I territori della Provincia di Rovigo e del Delta del Po, da aprile a settembre 2017, saranno teatro di un evento culturale dalla portata internazionale: il Festival “Arte per la Libertà”. Si tratta per l’appunto di un festival promosso dall’Associazione culturale Voci per la Libertà , sostenuto dall’ente regionale DeltArte, a tutela e promozione dei territori del Delta del Po, ed Amnesty International, la più grande organizzazione internazionale non governativa a favore dei diritti umani.

Mappa dei territori del Polesine (Provincia di Rovigo) e del Delta del Po. Fonte: www.polesineterratraduefiumi.it

Un percorso emozionante che unisce luoghi significativi e non convenzionali dei territori del Polesine e del Delta come ville storiche, spiagge, corti e piazze, imbarcazioni, per dare vita ad un evento unico nel suo genere. A rafforzare l’intento primario del festival sensibilizzando la popolazione su tematiche globali, è stato anche il riconoscimento del territorio del Delta del Po a Riserva MaB UNESCO. Si espande così una realtà regionale, si affaccia oltre i confini nazionali, diventando un nuovo potente strumento dell’UNESCO per dare concretezza agli obiettivi per i quali nacque: impedire la formazione di qualsiasi tipologia di conflitto sconfiggendo guerre e terrorismi.

 

Logo “Voci per la Libertà” di Amnesty International. Fonte: www.arteperlalibera.it

L’Arte, in tutte le sue forme, diventa lo strumento educativo attraverso cui insegnare la cultura internazionale dei diritti dell’uomo. Verrà dato ampio spazio soprattutto ai performers under 35, affinché più giovani possibili si soffermino sull’importanza del raggiungimento di parità ed uguaglianza, non solo tra sessi ma in primis tra le diverse popolazioni mondiali. Musica, Teatro, Cinema ed Arte Contemporanea sono il nuovo linguaggio per i diritti umani, un nuovo modo per far arrivare forti messaggi nel cuore prima che nella mente. C’è bisogno di trasformarli nell’emozione dell’arte.

Graffiti “Arte per la libertà” . Fonte: www.facebookarteperlaliberta.it

 

Graffiti “Arte la Libertà”. Fonte: www.facebookarteperlaliberta.it

Obiettivi del Festival:

  • Maggiore rilevanza culturale, anche a livello nazionale, grazie ad un’unica proposta artistica;
  • Capitalizzazione delle competenze e rafforzamento dello spirito di squadra;
  • Immagine unitaria forte, con la quale procedere nelle azioni di fundraising;
  • Promozione unitaria dei diritti umani, dell’ambiente, dell’arte e creatività nel territorio di riferimento;
  • Coinvolgimento del territorio, in particolare dei giovani;
  • Valorizzazione delle caratteristiche uniche dei territori in cui il festival è inserito, dal punto di vista culturale, economico, turistico e ambientale;
  • Trasformazione di questi luoghi estranei alle dinamiche “di massa” in contenitori culturali capaci di attrarre sia un pubblico locale sia un pubblico nazionale;
  • Realizzare una manifestazione che parli a generazioni differenti con differenti linguaggi;
  • Creare un’occasione di confronto e promozione comune tra gli operatori del territorio.

Il tema dei diritti umani è un messaggio universale che trascende i confini creando legami indissolubili ed è per questa ragione che il Festival “Arte per la Libertà”, unico in Italia, grazie al sostegno di Amnesty International, ha lo scopo di stimolare un dibattito e una profonda riflessione tramite la creatività di artisti provenienti da tutto il mondo. Si genera così un modo “sociale” di intendere l’arte, capace di provocare il pubblico, che deve essere incuriosito dalla portata straordinaria dell’evento, al punto da diventare egli in prima persona consumatore di cultura.

 

Layout 1

 

INFO:
Via Paganini, 16 – 45010 Villadose (RO)
Web: www.vociperlaliberta.it info@vociperlaliberta.it 
www.facebook.com/arteperlaliberta/

Presidente Giovanni Stefani: g.stefani1966@gmail.com – 3357291745

© riproduzione riservata