Oggi una delle maggiori feste popolari al mondo, l’Oktoberfest, alla lettera festa di ottobre, si svolge in realtà durante gli ultimi due weekend di settembre (caratterizzati da qualche probabilità in più che il tempo sia bello), e solo il primo weekend di ottobre.

Si svolge a Theresienwiese, uno spazio interamente dedicato, raggiungibile in circa 20 minuti a piedi dal centro storico di Monaco di Baviera.

O’Zapft is!

Ossia, è stato stappato! Con ogni rifermento al primo barile di birra aperto a colpi di martello.

Questo il grido con cui il sindaco della città di Monaco dichiara ogni anno aperta la festa.

Fonte: www.oktoberfest.net

Tra il disappunto di molti abitanti autoctoni, l’evento attrae annualmente più di 6 milioni di visitatori (italiani sempre in prima linea); ci sono vari immensi padiglioni, ciascuno dei quali può ospitare diverse migliaia di persone (si arriva in un caso fino a diecimila). Negli stand vengono servite le birre dei sei maggiori produttori tedeschi, cioè Paulaner, Spaten, Hofbrau, Hacker-Pschorr, Augustiner,  Löwenbräu).

www.oktoberfest.it

Nel 1810, in occasione del matrimonio tra il principe Ludwig e la principessa di Sassonia Therese von Sachsen-Hildburghausen, vennero organizzati dei lunghi festeggiamenti che coinvolsero tutti gli abitanti di Monaco; venne offerto vitto a tutti gli ospiti e alla fine si tenne una corsa di cavalli, per fortuna ben presto soppressa dai programmi. Dal 1818 in poi, invece, fecero ingresso anche giochi (una giostrina e due altalene). Di anno in anno, è andata via via crescendo l’abitudine di piazzare dentro Theresienwiese (che vuol dire Il Prato di Theresa) numerosissime giostre di nuova generazione, per permettere – anche a chi non è amante della birra – un pizzico di divertimento e allo stesso tempo di relax. Con il passare degli anni questa tradizione si è rafforzata a tal punto da allestire veri e propri lunapark all’interno dell’area adibita.

Fonte: www.viagogo.it

Sebbene l’Oktoberfest sia indissolubilmente oggi legata alla tradizione della birra, per la verità quest’ultima vi comparve per la prima volta solo nel 1880.

Dal 1810, si è svolta quasi sempre ininterrottamente, salvo qualche eccezione (24 fino ad oggi per la precisione) dovuta a gravi motivi politici, sociali o economici, come guerre, epidemie o crisi.

Nel 1933, l’evento fu addirittura sfruttato da Adolf Hitler come motivo di propaganda politica nazista e qualche anno dopo venne rinominata da quest’ultimo proprio “Grande Festa Popolare Tedesca”.

Una delle scene presenti nell’immaginario collettivo è quella del padiglione brulicante di gente che tra le mani ha dei grossi boccali da un litro (Maß) e Pretzels (il pane a forma di anello con le due estremità intrecciate).

Molto gettonati sono anche piatti come lo stinco di maiale cotto nella birra, panino ai wurstel con la famosa senape dolce (Suesser senf), wurstel bianchi o Leberkaese (un insaccato molto comune in Germania e dalla caratteristica forma a fette). Di sottofondo al chiasso si esibiscono in abiti tradizionali gruppi che suonano musica bavarese.

www.oktoberfest.net

Restano soltanto altri due weekend quest’anno per raggiungere Monaco durante il più bel periodo dell’anno per gli amanti della birra. Cosa aspettate? Diffidate dalle imitazioni.

Per maggiori info consultate il sito ufficiale dell’Oktoberfest.

© riproduzione riservata