Il cibo da strada, meglio conosciuto come street food, rappresenta tutti gli alimenti e bevande ready-to-eat, cioè prodotti preparati e venduti nelle strade e nei luoghi pubblici.

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) afferma che il cibo da strada sia una significativa realtà del consumo alimentare urbano, grazie alla quale milioni di cittadini possono acquistare un pasto, equilibrato a livello nutrizionale, a prezzo contenuto.
Lo street food di oggi è il prodotto di culture gastronomiche passate che hanno da sempre invaso la vita e i marciapiedi di ogni città e Paese, regalando ad ogni singolo uomo affamato l’opportunità di provare, assaggiare e conoscere cibi e ricette differenti, proprio come si propone di fare Gnam, l’evento che si terrà a Roma il prossimo weekend.

Fonte: @gnamfest pagina Facebook

Gnam: cos’è?

Gnam è il luogo dove si incontrano le diverse culture gastronomiche e opposti modi di cucinare; è la tavola del cibo di strada informale, dell’alimento preparato secondo la tradizione, della pietanza fatta con prodotti del luogo. Gnam, inoltre, è l’evento itinerante che da diversi anni gira l’Italia raccontando e condividendo le migliori prelibatezze da gustare, è un recipiente di informazioni alimentari, un avvicinamento a gusti e sapori vari; è dove il cibo fa festa, è dove si esplorano Paesi e ricette, è dove la più antica forma di ristorazione si impregna dei sapori di convivialità e condivisione.

Gnam è un viaggio nel mondo del cibo che inizia nel sud Italia ed arriva in Argentina, quindi preparate l’appetito, è ora di partire!

Fonte: @gnamfest pagina Facebook

Gnam in Italia

Il punto di partenza di questo viaggio è la Sicilia, dove, al cospetto del Mediterraneo, una pagnotta morbida ricoperta di sesamo viene imbottita con pezzi di milza e polmone di vitello, prendendo il nome di “pani ca meusa”. L’origine di questo panino risale al medioevo, quando gli ebrei palermitani impegnati a macellare la carne, non potendo ricevere denaro per via di vincoli religiosi, trattenevano le interiora delle bestie per poi venderle con pane e formaggio. L’origine povera della pietanza è il filo conduttore del cibo da strada, come dimostrano anche le bombette pugliesi, involtini di capocollo ripieni di formaggio, pepe e prezzemolo, che al morso diventano un concentrato di sapori pronto ad esplodere in bocca. Una posizione di rilievo all’interno del panorama culinario italiano, è, inoltre, occupata dal lampredotto: trippa condita con salsa verde che prende il nome dalla lampreda, un vertebrato acquatico. Questa meraviglia gastronomica è una vera e propria istituzione nella città di Niccolò Machiavelli.
Il viaggio è poi accompagnato da altri meravigliosi prodotti alimentari come gli arrosticini abruzzesi, la focaccia di Recco della Liguria, lo gnocco fritto dell’Emilia Romagna, oltre a unicità gastronomiche dell’Italia pronte a conquistare il palato di ogni curioso amante del buon cibo.

Gnam in Europa

Il viaggio continua in Europa, dove, a stomaco meno vuoto e a gambe più stanche, si scoprono tre piatti tipici scelti come rappresentanti della Germania, della Grecia e della Spagna. La prima è capitanata dal prodotto da strada per eccellenza: sua maestà il würstel, tipicamente venduto caldo lungo le vie dei centri storici insieme a panino e salse. Poi si ha la possibilità di assaggiare la gyros pyta, una pita greca servita con carne di maiale marinato e cotto su uno spiedo verticale, accompagnata dalla salsa tzatziki. Infine, per la Spagna, scende in pentola la paella, dal latino patella, piatto tipico andaluso composto da riso, pollo e coniglio, carciofi, fagioli bianchi, il tutto legato da salsa di pomodoro e peperoni.

Gnam nel Mondo

Gnam si presenta così come un lungo viaggio che fa conoscere e apprezzare non solo il sapore di un prodotto ma anche e soprattutto il suo contesto, il modo in cui si è sviluppato e imposto nella società. Il cibo è un modo diretto per apprendere la parte migliore di ciascuna cultura, e questo è quanto può avvenire anche provando la picanha brasiliana, un taglio di carne utilizzata per preparare la tipica grigliata della cucina Latina Americana. Se poi la voglia del sud America invade le papille gustative degli affamati ospiti dell’evento, basterà fare qualche passo per poter toccare con mano un ottimo burrito messicano. Quest’ultimo, chiamato anche taco de herina, consiste in una tortilla di farina ripiena con carne di bovino, pollo o maiale.
Come ogni viaggio, però, si giunge ad una conclusione, e mentre il sole scende sulle vie di Roma e i cuochi abbassano le fiamme dei bracieri, un forte sapore d’Argentina si respirerà nell’aria grazie all’asado, piatto nazionale che comprende una grigliata di carne cotta lentamente e condita con il chimichurri, una salsa di prezzemolo, origano, aglio e altre spezie.

Gnam è il luogo dove ogni cibo diventa motivo di comunione, è un cammino tra culture diverse che dal Taj Mahal arriva alla Grande Sfinge di Giza, un percorso che tiene per mano l’Africa di Nelson Mandela e l’America di Martin Luther King. Gnam è l’intero mondo in una pentola, è dove ogni singolo essere umano respira odore di casa.

GnamFest

11-14 maggio-Roma
Giov 18:00-24:00
Ven   11:00-24:00
Sab   11:00-24:00
Dom 11:00-24:00

Viale Oceania (Zona Eur)
Roma
Metro B, fermata Eur Fermi

© riproduzione riservata