Dagli studi De Paolis di via Tiburtina a Roma verranno trasmessi in diretta i David di Donatello 2019, la prestigiosa premiazione promossa dall’Accademia del Cinema Italiano. Condotta da Carlo Conti, la trasmissione vedrà le eccellenze del cinema nostrano alternarsi sul palco per ricevere i premi. L’edizione di quest’anno ha visto l’introduzione di alcune novità come il David dello Spettatore e il Premio David Giovani, oltre alla nomina di una nuova giuria e di nuove regole di ammissione dei film.

Un’edizione questa del 2019 che vedrà assegnare il Premio David alla Carriera a Tim Burton, apprezzatissimo regista di Batman, Batman – il ritorno, Big Fish e Dumbo (in uscita il 28 marzo).

Fonte: leganerd.com

I film candidati sono stati scelti dalla giuria tra le uscite comprese nel periodo 1 gennaio – 31 dicembre 2018 e in testa svetta lo strepitoso Dogman di Matteo Garrone con ben 15 candidature (tra cui miglior film, miglior regia e miglior attore protagonista) seguito da Capri Revolution di Mario Martone con 13 candidature. Chiamami col tuo nome (Luca Guadagnino) e Loro (Paolo Sorrentino) sono a pari merito con 12 candidature a testa mentre il maggior successo di pubblico del 2018, A casa tutti bene di Gabriele Muccino, si deve accontentare solo di 3 candidature: miglior attore non protagonista a Massimo Ghini, miglior musicista a Nicola Piovani e miglior canzone originale (L’invenzione di un poeta, dello stesso Piovani ft. Tosca).

Fonte: lascimmiapensa.com

Un’edizione al femminile questa del 2019. Ben due registe donne, per la prima volta nella storia dei David, sono candidate al premio come miglior regia: Valeria Golino con il suo Euforia e Alice Rohrwacher per Lazzaro Felice. È importante vedere come finalmente anche il cinema italiano dia il giusto riconoscimento alle eccellenze femminili e come l’industria cinematografica in generale si stia sempre più aprendo in questo senso. Un’altra importante novità è la partecipazione di Netflix anche a questi David di Donatello, dopo quella al Festival di Venezia e agli Oscar, nonostante le molte polemiche – ancora non è chiaro se ci saranno suoi film al Festival di Cannes. Segno, questo, che non è più possibile ignorare il grande impatto e l’importanza di una piattaforma come Netflix che grazie a film come Sulla mia pelle – dell’esordiente Alessio Cremonini – e Roma di Alfonso Cuaròn (Oscar al miglior regista) si è imposta nell’anno appena trascorso.

Fonte: amica.it

Inoltre la miniserie Fabrizio De Andrè – Principe Libero concorre con 3 nomination mentre tra gli attori spiccano di nuovo Valerio Mastandrea con una candidatura a miglior regista esordiente per Ride ma anche una come miglior attore non protagonista per Euforia. Complessivamente sono 12 nomination e 4 vittorie per l’attore romano che si riconferma come uno dei più bravi in circolazione. Alessandro Borghi è favorito come attore protagonista per Sulla mia pelle mentre Toni Servillo e Jasmine Trinca sono entrambi all’ottava candidatura, ma a battere tutti è sicuramente Nanni Moretti alla sua 44esima nomination e 8 David vinti.

In attesa di scoprire i vincitori, scopriamo tutte le candidature.

Miglior film

Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino
Dogman di Matteo Garrone
Euforia di Valeria Golino
Lazzaro felice di Alice Rohrwacher
Sulla mia pelle di Alessio Cremonini

Miglior regia

Mario Martone per Capri-Revolution
Luca Guadagnino per Chiamami col tuo nome
Matteo Garrone per Dogman
Valeria Golino per Euforia
Alice Rohrwacher per Lazzaro felice

Miglior regista esordiente – Premio Gian Luigi Rondi

Luca Facchini per Fabrizio De André – Principe libero
Simone Spada per Hotel Gagarin
Fabio e Damiano D’Innocenzo per La terra dell’abbastanza
Valerio Mastrandrea per Ride
Alessio Cremonini per Sulla mia pelle

Miglior sceneggiatura originale

Matteo Garrone, Massimo Gaudioso e Ugo Chiti – Dogman
Francesco Marciano, Valia Santella e Valeria Golino – Euforia
Fabio e Damiano D’Innocenzo – La terra dell’abbastanza
Alice Rohrwacher – Lazzaro felice
Alessio Cremonini e Lisa Nur Sultan – Sulla mia pelle

