Il 19 Gennaio scorso Matera è diventata ufficialmente capitale europea della cultura per il 2019. La cerimonia di inaugurazione ha proiettato sulla piccola e suggestiva città dei sassi l’attenzione dei media di tutto il mondo e ha dato il via ad un anno ricco di eventi imperdibili.

Ad aprire la rassegna è la mostra ‘La persistenza degli opposti’, un percorso tematico nato dalla collaborazione fra l’associazione culturale La scaletta e la società internazionale Dalì Universe che si snoda lungo l’incantevole scenario del complesso rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci.

Matera, capitale europea della cultura 2019

Il percorso è dedicato a Salvador Dalì, artista eclettico e poliedrico, non solo pittore ma anche abilissimo scultore, scrittore, illustratore e regista. La passione e il travolgente desiderio di esprimersi nel campo della scultura sono stati una costante della sua vita. Dalí era affascinato da questa tecnica artistica che padroneggiava perfettamente e ha concepito negli anni una serie di modelli originali da tramutare in sculture e oggetti surreali. In tal modo, il suo genio creativo ha potuto manifestarsi nella tridimensionalità, trasformando in sculture quelle che restano tra le più famose ed amate immagini iconografiche create nel corso della sua vita.

Salvador Dalì

In mostra sono presenti ben 200 opere autentiche, tre sculture monumentali ( ‘La danza del tempo II’, ‘Elefante spaziale’ e ‘Il piano surrealista’) che dominano l’ancestrale paesaggio materano e piccole illustrazioni, opere in vetro e arredi dell’artista, coniugate a una serie di exhibit multimediali. Occasione più unica che rara di toccare con mano la collezione più importante di opere tridimensionali di Dalì, messa insieme con passione negli ultimi 40 anni dalla Dalì Universe.

Collezione ‘Dalì Universe’

L’intera esposizione ruota attorno alla questione delle dicotomie e della convivenza tra elementi di segno opposto. I temi scelti per la passeggiata museale sono quattro: il Tempo, vera e propria ossessione per l’artista spagnolo che lo definì una costante incostante e che ne indagò ogni aspetto, da quello scientifico a quello psicanalitico; gli Involucri, il contrasto esterno/interno in accordo con la concezione psicologica per cui gli individui costruiscono difese protettive (dure) intorno alla vulnerabile psiche (morbida); la Religione , tema che ha giocato un ruolo centrale nella vita dell’artista dagli anni ’50 in poi, quando, nel periodo della ‘mistica nucleare’, reinterpretò le figure religiose attraverso concetti scientifici e giochi spaziali. Infine, le Metamorfosi conla sovrapposizione della realtà pura, atavica e geologica con quella onirica per cui una roccia può trasformarsi, in base alla luce, in un cammello o in un gallo.

Il risultato è un percorso multisensoriale, un’esperienza fortemente innovativa e coinvolgente che prevede anche la possibilità di assistere alla proiezione di un docufilm e di partecipare a un laboratorio multimediale a scopo didattico pensato per i più giovani.

 

Dettagli evento

Luogo:
Matera - Complesso rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci
Date:
Dicembre 2018 - Dicembre 2019
Orario:
Dal lunedì alla domenica: dalle 10.00 alle 18.00 (la biglietteria chiude un’ora prima della chiusura del complesso)
Costo:
Biglietto Intero € 12,00