I famosi mattoncini danesi, i LEGO, hanno sempre intrattenuto uno stretto rapporto con il cinema e la cultura visuale; sono stati il ponte di collegamento tra i film e i giovani, che attraverso il gioco vengono a contatto con l’immaginario cinematografico. Dalle navicelle spaziali di Star Wars al castello di Harry Potter, i LEGO hanno viaggiato di pari passo con il mondo del cinema, anticipando spesso l’uscito dei film e accompagnando la compagna pubblicitaria. L’anello di giunzione definitivo è arrivato nel 2014 con l’uscito in sala del primo The LEGO Movie e i successivi spin-off.

Emmet e Rex in una scena del film (© 2019 Warner Bros. Entertainment Inc.)

Il regista Mike Mitchell prende le redini di questo secondo capitolo, proseguendo la storia da dove Phil Lord e Christopher Miller l’avevano lasciata in sospeso nel primo film: nel mondo reale il giovane Finn può finalmente giocare con i set LEGO del padre, ma come lui può farlo anche la sorella. Così nel mondo Lego avviene il primo contatto tra i protagonisti e gli alieni dei set lego DUPLO, introdotti dalla bambina. L’esito nefasto di questo incontro produrrà una guerra tra i due gruppi che proseguirà per cinque anni.

Gli abitanti dell’universo Lego vivono ora in un mondo post apocalittico devastato dagli alieni. L’arrivo del Generale Sconquasso e il rapimento di Lucy & co. porterà Emmet a intraprendere una nuova avventura, in compagnia di Rex Rischianto, per salvarli e impedire l’armammageddon.

Sin dalle prime scene il film si caratterizza come un’immensa citazione, a partire dall’ambientazione post apocalittica che è un chiaro, e apprezzatissimo, riferimento alla saga di Mad Max. La storia di The LEGO Movie 2 – Una nuova avventura è strutturata proprio sulla base di altri film, che vengono ribaltati in chiave ironica ai fini delle avventure di Emmet. Interessante è il riferimento al ruolo di Chris Pratt, doppiatore di Emmet e Rex, in Jurassic World.

I protagonisti in una scena del film

Mitchell riprende il messaggio del primo film e lo sposta, laddove prima è stato affrontato il rapporto padre e figlio, qui ci si interroga su quello tra fratello e sorella. Finn, ora adolescente, si allontana dalla sorella minore che altro non vuole che poter giocare con la sua figura di riferimento. E come lei anche il suo avatar,  la Regina Wello Ke-Wuoglio, è in cerca di attenzione e amore da parte dei personaggi del mondo Lego, creati appunto dal ragazzo.

Tra missioni spaziali, viaggi nel tempo, storie d’amore e d’amicizia The LEGO Movie 2 – Una nuova avventura si presenta un buon prodotto in grado di stupire e tenere alta l’attenzione. Il film è una corsa continua, si passa da un pianeta all’altro in un turbinio d’azione. Il regista non spezza mai il ritmo, tranne forse nei momenti cantati, e dà vita ad un’epopea animata a tema Lego che trova nel suo messaggio, l’amore fraterno, il suo punto di forza. Così le avventure di Emmet & co. diventano la perfetta metafora di un’età, quella di Finn e sua sorella.

Voto: 🌊🌊🌊🌊🌊🌊🌊/10