Dal 20 febbraio e fino al 29 maggio 2019 il museo nazionale della scienza e della tecnologia ‘Leonardo da Vinci’ di Milano ospiterà la mostra ‘Dream beasts’. Protagoniste dell’ esposizione sono le grandiose sculture zoomorfe dell’artista olandese Theo Jansen, star di fama internazionale e uno fra i maggiori esponenti dell’arte cinetica.

Fu dopo aver studiato fisica all’università che Jansen decise di intraprendere l’attività artistica dedicandosi, all’inizio, alla pittura e al disegno. La sua prima vera opera d’arte cinetica, in grado di fondere insieme scultura e movimento, risale al 1980: in quell’anno, Jansen seminò il panico nella cittadina olandese di Delft lanciando nel cielo un disco volante realizzato su un’ossatura di tubi in PVC e in grado di galleggiare nell’aria grazie all’elio con cui era stato riempito.

Il ‘disco volante’ progettato da Jansen nel 1980

Agli anni ottanta risalgono anche le prime strandbeests, gli animali da spiaggia, quelle creature semoventi che lo hanno reso celebre in tutto il mondo come il Leonardo da Vinci del ventunesimo secolo. Le prime sculture, anche queste assemblate con tubi in PVC e nastro adesivo, non erano ancora in grado di spostarsi; le bestie da spiaggia, nel progetto originario, erano esclusivamente destinate all’esposizione su spiagge e dune costiere. Solo in un secondo momento, Jansen si è cimentato nella consistente impresa di imprimere alle sue gigantesche sculture forme di movimento autonomo.

Sfruttando le proprie conoscenze nel campo della fisica, l’artista ha dotato le strandbeests di particolari «ali», delle pale a vento poste sul dorso della scultura, il cui movimento è in grado di attivare e sostenere il meccanismo di deambulazione laterale delle creature, una sorta di camminata lenta durante la quale esse tengono sempre il ‘naso‘ in direzione del vento. Questo semplice espediente meccanico sta all’origine della caratteristica andatura caracollante e permette a questi moderni dinosauri, dotati di ‘zampe‘ speciali, di muoversi sulla sabbia senza alcuna difficoltà.

Theo Jansen e uno dei suoi ‘animali da spiaggia’. Fonte: museoscienza.org

Ogni strandbeest, inoltre, porta un nome latino che ne indica la specificità e l’era di appartenenza. Capaci di modificare il proprio comportamento su base percettiva e di adattarsi autonomamente all’ambiente che le ospita attraverso semplici sensori – possono rilevare una marea e optare per un percorso differente – le strandbeests sono in grado di incanalare aria dentro bottiglie come fossero organi interni così da alimentare il loro movimento anche in assenza di forze esterne.

Come in una vera evoluzione darwiniana, le creature sono divenute nel tempo più complesse mantenendo le caratteristiche anatomiche delle precedenti e innovandole perseguendo l’obiettivo fondamentale per ogni specie vivente: la sopravvivenza.

“I confini tra arte e ingegneria esistono solo nelle nostre menti.”

Theo Jansen

Da questo assunto si sviluppa la poetica dell’artista olandese che lo avvicina idealmente allo spirito di Leonardo da Vinci, simbolo dell’unità dei saperi e del dialogo tra la cultura umanistica e la cultura tecnico-scientifica. Proprio come nel genio universale fiorentino, il suo sguardo unisce arte, scienza e tecnica, tutto questo ha spinto il museo milanese a presentare per la prima volta in Italia le creature di Jansen nell’anno delle celebrazioni del cinquecentenario dalla morte di Leonardo.

Tra i partner dell’evento anche la compagnia aerea olandese KLM,  da sempre pioniera nel campo dell’innovazione e attenta a tutto ciò che volge lo sguardo al futuro, mantenendo salda la fede nella propria tradizione. Non poteva esserci occasione migliore che quella della mostra milanese per evidenziare quanto mondi diversi possano avvicinarsi uniti da una passione comune: l’arte.  Dimostrazione ne è l’impegno nel sostegno di un artista innovativo, un visionario non convenzionale in grado di trasformare il sapere scientifico in una rappresentazione puntuale della bellezza della natura.

Dettagli evento

Luogo:
Museo della scienza e della tecnologia 'Leonardo da Vinci' - via San Vittore, 21 - Milano
Date:
02/02/2019 - 29/05/2019
Orario:
da martedì a venerdì: 9.30 – 17 | sabato e festivi 9.30 - 18.30.
Costo:
intero 10,00 € | ridotto 7,50 €