Un pop-up aperto per un mese, dal 13 giugno al 13 luglio, all’interno della pizzeria “Otto” dell’imprenditore statunitense di origini italiane Joe Bastianich: questo il progetto che ha coinvolto All’antico Vinaio, il celebre locale di via de’ Neri, a pochi passi dal duomo di Firenze, che per l’occasione si è duplicato sulla One Fifth Avenue nella 8th Street di New York City.  Un evento unico ed esclusivo che per la prima volta ha portato le famose schiacciate di Tommaso Mazzanti fuori dai confini del capoluogo toscano, nonostante le numerose e insistenti richieste dei fan di tutta la penisola di aprire anche in altre località italiane. Le migliaia di commenti lasciati dai follower sotto i post dell’attivissimo account Instagram de All’antico vinaio dimostrano, infatti, quanto gli utenti desiderino ardentemente l’arrivo dello street food fiorentino nelle proprie città.

Non molto tempo fa (in questo articolo) vi abbiamo parlato del grande successo che All’antico Vinaio riscuote ogni giorno a Firenze: code lunghe decine di metri affollano via de’ Neri, dove ogni giorno confluiscono centinaia e centinaia di turisti, studenti e cittadini che pazientemente attendono il proprio turno per ordinare al bancone e gustare una schiacciata ripiena di salumi, formaggi e salse realizzate con prodotti esclusivamente freschi e a km0.

All’antico Vinaio, schiacciata. Foto di Francesco Torchia

Lo stesso successo è stato riscontrato a New York, dove il pop-up è stato accolto con grande entusiasmo sia dagli abitanti della Grande Mela che da clienti provenienti da altre città: un’affluenza decisamente importante ha portato infatti ad un risultato sorprendente, dovuto all’incontro di due fattori principali: la rinomata qualità e bontà della cucina italiana e, nel caso specifico, di quella toscana e la fruttuosa collaborazione con Joe Bastianich, figura determinante nella presentazione dell’attività di Tommaso Mazzanti a NY, che ha inoltre funzionato da “ponte” tra nazioni, rappresentando “l’americano di origine italiana” garante dell’eccellenza dei prodotti de All’antico Vinaio, esperto della nostra cucina grazie anche dell’esperienza di giudice di Masterchef Italia.

Il pop-up collocato all’interno di Otto ha svolto la sua attività in maniera del tutto similare al locale in via de’ Neri, offrendo ai clienti newyorkesi cinque tipologie di schiacciata: la Boss, con prosciutto toscano, crema di pecorino e crema di tartufo; la Summer, farcita con prosciutto toscano, mozzarella di bufala, pomodoro, basilico, olio e aceto balsamico; la Inferno, con porchetta prodotta da Otto, ‘nduja, melanzane grigliate e rucola; la Dante, ripiena di capocollo, stracchino, crema di tartufo e rucola, e, in via eccezionale, la Washington Square con lardo di produzione di Otto, gorgonzola e crema di tartufo.

Vantando già il riconoscimento d’eccellenza di TripAdvisor come locale più recensito al mondo nel 2014, con l’esperienza americana All’antico Vinaio si è guadagnato anche il supporto dei clienti americani che hanno commentato con soddisfazione e lasciato recensioni più che positive sul web: “it’s worth it”, “amazing”, “so good”, “pretty great” sono solo alcune delle espressioni utilizzate dagli utenti per descrivere le schiacciate fiorentine. Non sono mancati, inoltre, apprezzamenti e precisazioni sulla freschezza e la bontà degli ingredienti.

Schiacciate de All’antico Vinaio. Foto di Maicol Bracci

Il bilancio dell’esperienza americana de All’antico Vinaio è quindi decisamente positivo: 30 giorni di sold out e oltre diecimila clienti. La trasferta, però, non finisce qui: è di pochi gironi fa, infatti, la notizia di un nuovo pop-up a Los Angeles all’interno della Pizzeria Mozza di Joe e Tanya Bastianich. Non resta quindi che aspettare il risultato di questa nuova avventura targata All’antico Vinaio e, incrociando le dita, anche l’annuncio di qualche altra sorpresa, magari in territorio italiano.

Instagram: @allanticovinaiofirenze

Immagine di copertina: foto di Francesco Torchia

© riproduzione riservata