Le fiere d’arte ormai sono un vero e proprio appuntamento fisso per chi, gallerista o appassionato, gira intorno al mondo dell’arte contemporanea. Il primo grande appuntamento del 2020 è con Arte Fiera a Bologna che si terrà nel capoluogo emiliano dal 24 al 26 gennaio 2020. La fiera, arrivata ormai alla sua 44esima edizione, verrà diretta per il secondo anno consecutivo dal curatore indipendente Simone Menegoi, che spera di proseguire quel percorso di innovazione iniziato l’anno scorso.

Arte Fiera, come ogni fiera, dividerà le diverse gallerie in quattro grandi sezioni: Main Section, vero pilastro dell’evento dove verranno a raggrupparsi le gallerie più grandi e importanti, Pittura XXI, grande novità di quest’anno curata da Davide Ferri, critico e curatore indipendente, Focus, organizzata da Laura Cherubini, e infine Fotografia e immagini in movimento, gestita dalla piattaforma curatoriale Fantom (nata nel 2009 tra New York e Milano).

Tra i partecipanti ci sarà la White Noise Gallery che presenterà alcuni lavori di Nelson Pernisco.
In foto: “L’eternité n’est guère plus longue que la vie” Installazioni di Nelson Pernisco
Credits: @White Noise Gallery

La Main Section vede la presenza di numerose gallerie e riconferma i limiti in vigore già l’anno scorso. Infatti ogni galleria, in base alla grandezza del proprio stand, sarà obbligata a presentare tre o sei artisti. Moltissime gallerie hanno invece optato per la presentazione di un’esposizione monografica dedicata interamente ad un unico artista.

Pittura XXI, proprio come dice il nome, punterà sul linguaggio più dibattuto dell’arte contemporanea: la pittura. Questo medium molto antico, purtroppo, viene spesso denigrato dagli artisti che prediligono usare altri materiali che considerano più “contemporanei” e “innovativi”. Arte Fiera 2020 va invece controcorrente e presenta un’intera sezione dedicata alla pittura, volendo proprio dimostrare come sia un elemento ancora vivo e importante all’interno del tessuto contemporaneo.

La terza sezione, intitolata Focus, prenderà in considerazione l’arte della prima metà del XX secolo e i Post-War Masters. Questa sezione viene affidata ogni anno ad un curatore diverso e quest’anno, come abbiamo detto precedentemente, la scelta è caduta sulla curatrice e storica dell’arte Laura Cherubini.

L’ultima grande sezione, Fotografia e immagini in movimento, vuole invece soffermarsi sul mondo della fotografia e dei video, medium oggi molto diffusi e utilizzati dagli artisti. In questa sezione parteciperanno moltissime gallerie specializzate proprio in questi settori.

Tutte le gallerie partecipanti saranno in gara per i diversi premi messi in palio da Arte Fiera. Questi premi saranno assegnati dai diversi partner della fiera aiutati da giurie specializzate composte da curatori, collezionisti, direttori di musei e professionisti del settore.

Come ogni fiera che si rispetti, anche Arte Fiera presenterà alcuni Public Program dedicati al mondo dell’arte contemporanea. Anche quest’anno sarà presente Courtesy Emilia-Romagna, ciclo di esposizioni che vorrebbero coinvolgere le collezioni d’arte moderna e contemporanea pubbliche e private presenti in Emilia Romagna. Il format prevede una mostra temporanea come momento per valorizzare e conoscere un patrimonio artistico che si pone come una sorta di “museo diffuso”.

Ritornerà anche OPLA’- Performing Activities dedicata interamente al mondo delle perfomance artistiche. Per questa edizioni si prevedono le esibizioni di  Alessandro BosettiLuca VitoneZapruder filmmakersgroup e Jimmie Durham.Quest’ultimo artista ha vinto il prestigioso Leone d’Oro alla carriera durante il 58° della Biennale di Venezia. Durham proporrà al pubblico di Arte Fiera un nuovo lavoro ispirato a una delle sue performance iconiche, eseguito solo una volta in precedenza.

Come annunciato in occasione della XV edizione della Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI, Eva Marisaldi sarà l’artista protagonista di Arte Fiera 2020 con un’opera creata ad hoc per l’occasione. Il progetto, in cantiere dalla scorsa primavera, si intitola Welcome, e si compone di due parti: una grande installazione che accoglierà i visitatori all’ingresso della Fiera, e un intervento diffuso in vari punti dei padiglioni fieristici e della città di Bologna. L’artista interverrà inoltre al Teatro Comunale di Bologna, a suggellare la collaborazione fra la Fiera e l’importante istituzione cittadina.

Saranno presenti anche alcuni talk (che non vi spoileriamo per non rovinarvi la sorpresa) organizzati anche quest’anno da Flash Art, rivista d’arte contemporanea tra le più importanti in Italia. Tutti i talk presenti vorranno stimolare alcune discussioni inerenti al mondo dell’arte contemporanea, pieno di pregi e difetti.

Arte Fiera inoltre può contare sulla collaborazione di partner importanti che la sostengono nella proposta di ristoranti di qualità; si rinnova infatti l’alleanza con FICO Eataly World Bologna che presenterà in fiera un punto ristorazione e vendita di prodotti alimentari.

Dopo questi presupposti non possiamo che aspettare con ansia Arte Fiera per vedere i risultati e le opere esposte dalle gallerie. Riuscirà a riconfermarsi come la fiera più importante d’Italia o perderà questo suo primato? Lo scopriremo solamente quando aprirà le proprie porte il 24 gennaio 2020. Voi ci sarete?

Dettagli evento

Luogo:
Quartiere Fieristico di Bologna, Padiglioni 15 e 18
Date:
24/01/2020 - 26/01/2020
Orario:
Da venerdì a domenica: 11:00-19:00
Costo:
26 € biglietto intero. Gratuito per i ragazzi fino 10 anni compresi.
© riproduzione riservata