Lo scorso giovedì 12 dicembre 2019, è stata inaugurata “Andrea Mantegna. Rivivere l’antico, costruire il moderno” presso Palazzo Madama di Torino. La mostra, che rimarrà aperta fino a lunedì 4 maggio 2020, ha l’ambizione di presentare al pubblico l’artista nella sua integrità. Con lo scopo di creare un ideale percorso che permette al fruitore di individuare i focus centrali che hanno caratterizzato la carriera artistica del Mantegna.

La grande esposizione torinese – promossa e organizzata grazie agli sforzi di Fondazione Torino Musei, Intesa Sanpaolo e Civita Mostre e Musei – vede quindi protagonista uno dei più importanti geni del Rinascimento italiano, ed è stato possibile organizzarla grazie ad oltre un centinaio di opere e manufatti provenienti da alcune tra le più grandi collezioni d’arte del mondo: dal Museo del Louvre di Parigi al Metropolitan Museum di New York, dallo Staatliche Museum di Berlino al Liechtenstein Museum di Vienna.

Ecce Homo Mantegna Musee Jacquemart-Andre Parigi

“Ecce Homo” di Andrea Mantegna, Musee Jacquemart-Andre di Parigi

Andrea Mantegna è stato un artista capace di coniugare nelle proprie opere la sua intima passione per la classicità, che imita e prende ad esempio ma mai copia, con le sue suggestive sperimentazioni prospettiche. Il tutto accompagnato da uno straordinario realismo della figura umana.

L’allestimento espositivo è suddiviso in sei sezioni, così da poter rendere maggiormente leggibile il percorso personale e artistico del Mantegna. Si pone come punto d’inizio gli sbalorditivi esordi giovanili, fino a giungere al suo apice come primo tra gli artisti alla corte dei Gonzaga di Mantova. Oltre ai suoi numerosi successi professionali si fa luce sui suoi interessi meno noti, come l’architettura e il rapporto che ebbe con i letterati a lui contemporanei.

«Le mostre dal 1961 in poi ci hanno insegnato che per capire l’arte di Mantegna non è sufficiente guardare alle sue opere», affermano i curatori Sandrina Bandera, Howard Burns e Vincenzo Farinella. «Risulta invece necessario informarsi sulle circostanze nelle quali furono realizzate e anche sulla cultura, sull’ambiente e sulla personalità del pittore».

Ritratto di giovane senatore Giovanni Bellini Museo Padova

“Ritratto di giovane senatore” di Giovanni Bellini, Museo d’Arte Medioevale e Moderna di Padova

Proseguono: «Questa mostra torinese, quindi, non è solo un’esposizione con meravigliose opere di Mantegna e di molti altri artisti che sono stati in relazione con lui» – infatti sono anche presenti opere di importanti personalità che contribuirono a formare il linguaggio artistico del pittore come Donatello, Bellini, Squarcione, Bramante, Alberti – «ma intende anche costituire una rappresentazione di quella che è stata la sua creazione più straordinaria, cioè l’originalissima immagine di sé stesso messa a punto dall’artista in sessant’anni di carriera».

Da segnalare che l’esposizione temporanea è introdotta da una proiezione multimediale. Nella corte medievale di Palazzo Madama sono allestiti tre grandi schermi in cui è proposta ai fruitori una vera e propria esperienza immersiva nelle opere e nei luoghi cari a Mantegna. L’idea è stata quella di rendere in qualche modo fruibili anche quelle opere che fisicamente risultano impossibile da muovere. Così è possibile ammirare importanti capolavori come i meravigliosi affreschi della Camera degli Sposi del Castello di San Giorgio a Mantova o quelli della Cappella Ovetari di Padova, passando anche per la sua residenza privata di Mantova, fino al grande ciclo di tele dei Trionfi di Cesare conservati presso l’ Hampton Court a Londra.

 

Fonte immagini: tutte le fotografie, compresa l’immagine di copertina, sono state reperite tramite l’ufficio stampa della mostra.

 

Il manifesto della mostra "Andrea Mantegna. Rivivere l'antico, costruire il moderno", Torino

Il manifesto della mostra “Andrea Mantegna. Rivivere l’antico, costruire il moderno”, Torino

Dettagli evento

Luogo:
Palazzo Madama di Torino
Date:
12/12/2019 - 04/05/2020
Orario:
Lunedì, mercoledì, venerdì e domenica dalle 10.00 alle 18.00
Giovedì e sabato dalle 10.00 alle 21.00
Chiusura martedì
La biglietteria chiude un’ora e mezza prima
Costo:
Intero: 15€ - Ridotto: 13€ - Ridotto under 25: 7€
© riproduzione riservata