La terza giornata del Bergamo Film Meeting presenta il film in concorso Un om la locul lui (A decent man) del regista rumeno Hadrian Marcu.

Nella provincia rumena la vita di Petru viene sconvolta dall’incidente in cui è coinvolta Sonia, donna con cui ha avuto o presumibilmente ancora ha una storia. Dopo il suo ricovero nell’ospedale in cui lavora Laura, futura moglie di Petru e da cui aspetta un figlio, i dubbi iniziano a insinuarsi in lui, ma la vita gli scorre davanti agli occhi come un film, ignaro di poter agire e sconvolgerne il corso.

Petru si comporta in modo onesto, non mente alla fidanzata ma allo stesso tempo non le rivela nulla. Vive in modo semplice e calmo, tenendo un comportamento che non riesce a far fronte alla situazione incombente. Non porta con sé malizia o menzogne, ma una comune innocenza che rivela anche una sua incapacità e ingenuità di fronte alle difficoltà. Nulla lo smuove o lo porta ad assumere una forma di imposizione, accetta il suo destino e si fa cullare dal procedere della storia, oscillando tra i due frangenti femminili, figure di spicco e di autorità nella vicenda.

Nella regia e nel montaggio sono evidenti i tratti distintivi della tradizione dell’Est Europa. Una descrizione meccanica, un terzo occhio che osserva dall’oscurità i protagonisti con un distacco freddo e calmo.

Nella recitazione degli attori spiccano i loro volti, in particolare i loro occhi, unica manifestazione di un’umanità e di una emotività nello svolgersi della narrazione. Gli occhi rappresentano la loro crescita interiore, simboli della loro esistenza ed elemento di trasformazione durante primi piani lunghi e fissi.

Un om la locul lui riporta uno squarcio della Romania contemporanea, in cui i protagonisti si atteggiano da marionette di fronte al loro destino già scritto. La menzogna e la verità perdono il loro significato originario e si uniscono in un tutt’uno indistinguibile. Poco importa prendere una posizione o mostrarsi decisi e questo Petru lo sa. La presunta onestà sembra l’arma perfetta di fronte a un possibile fallimento.

 

Voto: 🌊🌊🌊🌊🌊🌊🌊🌊/10