Estate. Sole, mare, ombrelloni, profumo di salsedine e calippo. Riviera Romagnola, Riccione.

Sotto il sole di Riccione è il nuovo film di Netflix. Dal soggetto di Enrico Vanzina che ha firmato anche la sceneggiatura insieme a Caterina Salvatori e Ciro Zecca, la coppia di registi in arte Younuts! composta da Antonio Usbergo e Niccolò Celaia, dà vita ad un Sapore di mare (1983) moderno dai tratti molto commerciali ma al contempo freschi e piacevoli.

Sotto il sole di Riccione Immagine 1

Lorenzo Zurzolo (Vincenzo) e Ludovica Martino (Camilla) in una scena del film (@Netflix 2020)

Classe 1986, collaborano insieme da oltre 10 anni, condividendo le medesime passioni per il mondo della regia. Il duo di videomaker di talento, dopo aver curato videoclip musicali di vari artisti famosi, si cimentano nel loro primo film.

Ciro La Manica (Cristiano Caccamo) sbarca a Riccione dal “profondo sud” per tenere un provino. Vuole fare il cantante e invece si ritrova ad essere nominato sul campo nuovo bagnino da Cesare, proprietario dello stabilimento balneare. Marco (Saul Nanni), invece, come ogni estate arriva a Riccione per rivedere Guenda (Fotinì Peluso), di cui è innamorato da cinque anni, nonostante lei sia fidanzata da altrettanto tempo con un altro.
Marco trova alloggio in un bed&breakfast gestito da Gualtiero (Andrea Roncato), ex bagnino dall’acchiappo facile, date le mille relazioni avute in passato con le turiste in vacanza. In spiaggia Marco ritrova gli amici di sempre: Furio, figlio del proprietario dello stabilimento balneare, Cesare e Mara.
Sotto il sole di Riccione Immagine 2

Claudia Tranchese (Emma) e Cristiano Caccamo (Ciro) in una scena del film (@Netflix 2020)

Vincenzo (Lorenzo Zurzolo), ragazzo ventiduenne non vedente, arriva a Riccione con sua madre super apprensiva (Isabella Ferrari), che non lo molla un attimo. Camilla (Ludovica Martino) pensa di festeggiare  l’anniversario con il proprio ragazzo, invece si ritrova in un pub con la migliore amica, che la incita a chattare online con un nuove persone. Vincenzo si innamora di Camilla, ma lei è impegnata. Il ragazzo scopre per la prima volta l’amore e decide di scrivergli una lettera in cui trasferisce i sentimenti che prova per lei.
” Mi hai detto solo cazzate e mi hai fatto del male, infatti adesso dovrei odiarti però non ci riesco. Mi hai regalato i momenti più belli della mia vita e ti voglio bene comunque”
Com’era?

Sotto il sole, sotto il sole
di Riccione, di Riccione
quasi quasi mi pento
e non ci penso più, e non ci penso più…

E invece no, Vincenzo ci pensa eccome perché ormai è cotto di Camilla e anche lei si è innamorata.

Sotto il sole di Riccione

Lorenzo Zurzolo (Vincenzo) e Ludovica Martino (Camilla) in una scena del film (@Netflix 2020)

Il titolo ricalca il tormentone estivo del 2018 scritto da Tommaso Paradiso, ormai ex leader del gruppo romano indie-pop dei The Giornalisti. Sullo sfondo di queste storie adolescenziali, troviamo storie di adulti che riscoprono l’amore in tarda età: Lucio (Luca Ward), Irene e Gualtiero.

Con Sotto il sole di Riccione, Netflix ci riprova e raddrizza il colpo basso delle ultime produzioni. Come? Ripescando giovani talenti dalla serialità italiana (Skam e Baby) degli ultimi anni, acclamati dal pubblico dei millennials e da film come Puoi baciare lo sposo, Il campione, Mio fratello rincorre i dinosauri. Volti freschi nelle loro interpretazioni, ma probabilmente il ruolo più impegnativo del ragazzo non vedente risulta più notevole grazie alla performance del ventenne Lorenzo Zurzolo. Incarnando la purezza e la bellezza romantica di un amore libero dai canoni estetici, questo personaggio grazie alle sue sensazioni, al tatto e introspezioni riconosce la ragazza che gli farà perdere la testa.
Sotto il sole di Riccione

Fotinì Peluso (Guenda) e Davide Calgaro (Furio) in una scena tratta dal film (@Netflix 2020)

Un lungometraggio che inscena bene il mondo giovanile risultando godibile sia dal punto di vista visivo che narrativo. Prodotto dalla LuckyRed, la nuova commedia sentimentale di Netflix sta ottenendo un discreto successo. Costellato dalle canzoni dei The Giornalisti (“Riccione”, “Felicità Puttana”, “Completamente” e altre) questo primo lungometraggio degli Younuts! si mostra  frizzante, leggero e piacevole proprio come un cocktail gustato in spiaggia nelle sere d’estate.

Il merito di Vanzina e collaboratori sta nell’aver ideato una storia che riesce ad intrattenere con alcune punte di sensibilità.  Sotto il sole di Riccione non è per niente scontato come si potrebbe pensare. Una ventata d’aria fresca di cui si aveva bisogno, con un tramonto magnifico in chiusura.

VOTO: 🌊🌊🌊🌊🌊🌊🌊/10
© riproduzione riservata