A pochi passi dalla Basilica di Santa Maria Novella, eppure già nel cuore del capoluogo toscano, la Marilyn Monroe di Pieraccioni ammicca col suo sguardo i passanti invitandoli a fare un tuffo negli anni ’50. “E’ il Florens American Diner gente” grida la bionda pin-up e d’un tratto tra rollerball-girls, luci al neon, pompe di benzina e cabine telefoniche si vien catapultati nell’America anni ’50…sebbene si tratti di un’America un po’ più “Arno e David” che “Atlantico e Statua della Libertà”. Entrando nel locale differenti sono gli approcci a tale fenomeno di marketing; da un nostalgico senso di giovinezza ad un vergineo stupore primordiale, si ha come l’impressione di essere stati risucchiati nel vortice della macchina del tempo.

Immagine interno da www.thefork.it

Immagine interno da www.thefork.it

Ci si siede su comodi divanetti in vera pelle dalle cromie del rosso “rossetto” al celeste carta da zucchero, sulle pareti si alternano superfici ad intonaco e a mattoncini in cotto rivestiti di tintura su cui, a mezz’altezza, una fascia a mo’ di scacchiera “incornicia” le opere d’arte espostevi: dischi in vinile da 16 a 33 giri, coppe, trofei e bowling-balls, targhe automobilistiche degli USA, mentre sventolano più in alto “a stelle e strisce” i drappi dell’America. Nulla è lasciato al caso ma ogni singolo elemento e dettaglio è enfatizzato al massimo al fin di coinvolgere a pieno coloro che vi si recano. L’illuminazione è affidata al gioco di luce dei neon sulle pareti mentre sui tavolini scendono dal soffitto grandi lampade in stile industriale.

Immagine da dndrising.forumcommunity.net

Immagine da dndrising.forumcommunity.net

Non vi sono cameriere nell’ “American Diner” di Firenze ma giovani ed atletiche rollerball-girls che con maestria e sicurezza si cimentano acrobaticamente nel presentare il menù ai commensali. Tra hot-dog e tortillas, ceaser salad e tacos, si ha la possibilità di assaporare le migliori prelibatezze americane e messicane accontentando anche i più attenti alla linea, coloro che seguono un’alimentazione vegetariana e vegana e anche chi, come i celiaci, ha bisogno di maggiore accortezza. Il vero fiorentino potrà trovare nel menù un grande omaggio alla tradizione locale, la bistecca alla fiorentina, mentore, per chi l’avesse dimenticato, della meravigliosa città, culla di arte e cultura che ve ne fa da teatro.

Immagine da www.thefork.it

Immagine da www.thefork.it

Al buon sapore del cibo non trascende l’estetica del piatto dalle linee geometrizzanti e stilizzate, a richiamo del motivo a scacchi che decora pavimento e pareti. Equilibrio ed estro, eleganza ed esagerazione sono connubi che trovano perfetta armonia nell’ “American Diner“. A fine pasto i commensali avranno la possibilità di degustare American cheese-cakes , muffins, milkshakes, seduti su sgabelli dalle lunghe gambe metalliche e dal seggiolo foderato in pelle, per godere ancora un’ultima volta di quella fantastica atmosfera, molto più fantascienza che realtà per i cittadini del nuovo millennio. Sebbene dal menù ci si possa rendere conto che le varie scelte culinarie presentate siano molto vicine a quelle offerte nei fast-food, tuttavia l’incantevole contesto dal gusto raffinato e ricercato sembra, anzi riesce senza alcun ombra di dubbio ad allontanare dalla mente dei commensali quella loro prima “brutta impressione”. Coloro che vi si recheranno non verranno abbandonati ad una scelta passiva di quella che sarà la loro cena ma verranno accompagnati in un processo di consapevolezza di un’autentica “american diner”.

Immagine Interno da www.thefork.it

Immagine interno da www.thefork.it

Per la sua eccentricità ed unicità, enfatizzata inevitabilmente dal contesto storico ed artico di Firenze, il “Florens American Diner” costituisce il luogo ideale per un perfetto shooting-set o dove festeggiare compleanni e realizzare party a tema (anni ’50 ovviamente). Per una cena, un brunch domenicale o per uno spuntino notturno dal sapore retrò, l’American Diner accoglie voi e i vostri amici a quattro zampe, classificandosi come un locale ricercato, attento ed innovativo. “Accogliete ogni speranza o voi che entrate” affermerebbe il caro Dante dinanzi a siffatta bellezza.

CONTATTI:   +39 055 28 11 93/ Via del Moro, 85R / 50123 Firenze (FI)

© riproduzione riservata