Miglior sceneggiatura non originale

James Ivory, Luca Guadagnino e Walter Fasano – Chiamami col tuo nome
Stephen Amidon, Francesca Archibugi, Francesco Piccolo e Paolo Virzì – Ella & John (The Leisure Seeker)
Stefano Mordini e Massimiliano Catoni – Il testimone invisibile
Oscar Glioti, Valerio Mastandrea, Johnny Palomba e Zerocalcare – La profezia dell’armadillo
Nicola Guaglianone e Luca Miniero – Sono tornato

Miglior produttore

Chiamami col tuo nome
La terra dell’abbastanza
Lazzaro Felice
Sulla mia pelle

Migliore attrice protagonista

Marianna Fontana – Capri-Revolution
Pina Turco – Il vizio della speranza
Elena Sofia Ricci – Loro
Alba Rohrwacher – Troppa grazia
Anna Foglietta – Un giorno all’improvviso

Migliore attore protagonista

Marcello Fonte – Dogman
Riccardo Scamarcio – Euforia
Luca Marinelli – Fabrizio De André – Principe libero
Toni Servillo – Loro
Alessandro Borghi – Sulla mia pelle

Migliore attrice non protagonista

Donatella Finocchiaro – Capri-Revolution
Marina Confalone – Il vizio della speranza
Nicoletta Braschi – Lazzaro felice
Kasia Smutniak – Loro
Jasmine Trinca – Sulla mia pelle

Migliore attore non protagonista

Massimo Ghini – A casa tutti bene
Edoardo Pesce – Dogman
Valerio Mastandrea – Euforia
Ennio Fantastichini – Fabrizio De André – Principe libero
Fabrizio Bentivoglio – Loro

Miglior autore della fotografia

Michele D’Attanasio – Capri-Revolution
Sayombhu Mukdeeprom – Chiamami col tuo nome
Nicolai Brüel – Dogman
Paolo Carnera – La terra dell’abbastanza
Hélène Louvart – Lazzaro felice

Migliore musicista

Nicola Piovani – A casa tutti bene
Sascha Ring e Philipp Thimm – Capri-Revolution
Michele Braga – Dogman
Nicola Tescari – Euforia
Lele Marchitelli – Loro
Mokadelic – Sulla mia pelle

Migliore canzone originale

L’invenzione di un poeta – A casa tutti bene
Araceae – Capri-Revolution
Mistery of love – Chiamami col tuo nome
‘A speranza – Il vizio della speranza
‘Na gelosia – Loro

Miglior scenografo

Giancarlo Muselli – Capri-Revolution
Samuel Deshors – Chiamami col tuo nome
Dimitri Capuani – Dogman
Emita Frigato – Lazzaro felice
Stefania Cella – Loro

Miglior costumista

Ursula Patzak – Capri-Revolution
Giulia Piersanti – Chiamami col tuo nome
Massimo Cantini Parrini – Dogman
Loredana Buscemi – Lazzaro felice
Carlo Poggioli – Loro

Miglior truccatore

Alessandro D’Anna – Capri-Revolution
Fernanda Perez – Chiamami col tuo nome
Dalia Colli e Lorenzo Tamburini – Dogman
Maurizio Silvi – Loro
Roberto Pastore – Sulla mia pelle

Miglior acconciatore

Gaetano Panico – Capri-Revolution
Manolo Garcia – Chiamami col tuo nome
Daniela Tartari – Dogman
Aldo Signoretti – Loro
Massimo Gattabrusi – Moschettieri del re – La penultima missione

Migliore montatore

Jacopo Quadri e Natalie Crisitani – Capri-Revolution
Walter Fasano – Chiamami col tuo nome
Marco Spoletini – Dogman
Gigiò Franchini – Euforia
Chiara Vullo – Sulla mia pelle

Miglior Suono

Capri-Revolution
Chiamami col tuo nome
Dogman
Lazzaro felice
Loro

Migliori effetti visivi

Capri-Revolution
Dogman
Il ragazzo invisibile – Seconda generazione
La befana vien di notte
Loro
Michelangelo – Infinito

Miglior documentario

Arrivederci Saigon
Friedkin Uncut
L’arte viva di Julian Schnabel
La strada dei Samouni
Santiago, Italia

Miglior film straniero

Bohemian Rapsody
Cold War
Il filo nascosto
Roma
Tre manifesti a Ebbing, Missouri

 

© riproduzione riservata