L’estate sta finendo, cantavano i Righeira qualche anno fa. Settembre è iniziato e da qualche giorno dormire senza accendere il condizionatore è tornato ad essere piacevole. Si torna a lavoro, riaprono i cancelli delle scuole e il traffico della Capitale torna ad imperversare sulle strade. Eppure, nonostante il vento sia diventato più fresco ed ogni tanto ci ritroveremo a schivare le gocce di pioggia, il tempo per il gelato non è ancora finito.

Il mondo è bello perchè vario, diceva nonna qualche anno fa, ma una coppetta di creme come aperitivo ha un fascino artistico anche a settembre. Pensateci, tutta l’estate a provare nuove gelaterie per poi sceglierne una, con cui fare scorta prima del lungo letargo invernale. Il Capriccio di Carla è il nostro rifugio settembrino, figlio di una donna (Carla, appunto) che ha messo nel suo gelato tutto il proprio cuore.

Carla e il suo gelato. Credits: Official Il Capriccio di Carla

Originaria dell’Abruzzo, Carla è cresciuta a contatto con la natura, imparando fin da subito ad apprezzare la materia prima di qualità e a rispettare l’andamento delle stagioni, tutte caratteristiche che si rivedono nei suoi locali. Usiamo il plurale perchè da qualche anno ha raddoppiato e, dopo la sua prima (fortunata) esperienza al Pigneto, ha deciso di aprire un altro punto vendita in una traversa di Via Nazionale. 

Il laboratorio rimane al Pigneto, per controllare meglio l’operatività e non alterare la qualità dei suoi prodotti.

Exotic elisir: yogurt, passion fruit e croccante di pistacchio. Credits: Official Il Capriccio di Carla

La sua storia, oltre che di zucchero e panna, è piena di romanticismo, quasi romanzesco. Era, infatti, il 9 maggio 2009 quando Carla decide di lasciare il suo posto fisso alle Poste, troppo limitante per una mente vulcanica ed estrosa come la sua.

Con il sogno nel cassetto di diventare pasticciera, vede nel gelato la via d’uscita per una nuova vita. Con tanto cuore, coraggio e amore si dedica a perfezionare la sua arte e decide di iniziare questa avventura: “l’ho fatto per mio figlio, desideravo il meglio per il suo futuro”. Un vulcano dolcissimo, Carla.

Cioccolato di Valrhona. Credits: Official Il Capriccio di Carla

Niente semilavorati o basi in polvere, solo prodotti freschi, ingredienti naturali e di prima qualità. Si segue il ritmo delle stagioni, i gusti alla frutta sono tutti a base d’acqua e il passare dei mesi porta con se delle novità, con creme innovative e sapori insospettabili.

Importante anche la selezione dei migliori produttori, con il cioccolato Valrhona, la nocciola piemontese delle Langhe e il pistacchio siciliano di Bronte. Chiude due mesi all’anno, ma in quei mesi si dedica a corsi di aggiornamento e perfezionamento girando tra l’Italia e l’estero, perchè chi si ferma è perduto, mentre Carla lo scorso 9 maggio ha festeggiato i suoi primi dieci anni d’attività.

Nocciola. Credits: Official Il Capriccio di Carla

Tra i gusti che fin dagli esordi hanno caratterizzato la sua gelateria, Mela, Kiwi e Zenzero è stato un abbinamento pionieristico a Roma, considerando che fu introdotto dieci anni fa. Tra gli altri che abbiamo assaggiato il Dolce del casaro: ricotta variegata con stracciatella di fichi e granella di noce pralinata, che solo a scriverlo vien voglia di ordinarne 2 coppette e Exotic elisir: yogurt, passion fruit e croccante di pistacchio, fresco ed equilibrato. 

Menzione speciale per gusti meno convenzionali come Cacio e Pepe, gelato sorprendente ma delizioso, da abbinare anche a piatti salati come risotti o puree di fave.

Se avrete poi la fortuna di conoscere Carla capirete di cosa si parlava quando si raccontava della forza di un vulcano e dell’amore di una mamma: quello che ha creato non è un semplice capriccio, ma una vera e propria scelta di vita, sotto forma di coni e coppette.

L’estate sta finendo, ma il gelato ancora no.

 

Il Capriccio di Carla, Piazzale Prenestino 30/31, Pigneto oppure Via Agostino Depretis 61, Monti

Aperto tutti i giorni

Pagina Facebook: Il Capriccio di Carla

Pagina Instagram: Il Capriccio di Carla

© riproduzione riservata