Che il food subisca i trend mondiali non è di certo una scoperta. Anche qui in Italia, patria del buon cibo e della bella vita, sono arrivate negli ultimi anni, tendenze incalzanti provenienti da tutto il mondo. Avocado che imperversa ovunque ma anche bubble tea e pokè bowl hawaiani: insomma l’anno che ci lasciamo alle spalle è la chiara testimonianza di come il cibo sia diventato sempre più una moda da seguire.

Unendo le ricerche di vati del mestiere come Baum + Whiteman, Waitrose e Whole Food Market siamo andati alla ricerca di quello che questo 2019 porterà sulle nostre tavole e nei nostri palati.

Sour flavor, sarà un anno poco dolce

Già nel 2018 la voglia di cioccolato fondente, l’avversione allo zucchero e l’ascesa delle birre artigianali avevano fatto presagire qualcosa in tal senso: in termini di gusti alla moda, l’anno prossimo sarà tutto aspro. Grazie alla popolarità e all’influenza della cucina coreana, filippina e persiana, ci si aspettano sempre più ingredienti dai toni aspri nel piatto.
Preparate i lati delle vostre lingue, ci sarà da stringere i denti.

 

Frutta e colori dal Pacifico

Pensate ad Asia, Oceania e alle coste occidentali del Nord e del Sud America, perchè è da questi luoghi bellissimi ma ancora poco conosciuti che stanno arrivando i nuovi cibi. Ingredienti come la longganisa (salsiccia di maiale filippina), gamberetti essiccati, seppie e pasta di gamberetti arriveranno sui menu dei ristoranti più estrosi, mentre coloratissimi frutti tropicali come guava, dragon fruit e frutto della passione arriveranno sugli scaffali dei nostri supermercati. Il jackfruit è, invece, un’alternativa di carne popolare già utilizzata al posto di elementi come il maiale.
Sicuramente non sarà un anno in bianco e nero.

Carne vegetale, ovvero la carne senza la carne

Non volendo fare dietrologie e volendoci basare su numeri reali, nell’ultimo anno gli ordini per piatti vegetariani e vegani in Europa sono più che raddoppiati (+178%). Questo dato è destinato a crescere, in quanto sempre più persone stanno propendendo verso un regime alimentare green e meno invasivo per la specie animale. Invece di mangiare carne secondo lo stile tradizionale, ci saranno più carni cresciute in laboratorio e proteine ​​correlate che cambieranno il modo in cui vediamo il cibo. Il concetto è il seguente: si estraggono una o due cellule da un animale vivo e invece di ucciderlo lo riproducono su una scala enorme.
Sembra carne ma non lo è.

 

Gelati Instagram friendly 

Sempre un’influenza di provenienza asiatica sarà quella che toccherà il nostro amatissimo gelato. Gli esperimenti saranno salati e sicuramente prevederanno ingredienti inusuali come humus o acqua di cocco. Ma la vera novità arriva dalle tipologie che sbarcheranno dai paesi più lontani, come il mochi giapponese, il dondurma turco e l’ice roll tailandese. Simpatici, frizzanti, colorati, arrotolati e anche rotondi.
Armate gli smarphone, perchè sarà guerra a suon di hashtag.

Noi di Cibo&Locali vi auguriamo un anno pieno di felicità e, ovviamente, di cibo.
A voi e famiglia.

© riproduzione riservata