Dopo la conferenza stampa di quest’estate,  apre ufficialmente le porte al pubblico la mostra Guggenheim. La collezione Thannhauser, da van Gogh a Picasso.

Dal 17 ottobre 2019 al 1 marzo 2020 sarà infatti possibile ammirare nelle meravigliose sale del Palazzo Reale di Milano i capolavori d’arte della collezione donata da Justin K. Thannhauser alla Solomon R. Guggenheim Foundation di New York.

La tappa di Milano è la meta finale di un viaggio che ha portato la collezione per la prima volta nel nostro continente, dopo essere stata esposta in altri due prestigiosi musei europei: il Guggenheim di Bilbao e l’Hôtel de Caumont di Aix-en-Provence.

I visitatori potranno vedere una delle più pregevoli collezioni moderne: 50 opere di artisti che hanno fatto la storia dell’arte moderna come Cézanne, Renoir, Gaugin, Monet, Manet, Van Gogh e Picasso.

La mostra si inserisce in un progetto che il polo espositivo porta avanti da molti anni: “Musei del mondo a Palazzo Reale”. Essa stata promossa e prodotta dal Comune di Milano Cultura, Palazzo Reale MondoMostre Skira, organizzata in collaborazione con The Solomon R. Guggenheim Foundation, New York e curata da Megan Fontanella, curatrice di arte moderna al Guggenheim.

La scelta di Milano per questa esposizione non è casuale, infatti numerosi artisti esposti hanno avuto un rapporto molto stretto con le avanguardie milanesi e in generale con il panorama culturale della città. Basti pensare all’esperienza di Picasso che nella sala delle Cariatidi di Palazzo Reale volle esporre Guernica in una rassegna che fece la storia.

Importanti sono le parole del Sindaco di Milano, Giuseppe Sala, che sottolineano il ruolo fondamentale che ha ormai raggiunto la metropoli meneghina in ambito culturale:

“La scelta di Milano da parte del Guggenheim è la più chiara conferma del ruolo ormai primario della nostra città nel quadro del sistema espositivo internazionale. Questa mostra va oltre se stessa, conferma un metodo di lavoro oltre a una amicizia consolidata con i poli espositivi di New York.”

Ma qual è la storia di questa importante collezione?

Per comprenderne appieno le vicende bisogna tornare al 1909, quando la famiglia Thannhauser apre a Monaco la Moderne Galerie, che si distinse fin da subito per l’alta qualità della proposta culturale. Proprio qui infatti venne ospitata la prima mostra del Der Blaue Reiter (Il Cavaliere Azzurro), un movimento che vide tra i suoi promotori Kandinsky, artista molto apprezzato da Solomon Guggenheim che infatti collezionò 150 opere dell’artista iniziatore dell’astrattismo.

Proprio i Thannhauser aiutarono artisti allora emergenti come Vincent van Gogh e Henry Rousseau ad essere apprezzati dal pubblico.

Il 1913 fu molto prolifico per la famiglia: in quell’anno ospitarono la prima mostra in Germania degli italiani Futuristi, furono tra i promotori dell’arte moderna europea negli Stati Uniti partecipando all’Armory Show di New York e organizzarono una delle più grandi mostre di Picasso in Germania; tale evento inaugurò una grande amicizia tra Justin Thannhauser e Pablo Picasso che terminerà solo nel 1973, anno della morte dell’artista spagnolo.

Negli anni successivi organizzarono esibizioni su Van Gogh, Gaugin, Monet, Cezanne e Matisse.

Il successo fu così grande che la famiglia aprì altre due gallerie a Lucerna e a Berlino.

Le cose iniziarono a cambiare con lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale che costrinse la famiglia a lasciare la Germania. Nel 1944 morì il primogenito in guerra proprio in Italia, nel 1952 il secondo figlio si suicidò e nel 1960 Justin perse l’adorata moglie Kate.

Nonostante queste tragedie egli effettuò il generoso e civile gesto di donare le sue opere al Guggenheim, giustificando così quest’azione:

“Dopo aver vissuto per cinquecento anni in Germania la mia famiglia è ora estinta. Per questo desidero donare la mia collezione. Con questo gesto l’opera di tutta la mia vita trova infine il suo significato”.

Dettagli evento

Luogo:
Milano, Palazzo Reale, Piazza Duomo 12
Date:
17/10/2019 - 01/03/2020
Orario:
Lunedì 14.30 - 19.30
Martedì, mercoledì, venerdì e domenica 9.30 - 19.30
Giovedì e sabato: 9.30 - 22.30
Costo:
Intero 14 euro
© riproduzione riservata