Non è ancora Cannes che già una bellissima notizia infiamma la 76ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia: il Leone d’Oro alla carriera a Julie Andrews.

La proposta di Alberto Barbera (Direttore della Mostra) di dare questo importante riconoscimento all’indimenticabile tata che ha fatto sognare generazioni di bambini e ragazzi è stata accolta con entusiasmo dal Cda della Biennale di Venezia, presieduto da Paolo Baratta.

Fonte: scarlettboulevard.com

«Sono molto onorata di essere stata scelta per il Leone d’Oro alla carriera. La Mostra del Cinema di Venezia è da lungo tempo considerata uno dei più stimati festival internazionali. Ringrazio La Biennale per questo riconoscimento del mio lavoro, e sono impaziente di arrivare in quella meravigliosa città a settembre per un’occasione così speciale.»

Così l’attrice inglese, 83 anni di eleganza e glamour, ha commentato la notizia e noi non potremmo essere più felici.
Quello di Venezia 76 è un premio che andrà ad aggiungersi ai tanti vinti dalla Andrews nel corso della sua splendida carriera: un Oscar, cinque Golden Globe, due Emmy, tre Grammy, due BAFTA, uno Screen Actors Guild. Non uno scherzo! Scoperta all’età di 8 anni per la sua inconfondibile voce da usignolo, Julie Andrews è conosciuta in tutto il mondo per aver dato corpo e voce, appunto, a Mary Poppins – il personaggio nato dalla penna di Pamela Lyndon Travers – nel famoso film di Robert Stevenson. Solo un anno dopo il successo planetario sarà la protagonista di un vero gioiello del cinema, il dolcissimo Tutti insieme appassionatamente (The sound of music) di Robert Wise, nel quale affianca Christopher Plummer.

È di nuovo una governante che la farà entrare nel cuore di milioni di persone: in questo film interpreta Maria, una frizzante ex suora che viene mandata ad accudire i sette figli del Comandante Georg Von Trapp di cui poi si innamorerà perdutamente, ricambiata. Con una colonna sonora indimenticabile, composta da Richard Rogers, nella quale spicca la canzone My Favourite Things, il film è stato candidato a 10 Oscar vincendone 5 (tra cui miglior film, miglior regia, miglior colonna sonora) ed è tutt’ora al quinto posto nella classifica dei film più visti di tutti i tempi.

Fonte: zon.it

Considerata una leggenda vivente, Julie Andrews ha successivamente sposato il regista Blake Edwards (Colazione da Tiffany, Hollywood Party, La Pantera Rosa) con il quale ha stretto un fortunato e duraturo sodalizio non solo personale ma anche professionale lavorando fino alla metà degli anni ’90 quasi esclusivamente in film diretti dal marito. Grazie a lui, infatti, si spoglia del personaggio di “brava ragazza” che le si era incollato addosso dopo i primi film, per far emergere un carattere forte e trasgressivo: in 10 è accanto a Bo Derek e Dudley Moore in una commedia sexy mentre S.O.B. la vede per la prima volta in topless. Ma è con Victor Victoria che l’attrice/cantante dà il meglio di sé facendola diventare una vera e propria icona del mondo gay: considerato uno dei capolavori di Blake Edwards, il film del 1982 la vede nei doppi panni di Vittoria Grant/Conte Victor Grazinski, un personaggio en travesti con il quale riesce a convincere tutti di essere “un uomo che finge di essere una donna” forte del fatto che “la gente crede a quello che vede”.

Fonte: pinterest.com

Dopo aver diradato le sue apparizioni cinematografiche, l’attrice inglese nel 1997 è stata vittima di un brutto errore durante un’operazione che le ha tolto per sempre la sua meravigliosa voce di cantante. Errore per cui il chirurgo l’ha dovuta risarcire con 20 milioni di dollari, anche se la perdita rimane incommensurabile per un’attrice che ha fatto della voce il suo strumento espressivo.
Tra le ultime esperienze si ricordano quelle come doppiatrice nei sequel di Shrek e Cattivissimo me mentre da pochissimo l’abbiamo ascoltata blockbuster Aquaman nel quale presta la voce al Karahten.

La 76ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia si svolgerà dal 28 agosto al 7 settembre 2019 e noi di Artwave siamo impazienti tanto quanto lei di vederla apparire al Lido questa estate!

© riproduzione riservata