Che l’Italia sia il Paese dei geni, naviganti ed eroi da tempo immemore è risaputo in ogni angolo del mondo, ma ogni occasione che lo sottolinea è un emozionante arricchimento per tutta la comunità.

Ad evitare ogni smentita sul valore dell’estro creativo italico è arrivata la mostra fotografica “Paolo Roversi – Studio Luce”, il celebre fotografo nativo di Ravenna che da decenni collabora con le più grandi aziende del mercato internazionale. La mostra ha aperto i battenti lo scorso 10 ottobre e proseguirà fino al 10 gennaio 2021 negli spazi espositivi del MAR – Museo d’Arte della città di Ravenna.

KATE MOSS, NEW YORK 1993 (FOR HARPER’S BAZAAR) © PAOLO ROVERSI

KATE MOSS, NEW YORK 1993 (FOR HARPER’S BAZAAR) © PAOLO ROVERSI

L’esposizione è a cura di Chiara Bardelli Nonino, può contare sulle scenografie di Jean – Hugues de Chatillon e il progetto esecutivo di Silvestrin & Associati, realizzata dal Comune di Ravenna – Assessorato alla Cultura e MAR, con il prezioso contributo di Christian Dior Couture, Dauphin e Pirelli in qualità di sponsor principali di tale evento. Per la città romagnola e non solo, costituisce un’occasione unica per conoscere a fondo il lavoro del grande fotografo ravennate.

Svolgendosi in concomitanza con le celebrazioni per il settecentesimo anniversario della morte di Dante, lungo l’articolato percorso espositivo che si estende su tre piani è presente anche una nutrita selezione di scatti provenienti dall’archivio dell’artista che celebrano e reinventano la figura della “musa ispiratrice” del Sommo Poeta fiorentino. Rappresenta un rimando ideale alla Beatrice della Divina Commedia, qui interpretata in chiave contemporanea da donne iconiche come Natalia Vodianova, Kate Moss, Naomi Campbell e Rihanna: donne dal fascino indiscutibile, di successo, dalla forte personalità e dal grande carisma proprio come il suo grande amore non corrisposto.

NAOMI CAMPBELL, PARIS 1997 (FOR VOGUE ITALIA) © PAOLO ROVERSI

Naomi Campbell, PARIS 1997 (FOR VOGUE ITALIA) © PAOLO ROVERSI

Nella prima parte del cammino espositivo le prime fotografie di moda di Paolo Roversi, insieme ad una serie di ritratti di amici e artisti che si alternano ad oggetti accantonati della vita quotidiana, come gli sgabelli raccolti in strada o a quelli della Deardorff.

A quanto riporta il sito CERCOTECH.it, LF Deardorff & Sons Inc. è stato un produttore di macchine fotografiche con obiettivo a soffietto da 4×5 pollici e di grandi dimensioni con struttura in legno dal 1923 al 1988. Questo genere di macchine fotografiche sono caratterizzate da scatti su pellicola diapositiva con bordino, soprattutto quando le foto sono fatte con la Deardorff prima e poi con Sinar, molto  frequenti nell’ambito della moda.

Tra le opere più recenti del Maestro Roversi non potevano mancare gli scatti per il Calendario Pirelli 2020, insieme a immagini di moda mai esposte, frutto del lavoro decennale per brand come Dior e Comme des Garçons e per magazine come Vogue Italia.

Il nostro genio della fotografia Paolo Roversi, ormai 73enne, lavora a Parigi dal lontano 1973, nel suo atelier in Rue Paul Fort (lo Studio Luce che dà il titolo alla mostra), ma nelle opere esposte sono numerosi i rimandi a Ravenna, città natale e luogo che più di ogni altro ha influenzato il suo immaginario.

Dettagli evento

Luogo:
MAR - Museo d'Arte della città di Ravenna, via di Roma, 13 RA
Date:
10/10/2020 - 10/01/2021
Orario:
9-18 dal martedì a domenica
lunedì chiuso
(il servizio di biglietteria termina un’ora prima della chiusura)
Costo:
€ 9 intero; € 7 ridotto e gruppi ; € 5 studenti e insegnanti
Sito web:
www.mar.ra.it
© riproduzione riservata