Martedì 18 febbraio sono state presentate ufficialmente le candidature della 65esima edizione dei David di Donatello 2020; i più importanti premi cinematografici italiani.

Il primo re

I candidati vengono assegnati dall’Ente David di Donatello dell’Accademia del Cinema Italiano. La cerimonia verrà trasmessa il 3 aprile su Rai 1, e verrà condotta dall’abbronzatissimo Carlo Conti.

Quest’anno gli “Oscar nostrani” vedono protagoniste diverse produzioni che hanno avuto il pregio di una maggior visibilità internazionale del cinema italiano. Dimostrazione, quindi, di come i nostri registi vogliano uscire dal quel limbo in cui è rimasto rinchiuso per troppo tempo il nostro cinema.

Salvo casi sporadici, siamo rimasti relegati in una produzione a catena di commedie e racconti drammatici. Senza volerne a questi generi, o ai film che vi appartengono, questo era il sintomo di una stanchezza. Ossia, la rassicurazione del format. Invece, il 2019 ha visto quella che possiamo definire a tutte gli effetti una rinascita, una riscoperta dell’ignoto e della fantasia.

Non tutto è così categorico, infatti il cinema italiano di quest’anno è debitore e figlio di film come La grande bellezza, Non essere cattivo o ad esempio Lo chiamavano Jeeg Robot e il Dogman di Matteo Garrone (in gara con Pinocchio).

Pinocchio

Certo è che questo percorso non sempre porta ad un film riuscito, ma comunque delinea una volontà: sperimentare, anche guardando al passato. E allora vediamo nascere film come Il primo re di Matteo Rovere con Alessio Lapice e Alessandro Borghi; un film non perfetto, ma di cui si loda l’intenzione.

5 è il numero perfetto, invece, porta in sala una trasposizione cinematografica della graphic novel di Igor Tuveri.

Tra i candidati dei David di Donatello 2020 con più nomination troviamo Il traditore di Marco Bellocchio con ben 18. Lo seguono Il Primo re e Pinocchio di Matteo Garrone con 15 nomination entrambi. A seguire Martin Eden con 11, 5 è il numero perfetto con 9 e Suspiria con 6.

Martin Eden

© 01 Distribution

“Un anniversario importante, la narrazione deve essere sempre più presente nell’offerta televisiva e chi meglio del cinema italiano può farlo?”

Queste le affermazioni del direttore di Rai1, Stefano Coletta. Infatti, questo è l’anno del centenario dalla nascita di Federico Fellini e Alberto Sordi, nonché i 100 anni di Franca Valeri. Un anno importante, in cui si celebra tutto il cinema italiano.

Ma veniamo ai candidati. Ecco tutte le nomination dei David di Donatello 2020:

Miglior film

Il primo re

Il traditore

La paranza dei bambini

Martin Eden

Pinocchio

Miglior regista

Matteo Rovere, Il primo re

Marco Bellocchio, Il traditore

Claudio Giovannesi, La paranza dei bambini

Pietro Marcello, Martin Eden

Matteo Garrone, Pinocchio

Migliore attore protagonista

Toni Servilllo, 5 è il numero perfetto

Alessandro Borghi, Il primo re

Francesco Di Leva, Il Sindaco del Rione Sanità

Pierfrancesco Favino, Il traditore

Luca Marinelli, Martin Eden

Migliore attrice protagonista

Valeria Bruni Tedeschi, I villeggianti

Jasmine Trinca, La dea fortuna

Isabella Ragonese, Mio fratello rincorre i dinosauri

Linda Caridi, Ricordi?

Lunetta Savino, Rosa

Valeria Golino, Tutto il mio folle amore

Migliore attrice non protagonista

Valeria Golino, 5 è il numero perfetto

Anna Ferzetti, Domani è un altro giorno

Tania Garribba, Il primo re

Maria Amato, Il traditore

Alida Baldari Calabria, Pinocchio

Migliore attore non protagonista

Carlo Buccirosso, 5 è il numero perfetto

Stefano Accorsi, Il campione

Fabrizio Ferracane, Il traditore

Luigi Lo Cascio, Il traditore

Roberto Benigni, Pinocchio

Migliore sceneggiatura originale

Phaim Bhuiyan – Vanessa Picciarelli, Bangla

Filippo Gravino – Francesca Manieri – Matteo Rovere, Il primo re

Marco Bellocchio – Ludovica Rampoldi – Valia Santella – Francesco Piccolo, Il traditore

Gianni Romoli – Silvia Ranfagni – Ferzan Ozpetek, La dea fortuna

Valerio Mieli, Ricordi?

