a Palazzo Strozzi il 21 settembre è finalmente stato inaugurato l’ultimo atto di una trilogia di mostre, iniziata con Bronzino. Pittore e poeta alla corte dei Medici nel 2010 e degnamente proseguita con Pontormo e Rosso Fiorentino. Divergenti vie della “maniera” nel 2014, a cura di Carlo Falciani e Antonio Natali.

Il Cinquecento a Firenze è certamente da inserire tra le mostre più interessanti di questo autunno, celebrando alcune tra le manifestazioni artistiche più imponenti del XVI secolo segnate dalle riforme della chiesa cattolica, sotto il periodo detto della Controriforma, definite dal Concilio Tridentino. Ma la mostra non si limita a seguire questo binario; avanza, infatti, uno stimolante confronto tra Maniera moderna e Controriforma, tra la produzione artistica pre-Manierista del Rinascimento maturo e un’arte più vicina alle esigenze spirituali, al fedele e ad una sua corretta interpretazione delle immagini di devozione. Comparazione arricchita dal confrontro senza tempo del topos sacro e profano, con riferimenti all’attività mecenatistica del Granduca di Toscana Francesco I de’ Medici.

Sala 1, Photo credits: Fondazione Palazzo Strozzi

A stupire subito il visitatore è la sala del ‘trio delle meraviglie’ che può vantare l’inedito accostamento fra la “Deposizione della croce” di Volterra di Rosso Fiorentino, la “Deposizione” di Santa Felicita del Pontormo (recentemente restaurata da Daniele Rossi insieme all’assistente Gloria Verniani, sotto la guida di Daniele Rapino e grazie al finanziamento dell’organizzazione no profit Friends of Florence) e il Cristo deposto di Besançon del Bronzino (concessa in via del tutto eccezionale, lontana da Firenze dal 1545). Palazzo Strozzi per questa occasione può vantare nelle otto sale ben 70 opere esposte, tra dipinti e sculture, di 41 artisti tra i quali ritroviamo grandi maestri come Michelangelo, Giorgio Vasari, Andrea Del Sarto, Bronzino, Giambologna e Bartolomeo Ammannati solo per citarne alcuni.

La mostra ha permesso un’importante campagna di restauri condotta in occasione dell’esposizione ed è stata prodotta e organizzata dalla Fondazione Palazzo Strozzi con l’Arcidiocesi di Firenze, la Direzione Centrale per l’Amministrazione del Fondo Edifici di Culto del Ministero dell’Interno e la Soprintendenza Archeologia delle Belle Arti e del Paesaggio per la città metropolitana di Firenze e per le province di Pistoia e Prato. Con il supporto del Comune di Firenze, Camera di Commercio di Firenze, Associazione Partners Palazzo Strozzi e Regione Toscana e il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze.

Periodo
21 settembre 2017 – 21 gennaio 2018

Dove
Palazzo Strozzi
Piazza degli Strozzi
Firenze

Orari
Tutti i giorni inclusi i festivi 10.00-20.00
Giovedì 10.00-23.00

Ingresso
– intero 13€
– ridotto 10.50€
– ridotto ragazzi 5€ (il giovedì dopo le ore 18.00)
– Trenitalia 2×1  6.50€  (possessori Cartafreccia con biglietto Le Frecce destinazione Firenze)

© riproduzione riservata