“Ai miei tempi i giovani avevano molta più voglia di lavorare, di mettersi in gioco“, “Io alla tua età avevo già un lavoro avviato, ero un professionista“, “Le generazioni di oggi sono succubi del consumismo e adorano restare a casa con mamma e papà”. Quante volte queste frasi hanno riecheggiato nella nostra testa a forza di ascoltarle? Luoghi comuni hanno nocivamente portato a credere che la nostra generazione, quella della fine degli anni Novanta ed inizio Duemila, sia formata da ragazzi svogliati e dediti all’ozio. La mostra “Giovani Creativi – le origini del genio” è pronta a farvi ricredere. Il progetto, giunto alla sua seconda edizione, presenta dodici talenti italiani under 30, i quali si sono distinti per le loro competenze e capacità in diversi rami, come l’arte, il design, la letteratura, la musica, la moda e la cucina. I ritratti dei giovani professionisti e imprenditori verranno esposti per comunicare al pubblico l’importanza di investire sul futuro culturale italiano e sui nuovi talenti.

Federica Sofia Zambeletti / Kozarch (Architettura), Giovanni Vetere (Arte), Alain Parroni (Cinema), Burro Studio (Comunicazione Visiva), Michele Lazzarini (Cucina), Susanna Salvi (Danza), Antonio Facco (Design), Sofia Podestà (Fotografia), Davide Dattoli (Imprenditoria), Marzia Sicignano (Letteratura), Davide Gallo / PROGRAMMA (Moda), Yakamoto Kotzuga / Giacomo Mazzucato (Musica): questi sono i nomi dei giovani creativi che vengono presentati attraverso una luce completamente nuova. L’iniziativa porterà in mostra i loro ritratti fotografici, realizzati da Riccardo Ferranti, all’interno di alcuni dei siti più importanti del patrimonio culturale romano come i Mercati di Traiano, il Foro di Augusto, il Parco Archeologico dell’Appia Antica, il Museo Nazionale Romano – Palazzo Massimo,Villa Adriana e le Terme di Caracalla. Insieme a Ferranti, che ha condotto i celebrativi scatti, hanno collaborato anche Simone Galli, il quale si è occupato delle foto narrative, e Giovanna Di Lisciandro con il supporto di Alvin Fabbroni, per la parte video.

Il progetto verrà ospitato dal Museo Nazionale Romano, presso la sede di Palazzo Massimo. L’iniziativa curata da Nicola Brucoli e Carlo Settimio Battisti, direttori di TWM Factory, è stata realizzata in collaborazione con il MiBACT – Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo e con il Museo Nazionale Romano; il grande pubblico avrà la possibilità di fruire di questa mostra fino al 31 gennaio 2020. La TWM Factory si configura come Associazione Culturale, organizzatrice di eventi artistici e ferma sostenitrice di nuove realtà all’interno della Capitale. A promuovere le attività della Factory è The Walkman Magazine, rivista online che si propone come vetrina del Made in Italy, sempre alla ricerca di artisti emergenti.

La scelta delle varie aree archeologiche di Roma va a simboleggiare le “origini del genio”, del genio italico, da dove affondano le nostre radici, un vero e proprio connubio tra passato e futuro. I ritratti dei nuovi talenti vengono messi in risalto dai meravigliosi scenari regalati dalle antiche romane, il più importante tassello nella storia del nostro Paese. L’esposizione permetterà di avvicinarsi ai giovani creativi anche attraverso interviste e biografie, che daranno la possibilità al visitatore di entrare in contatto con i percorsi professionali ed espressivi dei ragazzi. Durante il periodo della mostra, tantissime saranno le iniziative e i talk grazie ai quali il pubblico potrà interagire con i protagonisti, creando una ricca rete di contatti e scambi culturali.

 

 

Dettagli evento

Luogo:
Museo Nazionale Romano - Palazzo Massimo, Largo di Villa Peretti, 2, 00185 Roma RM
Date:
19/11/2019 - 31/01/2020
Orario:
Da martedì a domenica 9:00-19:45
© riproduzione riservata