Se siete appassionati di arte contemporanea o volete semplicemente conoscere alcune delle migliori gallerie italiane e non, la fiera ArtVerona fa al caso vostro.

L’evento, che occuperà gli spazi rinnovati di Veronafiere dall’ 11 al 13 ottobre, offrirà un percorso comprendente 150 gallerie e  suddiviso in cinque grandi sezioni diverse.

Manifesto di ArtVerona.
fonte: profilo Facebook di ArtVerona 2019

La prima ripartizione, intitolata Main Section comprende sia gallerie attive nel mondo dell’arte moderna contemporanea, sia gallerie maggiormente interessate alla sperimentazione e alla ricerca. La seconda e la terza sezione, intitolate rispettivamente Focus On e Grand Tour, guardano entrambe all’estero.

Focus On, che comprende 5 gallerie, punta allo scenario artistico della Repubblica Ceca e della Slovacchia. Questi due paesi presentano un fiorente mercato dell’arte, pieno di artisti emergenti e affermati molto interessanti.  Grand Tour è invece dedicata alla visione di 6 gallerie e galleristi che dall’Italia hanno aperto una sede all’estero o viceversa.

A queste sezioni si affiancano le due ripartizioni dedicate alle realtà più giovani: Scouting, comprendente 16 gallerie, e Raw Zone dove ne sono raggruppate 8.  Il percorso in fiera prosegue con Free Stage, suddivisione dedicata agli artisti che ancora non sono rappresentati da una galleria.  Quest’anno saranno presenti 8 giovani promesse invitate da Alberto Garutti e  14 project spaces selezionati per i10 Spazi Indipendenti, a cura di Cristiano Seganfreddo.

Questa quindicesima edizione di ArtVerona vede nuove adesioni affiancate a significativi ritorni. Questo risultato è segno di un progetto che sta ottenendo sempre più successo all’interno del mercato dell’arte.

Anche il nuovo ingresso della fiera ospiterà alcune installazioni artistiche. I visitatori potranno attraversare l’architettura effimera “Mi Casa Tu CasaReversal House” di Daniel González, e si imbatteranno nell’Innobiliare Sud Ovest, un intervento tra performance, parodia e denuncia dell’artista Giovanni Scotti, che vede il coinvolgimento della scrittrice Chiara Zocchi e dello storico dell’arte Diego Mantoan.

Per festeggiare il suo quindicesimo compleanno, ArtVerona ha deciso di ampliare l’esperienza della fiera aprendo eccezionalmente al pubblico le Gallerie Mercatali situate all’interno quartiere fieristico. I 6.400 mq di questo affascinante edificio di archeologia industriale in corso di restauro da parte di Veronafiere si trasformano per tre giorni in Loony Park, una grande installazione ambientale dell’artista Norma Jeane, realizzata da Contemporary Locus e a cura di Paola Tognon.

Norma Jeane, Loony Park. Ph: Mario Albergati.
Courtesy: ArtVerona

Alla fine della fiera verranno anche distribuiti i numerosi premi messi in palio da ArtVerona. Ai riconoscimenti dell’anno scorso si affiancheranno: il Premio MZ Costruzioni, nato su iniziativa di due imprenditori e collezionisti campani, e il “Premio Casarini” ideato dal Gruppo DueTorriHotels e rivolto alla pittura under 35.

La fiera presenterà alcuni talk dedicati al collezionismo italiano cercando di delineare le prospettive future. Per questi eventi saranno invitati un ricco parterre di ospiti  portatori di diverse storie di relazioni tra arte e impresa, di collezionismo di famiglia, di grande e piccolo budget.

Anche il centro storico di Verona coglierà l’occasione di festeggiare questo importantissimo evento proponendo diversi eventi dedicati al mondo dell’arte contemporanea. Musei, gallerie e fondazioni presenteranno diverse esposizioni allo scopo di far scoprire al grande pubblico alcuni dei luoghi più belli e unici della città veneta.

Tra gli eventi proposti segnaliamo To be played, video, immagine in movimento e video-installazione nella generazione ottanta promossa da Giardino Giusti e curata  da Jessica Bianchera e Marta Ferretti e le tre iniziative della Galleria d’Arte Moderna Achille Forti – Palazzo della Ragione.

Analizziamo due delle gallerie presenti all’interno della fiera di ArtVerona, scoprendo in anteprima alcuni degli artisti che hanno deciso di presentare a questo evento.

AREA/B – ( Collocata nella sezione Main Section)

La galleria milanese diretta da Isabella Tupone reduce dal grande successo della mostra “Sandro Chia, L’esercito dell’imperatore” propone una ricca selezione degli artisti affiliati.

Lo spazio espositivo, collocato all’interno del Padiglione 11, si suddivide in due parti: una dedicata ad artisti giovani ed emergenti come Laura Giardino e David Cesaria,  l’altra invece dedicata ad artisti più “storicizzati” come Giorgio De Chirico e Enrico Baj.

La galleria Area/B porterà anche alcuni dei guerrieri di Xi’An di Sandro Chia, opere difficilmente esposte al grande pubblico.

Questa ricca selezione di opere rende la galleria Area/B una delle più interessanti e innovative all’interno di ArtVerona. Se volete vedere opere dai colori sgargianti e dal sapore prettamente “pop”, questa è la galleria che fa per voi!

GALLERIA ENRICO ASTUNI – (Collocata nella sezione Main Section)

La galleria bolognese diretta da Enrico Astuni porta ad ArtVerona una serie di artisti ormai storicizzati e con una posizione dominante all’interno del mercato dell’arte odierno. Tra i nomi degli artisti selezionati troviamo Christian Jankowski, Gabriele Basilico e Steven Pippin.

Galleria Enrico Astuni si colloca all’interno del padiglione 12. Se volete ammirare opere di artisti contemporanei famosi, e presenti nei più rinomati musei del mondo, vi consigliamo senz’altro il percorso espositivo di questa galleria.

 

 

Dettagli evento

Luogo:
Padiglioni 11 e 12 di Veronafiere, Ingresso Re Teodorico - Viale dell'industria, 37135 Verona
Date:
11/10/2019 - 13/10/2019
Orario:
Venerdì 11 Ottobre: 11:00 - 14:00
Sabato 12 e Domenica 13 Ottobre: 11:00-19:00
Costo:
Ingresso intero giornaliero: 15 Euro -Ridotto Giornaliero 8 Euro (scolaresche, studenti universitari, over 65)
© riproduzione riservata