Giovedì 08 febbraio 2018
Diario di un affamato: oggi si va in direzione via Mazzini (Zona Prati, Roma)

Si sa, la fame quando arriva non ci fa capire più nulla. Tra lavoro e università, tra mille impegni e sempre di corsa nel traffico, la frenesia sembrerebbe essere una costante nella quotidianità di ciascuno di noi. A tutti quei lettori più pigroni, ai nomadi culinari, a chi ha fame ma vuole gustarsi una vera cena da bistrot a casa propria Artwave propone MoveLab: il laboratorio del cibo e del gusto di Roma Prati.

Ed anche oggi i surgelati del banco frigo li lasciamo a domani! Armatevi di forchetta, al resto ci pensa Artwave e Google Maps.

Nella zona centrale di Roma per eccellenza, all’ombra der Cuppolone di Sua Santità, si trova il MoveLab, facilmente raggiungibile in metro (da Ottaviano e Lepanto in pochi minuti si è lì). Si tratta di un bistrot dal design vintage e chic, il cui laboratorio culinario è costantemente e quotidianamente attento a portare in tavola dell’ottimo cibo. La qualità delle materie prime di stagione è senz’altro la garanzia a cui ogni attento cliente vuol far fronte.

1. PER CHI HA FAME MA ALLE TROPPE CALORIE DICE NO!

Ricette sfiziose dal gusto light: arcobaleni d’insalate, energy bowls (ciotole complete di tutti i nutrienti a basso dosaggio di zuccheri), zuppe invernali di legumi e verdure presentate visivamente in modo originale per catturare l’occhio oltre che il palato. Un atto d’amore per chi vuole concedersi un piatto ricercato e al tempo stesso non rinunciare alla linea. Sazi e appagati con poche calorie.

2. LIGHT SI’ MA COL CARBOIDRATO PESANTE

Ai commensali che “sì certo, buona la zuppetta ma la mangio volentieri anche a casa”, il MoveLab dà il benvenuto nel mondo del club sandwich, piadine e avocado toast con dosi e condimenti davvero “massicci”. Al carbone vegetale o semplice qui er cuppolone d’acqua, lievito e farina si manifesta nella sua variante “notturna e del mezzodì”: tra due due fette di pane, rigonfia in alto e piatta in basso, una commistione di ingredienti si scioglie al primo morso in bocca come burro. Dalle uova ai peperoni, dalla carne all’avocado, dal salmone affumicato alle patate. Chi più ne ha ne metta!
In alternativa lo stesso condimento si può mangiare su una bella fetta tostata o arrotolato nella piadina.

 

3. SUSHI, WHAT ELSE?

Il sushi è sushi, o si ama o si odia e chi lo ama lo considera una vera e propria religione di vita. Dall’estremo Oriente è diventato, in Italia, negli ultimi anni una cultura culinaria fortemente radicata e condivisa. Qui al MoveLab, sempre al passo con i tempi e super aggiornato sulle tendenze del momento, non poteva non esserci! Al posto dei salumi il tagliere innalza un banchetto di sashimi e makimono da leggarsi i baffi!


Ancora non siete convinti? Allora non vi resta che affrettarvi, alla fame non si può dir mai di no!

Copyright immagini: Pagina Facebook MoveLab


INFO
:
Orari: Lunedì/Venerdì 08.00/22.00 – Sabato 08.00/16.00 – Domenica chiuso
E-mail: movelabfood@gmail.com
Web: www.movelaboratorioculinario.it