di Christian D’Avanzo

In questi giorni è uscito il trailer di un film attesissimo dal pubblico per l’estate del 2019: Il Re Leone in live action. Sicuramente per tutti gli amanti del classico Disney è stato emozionante vedere alcune scene del film nel trailer, soprattutto quella di Rafiki che solleva Simba sulla Rupe dei Re, ma riflettiamo un attimo: che senso ha questo film?

Innanzitutto il termine live action indica propriamente un film recitato da attori in carne ed ossa, quindi in questo caso non possiamo parlare di un vero e proprio live action, perché è stato realizzato completamente in CGI. Inoltre dal trailer si capisce che tutto o quasi sarà copiato dal film d’animazione, poiché persino le inquadrature sono identiche.
È già da qualche anno che la Disney ci sta proponendo delle rivisitazioni in live action dei suoi film più celebri, come ad esempio Maleficent, Cenerentola Il Libro della Giungla, quest’ultimo diretto da Jon Favreau (che sarà anche il regista di questa versione de Il Re Leone), e tutti hanno dei tratti peculiari che li differenziano dai rispettivi film d’animazione, quindi possono anche essere giustificati.

Ma proprio l’anno scorso la grande casa di distribuzione statunitense ha fatto uscire il live action su La Bella e La Bestia con le stesse musiche, le stesse inquadrature e ovviamente la stessa storia, con delle piccolissime differenze. Ciò che proprio non ci va giù, sono questi film “copia e incolla”, palesemente realizzati solo per incassare soldi facili; e anche se in teoria è questo l’obiettivo primario di tutti i produttori, la Disney non è affatto giustificata! I soldi si possono fare lo stesso anche cambiando alcuni dettagli, aggiungendo nuovi elementi alla trama o nuovi personaggi, insomma basterebbe un po’ più di impegno per non portare sul grande schermo la copia di un film d’animazione.

In ogni caso il film uscirà il 21 agosto 2019 nei cinema italiani e, oltre ad avere effetti speciali pazzeschi, che abbiamo già potuto pregustare dal trailer, sicuramente uno degli elementi di pregio di questo live action sarà la colonna sonora, che fu fondamentale nel ’94. Infatti grazie ad essa, oggi Il Re Leone può vantarsi di aver vinto un Oscar per la miglior canzone originale con Can You Feel the Love Tonight, composta da Elton John e Tim Rice, e uno per la miglior colonna sonora, firmata Hans Zimmer (compositore anche della colonna sonora di questo live action). Le canzoni e le musiche ebbero così tanto successo che diedero vita anche ad una versione teatrale a Broadway, esordendo nel 1997 (vincendo poi sei Tony Awards), per diffondersi in seguito in tutto il mondo in tante lingue diverse. Tra il cast originale troviamo James Earl Jones, che torna a dare voce al possente Mufasa, mentre Donald Glover e Beyoncè Knowles-Carter interpreteranno rispettivamente Simba e Nala. Chiwetel Ejiofor sarà il perfido zio Scar e all’adorabile coppia Timon e Pumba presteranno la voce Billy Eichner e Seth Rogen.

© riproduzione riservata