In una zona indistinta della profonda Pianura Padana la vita di Jack è comandata dalle due sorelle che, grazie alla loro maggioranza, si innalzano a tiranne della famiglia. Tutto procede finché il loro regno viene sconvolto dall’arrivo di Gio, un nuovo fratello, apparentemente diverso dagli altri ma in fin dei conti non troppo.

I capi famiglia Alessandro Gassman e Isabella Ragonese raccontano ai figli che Gio non è come tutti gli altri, possiede dei super poteri che gli permettono di creare cose e cambiare il mondo. Al compimento dei 14 anni, Jack prende coscienza che la favola raccontata dai genitori voleva mascherare una realtà dolorosa: Gio soffre della Sindrome di Down e a volte la paura e l’imbarazzo che crea porta Jack a nascondere l’esistenza del fratello ai suoi amici.

Mio fratello rincorre i dinosauri è una commedia di formazione in cui la voce narrante di Jack scandisce la crescita dall’infanzia all’adolescenza. La vita diventa sempre più difficile e dolorosa e Jack lo sa, ma si chiede come possa farcela suo fratello Gio, così fragile, innocente e a suo modo ingenuo.

Il tono familiare della commedia viene costruito da un’efficace regia di Stefano Cipani, al suo esordio sul grande schermo, e dalle eccellenti interpretazioni dei giovani attori Francesco Gheghi (Jack) e Lorenzo Sisto (Gio). Basato sul libro omonimo di Giacomo Mazzariol, riprende con onestà e una leggera aggiunta di narrazione la vita dell’autore.

La sceneggiatura di Fabio Bonifacci con la collaborazione di Mazzariol vuole gettarsi in quelle pieghe familiari create dai pregiudizi, dall’ignoranza e dalla paura nei confronti della disabilità. L’esterno sbiadisce e l’interno viene illuminato, scandagliandone le incertezze.

Nonostante il tono familiare della commedia ne permetta la visione a chiunque lanciando un messaggio sincero ed efficace, la sua semplicità rischia di sminuire il tono con cui affronta un argomento così delicato. Tutto questo non zittisce la sua voce, il suo urlo potente che si alza da una società indifferente e inconsapevole. Mio fratello rincorre i dinosauri è una commedia che sensibilizza ed emoziona, da cui non si leva solo la questione della disabilità per essere ricordata, ma una sua presa di posizione, il fermo riconoscimento della sua esistenza e del bisogno di rispetto.

Voto: 🌊🌊🌊🌊🌊🌊🌊🌊,5/10

 

Copyright immagini: Eagle Pictures©
© riproduzione riservata