanti e sincere. Osservando dal vivo i suoi dipinti possiamo sentire l’emozione che ha guidato la mano del pittore durante la realizzazione del dipinto.

Per Giuliano è importante permettere a tutti di godere dei suoi dipinti. Per questo decide sia di caricarli su Instagram, social molto utilizzato dagli artisti, sia di realizzare delle stampe a basso prezzo che tutti possono acquistare.

Riguardo Instagram, l’artista ha le idee chiare su quanto sia importante questo mezzo:

Poter condividere con gente che magari sta a 3.000 km da te una tua opera è bellissimo e ancora più bello se le persone che la ricevono vengono incentivate a vedere le opere anche di persona. Usare i social in maniera intelligente potrebbe addirittura salvarci da questa assenza di bellezza vera.

L’arte di Giuliano presenta molti spunti interessanti e innovativi. Senza alcun dubbio l’artista lascerà una traccia nella storia dell’arte grazie ai suoi incredibili capolavori.

 

Visita il  sito web dell’artista

© riproduzione riservata