La diminuzione delle temperature accompagnata da venti e piogge ci ricorda che l’autunno è oramai alle porte, il rientro dei cittadini dalle vacanze è però seguito dal germogliare di interessanti mostre nel panorama culturale italiano. Roma in questo non è da meno, proponendo a residenti e turisti un ventaglio interessante di mostre in programma per i prossimi mesi. Le sedi museali e le gallerie presenti in città lasciano al visitatore l’imbarazzo della scelta, e informandosi un po’ è possibile selezionare le attrattive più interessanti di questa stagione: tra i nomi di spicco figurano Leonardo, Valadier, Bacon, Gio Ponti e Frida Khalo, senza trascurare l’apertura di inediti spazi come il Musja e il Palazzo Bonaparte con l’esposizione di oltre 50 opere di artisti impressionisti.
Artwave ha selezionato per voi sei mostre di questo autunno, per spingervi a curiosare un po’ tra alcuni dei nostri gioielli museali, vediamole insieme:

VALADIER. TRIONFO DELLO STILE NELLA ROMA DEL SETTECENTO
Luigi Maria Valadier è ampiamente considerato come uno dei protagonisti indiscussi del gusto a Roma nella seconda metà del Settecento. Padre degli argentieri Filippo, Tommaso, Luigi e del celebre architetto Giuseppe, sviluppò un altissimo livello tecnico nella lavorazione dell’argento e del bronzo, che gli valse la fiducia di importanti committenti a livello europeo come Pio VI, l’Elettore Carlo Teodoro di Baviera o il duca di York Enrico Benedetto Stuart. Significativo, ai fini della mostra alla Galleria Borghese, è lo stretto rapporto con il potente aristocratico romano Marcantonio Borghese per il quale Luigi disegnò arredi, camini, realizzò monumentali servizi da tavola, compose intere sale, connotando fortemente con il suo stile tutto il principato.

QUANDO: Dal 30 Ottobre 2019 al 02 Febbraio 2020
LUOGO: Galleria Borghese, Piazzale Scipione Borghese

BACON, FREUD, LA SCUOLA DI LONDRA. OPERE DELLA TATE
Grazie a uno straordinario prestito della Tate, sarà possibile immergersi al Chiostro del Bramante nell’universo della Scuola di Londra, con uno sguardo di oltre sette decenni sull’arte britannica. In mostra saranno presenti oltre quarantacinque opere tra dipinti, disegni e incisioni partorite dalle menti di Francis Bacon, Lucian Freud, Michael Andrews, Frank Auerbach, Leon Kossoff e Paula Rego. Sei artisti che nell’arco cronologico compreso tra il 1945 e il 2004 hanno segnato un’epoca, ispirato generazioni e utilizzato la pittura per raccontare la vita. Tanti i temi affrontati: gli anni della guerra e del dopoguerra, storie di immigrazione, tensioni, miserie e insieme, desiderio di cambiamento, ricerca e introspezione, ruolo della donna, dibattito culturale e riscatto sociale.

QUANDO: Dal 26 Settembre 2019 al 23 Febbraio 2020
LUOGO: Chiostro del Bramante, Via della pace

Francis Bacon, Seated Figure, 1961. Credits SIAE e Tate

LEONARDO A ROMA. INFLUENZE ED EREDITÀ
In occasione delle Celebrazioni dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci è stata realizzata una mostra che permettesse di indagare e scoprire il giovamento di un’influenza reciproca tra Leonardo e la stessa città di Roma. L’artista ebbe modo di soggiornare nella città dei papi tra il 1513 e il 1517, al seguito di Giuliano de’ Medici, fratello di Leone X, in quella che fu la sua ultima tappa in Italia prima di prestare definitivamente servizio a Francesco I sovrano di Francia. In mostra sarà affrontato in particolare il rapporto di Leonardo con Raffaello Sanzio, le reciproche influenze e la ricettività dai modelli classici con i quali entrambi dialogarono. Nella cornice dei Giardini della Farnesina sarà inoltre realizzata una ricostruzione della “Bottega di Leonardo”.

QUANDO: Dal 03 Ottobre 2019 al 12 Gennaio 2020
LUOGO: Villa Farnesina, via della Lungara n.230

Credits: Accademia dei Lincei

MEDARDO ROSSO
Il Museo di Palazzo Altemps, custode di numerose perle scultoree di arte antica romana, si presta bene a un dialogo ideale con le opere dello scultore Medardo Rosso che rende il percorso di lettura del repertorio e della modernità dell’artista inedito e stimolante. Oltre a una selezione di opere in cera, gesso e bronzo saranno esposte delle sue fotografie, realizzate in un contesto storico in cui tale mezzo si stava andando a definire come ricerca autonoma e compiuta. L’esposizione segue un filo tematico, privilegiando il rapporto di diverse opere accomunate da uno stesso soggetto, con un focus sull’originalità delle sperimentazioni tecniche sui materiali impiegati dall’artista.

QUANDO: Dal 09 Ottobre 2019 al 02 Febbraio 2020
LUOGO: Museo Nazionale Romano di Palazzo Altemps, Piazza di Sant’Apollinare n.46

Medardo Rosso, Parigi 1890, autoritratto nello studio. Credits: Museo Nazionale Romano Palazzo Altemps

FRIDA KAHLO. IL CAOS DENTRO
All’interno della mostra sensoriale dal titolo Il caos dentro è possibile seguire dei percorsi tematici per immergersi completamente nel mondo di Frida e accedere a focus dedicati alle singole opere. Si racconta la storia di un’artista unica, percorrendo i luoghi della sua vita come la sua casa a Città del Messico, la sua camera da letto, il suo studio e il giardino di Casa Azul, nonché il suo rapporto con il marito Diego Rivera. Oltre alle opere d’arte proposte in formato Modlight, la Collezione dello Spazio Eventi Tirso presenta anche centinaia di fotografie personali, ritratti d’autore, lettere, pagine di diario, abiti e gioielli ispirati all’artista, per un viaggio a 360 gradi nell’universo di Frida.

QUANDO: Dal 12 Ottobre 2019 al 29 Marzo 2020
LUOGO: Spazio Eventi Tirso, Via Tirso n.16/18

Frida Kahlo. Il caos dentro. Credits: Spazio Eventi Tirso

DIEGO PERRONE. LA NOTTE ALL’INDIETRO PESA
All’interno del museo di Palazzo Massimo alle Terme, più precisamente nella Sala della dea Roma, sarà possibile ammirare la scultura dal titolo La notte all’indietro pesa nel nuovo progetto dell’artista Diego Perrone. Vincitore della terza edizione di Italian Council, ha ideato una scultura di pasta di vetro pensata come un insieme di forme e soggetti stratificati su un unico volume. Nella parte a bassorilievo emerge il profilo di un volto raffigurato da una prospettiva inusuale, mentre nella parte centrale sono state modellate a rilievo due mani nell’atto di mostrare due orologi da polso. La tecnica utilizzata per questa opera è definita come pate de verre, letteralmente “pasta di vetro”, e consiste in una fusione a cera persa del vetro in uno stampo di gesso refrattario.

QUANDO: Dal 24 Luglio 2019 al 07 Gennaio 2020
LUOGO: Museo Nazionale Romano di Palazzo Massimo, Largo di Villa Peretti n.2

Diego Perrone, La notte all’indietro pesa. Museo Nazionale Romano – Palazzo Massimo, Roma. Ph. Giorgio Benni. Credits: Museo Nazionale Romano Palazzo Massimo

© riproduzione riservata