Nella seconda giornata del Bergamo Film Meeting il film Holy boom della regista Maria Lafi ci introduce nel pieno della competizione di questo 37° festival. Alla fine di una giornata scandita dai documentari in concorso e la visione di film di Godard e Truffaut alla presenza di Jean-Pierre Leaud, attore simbolo del cinema francese degli ultimi 50 anni, la pellicola ci getta tra le strade di Atene.

L’esplosione di una cassetta delle lettere di una casa per mano di un giovane ragazzo filippino darà inizio alla storia intrecciando i destini dei condomini. Tra una coppia perseguitata dagli spacciatori per la perdita della droga a una lettera d’amore per una donna tormentata e sola, la cinepresa ritaglia uno squarcio della vita ateniese, tra scuole degradate e funzioni religiose quasi mistiche.

Con l’avanzare della trama la sceneggiatura pare scorrere a fatica, arrancando tra una scena e l’altra. La scrittura dei dialoghi molto spesso rende le scene irreali e a tratti fasulle. Gli attori cadono vittima della carenza di abilità della scrittura e la regia segue a ruota gli interpreti, ritraendo la storia con fare asettico e anaffettivo.

Ciò che sconvolge di più sono i numerosi cliché nella narrazione: la vecchia pettegola, il nero criminale e il ragazzo emarginato e irrazionale. I personaggi rimangono statici e non hanno alcuna trasformazione nel corso della narrazione cinematografica, rendendo le mosse prevedibili e alquanto scontate. Tra inizio e fine non c’è alcuna differenza e lo svolgimento non porta nessuno sviluppo alla trama, facendo cadere le riprese nella semi-insensatezza.

A primo impatto l’amoralità dello sguardo della cinepresa può creare fraintendimenti, in modo particolare riguardo l’apparente razzismo e nazionalismo. Nonostante questo, si può sorvolare su certi aspetti, messi in secondo piano dall’imponente mancanza di creatività.

Il Bergamo Film Meeting continuerà fino a domenica 17 marzo e con la proiezione di altri sei film in concorso non ci resta che sperare in un miglioramento.

Voto:🌊🌊🌊🌊 /10

© riproduzione riservata