Tutti conosciamo la celebre fotografia denominata ‘Ragazza afgana’, scattata nel 1984 e successivamente pubblicata sulla copertina della rivista National Geographic del numero di giugno del 1985. L’immagine fece il giro del mondo e divenne il simbolo dei conflitti afgani degli anni ottanta.

Era il 2009 quando veniva allestita in Italia la prima delle rassegne dedicate a Steve McCurry, a questa sono seguite altre grandi mostre che hanno offerto al pubblico del bel paese la possibilità di scoprire il talento e la straordinaria produzione del fotografo nato a Philadelphia nel 1950. Ormai da qualche anno la mostre a lui dedicate rappresentano un polo d’attrazione per un pubblico trasversale, fatto di esperti o semplici amatori, giovani e meno giovani, che riconoscono nel suo lavoro una delle testimonianze più veritiere del nostro tempo.

Steve McCurry, Ragazza afgana, 1984

Per iniziativa della Fondazione Torino Musei e di Civita, il fotografo e reporter torna in Italia dal 2 marzo al 1 luglio 2019, nella Corte Medievale di Palazzo Madama, con la rassegna fotografica intitolata “Steve McCurry. Leggere”, dedicata all’amore per i libri e alla più universale tra le passioni: la lettura. 

La mostra mette insieme una selezione di scatti realizzati in oltre quarant’anni di carriera dal celeberrimo fotografo americano, le stesse immagini che, nel 2016, hanno ispirato la nascita del volume omonimo, edito da Mondadori e pubblicato come omaggio ad un altro fotografo, l’ungherese André Kertész. “Steve McCurry. Leggere” approda nel capoluogo piemontese a due anni dal grande successo bresciano e la scelta della città della Mole non è da considerarsi un caso se, anche in virtù del Salone del Libro, Torino può essere considerata a tutti gli effetti la “capitale italiana della lettura”.

Fonte: libreriamo.it

La rassegna è curata da Biba Giacchetti con i contributi letterari di Roberto Cotroneo, giornalista e scrittore, e presenta 65 fotografie che ritraggono uomini e donne di tutto il mondo assorte nell’atto intimo della lettura. L’obiettivo di McCurry si muove tra gli scenari più svariati ed eterogenei, dalle strade di Roma ai monasteri dell’Asia orientale, dalle terre desolate di un Afghanistan martoriato dai conflitti civili al caos delle grandi metropoli indiane, regalandoci immagini colme di suggestione.

Le persone ritratte si immergono nella lettura di libri, giornali o riviste. Giovani e anziani, ricchi e poveri, religiosi e laici, in ogni angolo del pianeta, trovano conforto nella lettura, la scorciatoia più breve verso l’immaginazione. I colori sono quelli nitidi e vibranti che appartengono al mondo artistico di McCurry e che hanno fatto di lui uno dei fotografi più amati e apprezzati dal grande pubblico.

Fonte: libreriamo.it

Una serie di brani letterari, scelti da Roberto Cotroneo, fanno da corredo alle immagini e celebrano il connubio tra fotografia e parola scritta. In una sorta di percorso parallelo, un vero contrappunto di parole dedicate alla lettura affianca gli scatti di McCurry coinvolgendo il visitatore in un rapporto intimo e diretto con la lettura e con le immagini.

La mostra è completata dalla sezione Leggere McCurry’, dedicata ai libri pubblicati a partire dal 1985 con le foto di Steve McCurry, molti dei quali tradotti in varie lingue. Ne sono esposti 15, alcuni ormai introvabili, insieme ai più recenti, tra cui proprio il volume che ha ispirato la realizzazione di questa mostra. Tutti i libri sono accompagnati dalle foto utilizzate per le copertine, le icone che lo hanno reso celebre in tutto il mondo.

Fonte: libreriamo.it

Le istantanee di McCurry raccontano il potere evocativo della lettura che, per fortuna, non ha ha patria né confini. Tenere un libro tra le mani per sfogliarne le pagine è un gesto che, da sempre, accomuna tutti gli uomini del mondo.  La mostra, che è al tempo stesso un omaggio alla parola scritta e un invito alla lettura, racconta la necessità e insieme la bellezza di dedicare del tempo ai libri, le fondamenta su cui si erge la costruzione della cultura, la sola ancora in grado di salvarci.

Dettagli evento

Luogo:
Palazzo Madama, Torino
Date:
02/03/2019 - 01/07/2019
Orario:
Ore 10.00-18.00 dal Lunedì alla Domenica. Chiuso il martedì.
Costo:
Intero € 10 Ridotto € 8