Migliore sceneggiatura non originale

Mario Martone – Ippolita Di Majo, Il sindaco del rione Sanità

Thomas Bidegain – Jean-luc Fromental – Lorenzo Mattotti, La famosa invasione degli orsi in Sicilia

Maurizio Braucci – Claudio Giovannesi – Roberto Saviano, La paranza dei bambini

Maurizio Braucci – Pietro Marcello, Martin Eden

Matteo Garrone – Massimo Ceccherini, Pinocchio

Miglior produttore

Domenico Procacci – Anna Maria Morelli (Tim Vision), Bangla

Grøenlandia – Rai Cinema – Gapbusters – Roman Citizen – Con Rai Cinema, Il primo re

Ibc Movie – Kavac Film – Con Rai Cinema, Il traditore

Pietro Marcello – Beppe Caschetto – Thomas Ordonneau – Michael Weber – Viola Fügen – Rai Cinema, Martin Eden

Archimede – Le Pacte – Rai Cinema, Pinocchio

Migliore canzone originale

Bangla (“Festa” – Musica di Antonio Aiello – Testi di Shoshi Md Ziaul – Antonio Aiello –

Interpretata da Moonstar Studio)

Il Sindaco Del Rione Sanità (“Rione Sanita’” – Musica, testi e interpretazione di Ralph P)

L’ospite (“Un Errore Di Distrazione”  – Musica e testi di Dario Brunori – Interpretata da Brunori Sas)

La Dea Fortuna (“Che Vita Meravigliosa” – Musica e testi di Antonio Diodato –  Interpretata da Diodato)

Suspiria (“Suspirium” – Musica, testi, interpretazione di Thom Yorke)

Migliore musicista 

L’orchestra Di Piazza Vittorio – Il Flauto Magico Di Piazza Vittorio

Andrea Farri, Il primo re

Nicola Piovani, Il traditore

Dario Marianelli, Pinocchio

Thom Yorke, Suspiria

Miglior regista esordiente 

Igort, 5 è il numero perfetto

Phaim Bhuiyan, Bangla

Leonardo D’Agostini, Il campione

Marco D’amore, L’immortale

Carlo Sironi, Sole

Migliore autore della fotografia 

Daniele Ciprì, Il primo re

Vladan Radovic, Il traditore

Francesco Di Giacomo, Martin Eden

Nicolas Bruel, Pinocchio

Dario D’Antonio, Ricordi?

Miglior scenografia

Nello Giorgetti, 5 è il numero perfetto

Tonino Zera, Il primo re

Andrea Castorina, Il traditore

Dimitri Capuani, Pinocchio

Inbal Weinberg, Suspiria

Miglior costumista

Nicoletta Taranta, 5 è il numero perfetto

Valentina Taviani, Il primo re

Daria Calvelli, Il traditore

Andrea Cavalletto, Martin Eden

Massimo Cantini Parrini, Pinocchio

Miglior truccatore

Andreina Becagli, 5 è il numero perfetto

Roberto Pastore – Andrea Leanza – Valentina Visintin – Lorenzo Tamburini, Il primo re

Dalia Colli – Lorenzo Tamburini, Il traditore

Dalia Colli – Mark Coulier (Trucco Prostetico), Pinocchio

Fernanda Perez, Suspiria

Miglior acconciatore

Marzia Colombra, Il primo re

Alberta Giuliani, Il traditore

Daniela Tartari, Martin Eden

Francesco Pegoretti, Pinocchio

Manolo Garcia, Suspiria

Miglior montatore

Gianni Vezzosi, Il primo re

Jacopo Quadri, Il Sindaco del Rione Sanità

Francesca Calvelli, Il traditore

Aline Hervè – Fabrizio Federico, Martin Eden

Marco Spoletini, Pinocchio

Miglior suono

5 è il numero perfetto

Il primo re

Il traditore

Martin Eden

Pinocchio

 Migliori effetti speciali visivi

Giuseppe Squillaci, 5 è il numero perfetto

Francesco Grisi – Gaia Bussolati, Il primo re

Rodolfo Migliari, Il traditore

Theo Demeris – Rodolfo Migliari, Pinocchio

Luca Saviotti, Suspiria

Miglior  lungometraggio documentario

Citizen Rosi

Fellini fine mai

La mafia non è più quella di una volta

Se c’e’ un aldila’ sono fottuto. Vita e cinema di Claudio Caligari

Selfie

David giovani

Il traditore

L’uomo del labirinto

La dea fortuna

Martin Eden

Mio fratello rincorre i dinosauri

Miglior film straniero

C’era una volta a Hollywood

Green Book

Joker

L’ufficiale e la spia

Parasite (Vincitore)

Miglior cortometraggio:

Inverno di Giulio Mastromauro (Vincitore)

 

© riproduzione riservata