Fairtrade è un marchio di certificazione per prodotti enogastronomici che garantisce, attraverso l’adozione di determinati criteri di equità, un corretto trattamento dei piccoli agricoltori nei Paesi in via di sviluppo. Nello specifico, l’organizzazione stabilisce specifici standard per le imprese con lo scopo di assicurare ai lavoratori uno stipendio minimo, che li ripaghi correttamente degli sforzi compiuti e che permetta loro di coprire i costi di produzione. Per raggiugere questo obiettivo, Fairtrade riveste il ruolo di intermediario tra contadini e aziende al fine di ridurre le ingiustizie che talvolta caratterizzano il mercato internazionale.

Al momento, l’organizzazione capofila Fairtrade International conta più di 30.000 prodotti in vendita in 150 paesi nel mondo, realizzati da 1,6 milioni di agricoltori in 75 nazioni tra Asia, Africa e America Latina.

Attivo dal 1994, l’ente Fairtrade Italia collabora con aziende aderenti agli standard proposti concedendo loro il marchio “Fairtrade” in sub-licenza, a garanzia di un corretto trattamento dei lavoratori e del controllo di tutta la filiera produttiva delle merci provenienti dai Paesi in via di sviluppo. Attualmente, in Italia sono venduti più di 750 prodotti marchiati Fairtrade acquistabili in numerosi supermercati, come Aldi, Carrefour, Conad, Coop, CraiDespar, Ecornaturasì, EuroSpin, Selex, iN’s, Lidl, Mpreis e Pam Panorama.

Prodotti Coop con marchio di certificazione Fairtrade. Fonte: Pagina Facebook di Fairtrade Italia.

In occasione della Giornata mondiale del Commercio Equo, festeggiata l’11 maggio, Fairtrade lancia “La Grande Sfida Fairtrade”, la campagna dedicata al supporto dei prodotti e dei valori promossi da Fairtrade giunta ormai alla sua quarta edizione. L’evento, che si svolgerà tra il 10 e il 12 maggio prossimi, coinvolgerà 150 tra bar e locali che sosterranno la causa con degustazioni, attività ludiche e di approfondimento sul tema del commercio equo. In ognuno di questi luoghi, inoltre, sarà posto un “contacaffè” che registrerà il numero di consumatori dei prodotti con il marchio di certificazione e che decreterà il vincitore del premio “Fairtrade Best Bar 2019”.

Logo de “La Grande Sfida Fairtrade”. Fonte: Ufficio stampa di Fairtrade Italia.

 

Come prendere parte alla Grande Sfida Fairtrade? Le modalità di partecipazione sono due: consultando la mappa del sito web www.grandesfidafairtrade.it sarà possibile scoprire tutte le iniziative, oppure iscrivendosi al medesimo indirizzo sarà possibile programmare il proprio evento. Fairtrade Italia, infatti, invita tutti ad organizzare una pausa caffè tra colleghi, un picnic tra amici o un pasto in famiglia con i prodotti del commercio equo. Nella fase di registrazione sul sito sarà possibile richiedere un kit che conterrà magliette, poster e bandierine per realizzare un evento in pieno stile Fairtrade. Per chi posterà sui social foto e video con l’hashtag #grandesfidafairtrade sono stati messi in palio dei gadget.

Perché prendere parte alla Grande Sfida Fairtrade? Richiamando l’attenzione e l’interesse dei consumatori su un problema che affligge il mercato internazionale, come quello del pagamento non equo dei piccoli agricoltori nei Paesi in via di sviluppo, Fairtrade vuole sensibilizzare i cittadini su tale tematica attraverso una campagna che rappresenta una vera e propria opportunità per dimostrare il proprio sostegno a questi lavoratori che, come tutti, hanno diritto ad un salario dignitoso.

Celebrando la Giornata Mondiale del Commercio Equo e partecipando alla Grande Sfida Fairtrade è possibile far sì che una piccola azione di tanti si trasformi in un grande aiuto per molti.

 

Immagine di copertina: Caffè Fairtrade. Fonte: Pagina Facebook di Fairtrade Italia.

 

© riproduzione riservata