Torna a Cesena, con tante novità ed eventi, l’imperdibile Festival Internazionale del Cibo di Strada che ogni anno richiama curiosi e turisti da tutta Europa. Si tratta in assoluto della prima manifestazione del settore sorta in Italia con l’intento di valorizzare e promuovere le antiche – ma al tempo stesso contemporanee – culture gastronomiche provenienti da ogni angolo del Pianeta.

Da venerdì 4 ottobre fino a domenica 6 ottobre gli appassionati dello street food potranno compiere, racchiuso in una sola piazza, un goloso tour gastronomico attraverso le più saporite tradizioni culinarie di mezzo mondo. Piazza del Popolo sarà il cuore pulsante della manifestazione, ad essa si aggiungeranno altri luoghi del centro storico ed altre iniziative che animeranno la città per un intero fine settimana.

Fonte: pagina FB Festival del Cibo di Strada.

 

Street Food

Ad eccezione dell’Oceania, ogni continente avrà una sua rappresentanza in Piazza del Popolo. Le Americhe potranno vantare isole gastronomiche provenienti da Argentina, Messico, Perù e Venezuela. L’Africa sarà rappresentata dal Marocco mentre l’Asia da Cina, Giappone e India. Per l’Europa ci saranno Grecia e Spagna, senza dimenticare le cucine regionali italiane: infatti, oltre ad un piccolo tour del mondo, si potrà compiere anche un prelibato Giro d’Italia attraverso specialità provenienti da Abruzzo, Campania, Emilia, Liguria, Marche, Puglia, Toscana ed ovviamente dalla Romagna.

A pochi passi di distanza, in Piazza della Libertà, quest’anno è stata allestita una Street Food Truck Area, dove si potranno trovare alcune postazioni “nomadi”: simpatici furgoncini itineranti dove chef locali lasceranno temporaneamente le loro cucine per cimentarsi nella preparazione di pietanze da addentare mentre si passeggia. Infine non si può non segnalare anche il Magazzino dei Caffè del Mondo: un’area della kermesse dedicata esclusivamente alle degustazioni guidate dei caffè, appunto, provenienti da varie aree del Pianeta. Si potrà così provare un’esperienza unica, assaggiando nelle più diverse preparazione questa bevanda ormai così diffusa in tutte le popolazioni.

 

Street Art

Ad arricchire l’evento gastronomico viene in aiuto anche il mondo delle arti di strada. Artisti nazionali ed internazionali si cimenteranno nelle antiche arti performative che da secoli animano le piazze delle nostre città. La programmazione prevede spettacoli sia per i grandi che per i più piccoli. Tra saltimbanchi, giocolieri, teatranti, equilibristi ci sarà solo che l’imbarazzo della scelta.

Delle performance musicali segnaliamo: le esibizioni del sudamericano, proveniente da Bogotà, Carlos Forero con il suo progetto Cumbia Poder; e i Sonny Yea, che con ricercate sonorità vi faranno fare un viaggio onirico dalle umide foreste della Colombia fino agli aridi deserti dell’Arabia Saudita.

Performance artistiche al Festival Internazionale Cibo di Strada. Fonte: www.cibodistrada.it

Ricordiamo anche la mostra fotografica allestita per le vie e le stradine del centro storico “Look Food”. Dal 26 settembre fino al 13 ottobre è possibile percorrere un itinerario per immagini, culminante nei locali della prestigiosa Biblioteca Malatestiana, che ci vuole raccontare non solo l’aspetto culinario ma anche le numerose storie e tradizioni che si celano dietro i cibi.

 

Eventi collaterali

A corredo della manifestazione sono stati organizzati anche due showcooking curati del giornalista gastronomade Chef Kumalè, alias Vittorio Castellani. E il laboratorio “Slow Food: gioca di gusto!”, un modo alternativo per scoprire i segreti della gastronomia attraverso tutti e cinque i sensi.

Infine, per la prima volta, quest’anno verrà assegnato il Premio Gianpiero Giordani Street Food Award. Momento in cui verranno premiate le forme più autentiche di ristorazione. Il riconoscimento è dedicato alla memoria di Gianpiero Giordani: storico ideatore e animatore del Festival scomparso prematuramente lo scorso inverno.

 

Per maggiori informazioni, consigliamo di consultare il sito internet ufficiale del festival: www.cibodistrada.com

© riproduzione riservata