Milano Wine Week contro la discriminazione: a partire da oggi, 19 giugno, ha inizio la Rainbow Edition dei Wine Telling (ideati proprio da MWW).

Si tratta di un’edizione speciale, poichè si svolgerà in concomitanza con la Milano Pride Week, la settimana dell’orgoglio delle persone lesbiche, omosessuali, bisessuali, transessuali, gueer, intersessuali e asessuali.

Anche quest’evento, come tantissimi altri, ha subito le conseguenze dell’emergenza coronavirus, che l’ha trasformato in una ricorrenza completamente online.

Il format degli “aperitivi digitali” era stato, infatti, ideato (e molto seguito) durante il periodo di lockdown; stavolta, però, abbraccia un tema attualissimo e talvolta ancora troppo scottante, rinfrescandolo con un buon calice di vino.

Wine Telling della Milano Wine Week

La Milano Wine Week diventa digitale. Credits: Alessia Rizzetto Press Office

La Milano Wine Week

La Milano Wine Week, ideatrice dei Wine Telling, è il primo evento italiano dedicato al mondo del vino, capace di riunire Opinion Leader, professionisti internazionali, organizzazioni, operatori di settore e consumatori.

La prossima edizione è stata programmata – salvo imprevisti – dal 3 all’11 ottobre 2020.

Nel frattempo, in questo momento così delicato, la MWW è stata costretta a puntare sulle attività Digital, diventate, ora più che mai, strumenti indispensabili per continuare a vivere l’experience del vino ed avvicinarla ad un pubblico sempre più ampio.

I Wine Telling della Rainbow Edition

Un’experience che parla di inclusività, che offre un calice di vino per toccare tematiche delicate e controverse, per abbattere i pregiudizi e abbracciare la diversità, facendolo, però, in una modalità conviviale, rilassata e non convenzionale.

Sei saranno gli appuntamenti da non perdere nei sette giorni che vanno dal 19 al 28 giugno e che animeranno la Rainbow Edition dei Wine Telling.

Si tratterà di puntate che diventano digitali grazie a un progetto “phygital”, ovvero a metà tra fisico e digitale, e che saranno trasmesse da alcuni locali “LGBTQI* friendly” di Milano in live streaming sul profilo Instagram di Milano Wine Week.

Luoghi e personaggi dei Wine Telling

Dal Mono di via Lecco al POP di via Tadino al ristorante Immorale e a un luogo iconico come il Piccolo Teatro Strehler, queste ed altre location ospiteranno – in via del tutto eccezionale – delle conversazioni “one-to-one” tra personalità del panorama culturale milanese (speacker radiofonici, deejay, scrittori, performers), intervallate dalla piacevole degustazione di un buon calice di vino.

Le degustazioni saranno poi abbinate ad una playlist pubblicata sul canale ufficiale di Spotify, approcciando al mondo enologico in una modalità assolutamente non convenzionale.

Come ha raccontato Federico Gordini, Presidente della Milano Wine Week, tutto nasce dalla volontà di creare “un ponte e una connessione tra persone in un momento difficile“. Quest’edizione speciale dei Wine Telling vuole inaugurare un nuovo modo di comunicare, rivelando nuovi metodi per avvicinarsi al pubblico e parlare di attualità.

Sarà, inoltre, un modo per “dare visibilità ai tanti locali di somministrazione milanesi del circuito LGBTQI* in un momento di ripartenza dopo le difficoltà causate dal lockdown”.

Gli appuntamenti

L’agenda è piena di appuntamenti interessanti, che renderanno la settimana davvero degna di essere vissuta (digitalmente, ovvio) e che sono visibili sulla pagina ufficiale Rainbow WineTelling:

– Venerdì 19 giugno: da Q Milano con Carlo Mognaschi e Fabio Marelli
– Sabato 20 giugno: dal POP con Protopapa e Monica J. Romano
– Domenica 21 giugno: dai profili IG Festival MIX e Milano Film Festival e dal Piccolo Teatro, con Alessandro Beretta e Debora Guma
– Giovedì 25 giugno al Rocket con l’iconica Barbarella e Frida Affer
– Venerdì 26 giugno presso Immorale con Manuel Menin e Lina Galore
– Domenica 28 giugno presso MONO con Andrea Ratti e Albert Hofer

Preparatevi dunque ad alzare i calici e ad accendere gli schermi, ma soprattutto  a brindare alla bellezza della diversità.

© riproduzione riservata