Non c’è festa che divida di più del Natale.

C’è chi lo ama, lo aspetta, assorbendone tutto il clima e volendo addobbare ogni singolo angolo della casa non appena si spengono le luci delle zucche di Halloween; c’è chi lo odia, non lo sopporta e ne soffre le tradizioni, le canzoni, i maglioni imbarazzanti e le rimpatriate familiari. Beh, questo articolo è indirizzato a entrambe le categorie, nessuno escluso, poiché sottolinea l’entusiasmo dei primi e prova a riaccendere una fiamma di spirito natalizio anche nei più convinti Scrooge.

In questo periodo anche le grandi aziende liberano le idee migliori del settore marketing e pubblicitario, sfidandosi allo spot migliore, a quello più emozionante e che susciti maggiore empatia nel consumatore. Logiche commerciali a parte, alcuni di questi spot sviluppano immaginari davvero suggestivi, innescando inevitabilmente un ricordo e una reazione di chi guarda, di gioia e, perché no, di malinconia.

Abbiamo scelto i più belli (secondo noi) degli ultimi anni, con la speranza di regalare qualche minuto di poesia anche ai più refrattari alla magia del Natale!

XFINITY 2019 

37 anni: questo è il lungo salto nel passato che lo spot natalizio di Xfinity fa fare a chi guarda. Se poi il grande classico di Spielberg E. T. è uno dei vostri film preferiti, il gioco è fatto! Ritorna sulla terra il migliore amico extra terrestre, per riabbracciare quel bambino che tempo fa lo aveva protetto. Il tempo è passato, ed Elliott ha una moglie e dei figli, ma le feste servono soprattutto a questo: a riabbracciare i propri cari.

SAINSBURY’S 2019 

La catena di supermercati inglesi punta al classico dalle atmosfere “dickensiane”. C’è una Londra di fine Ottocento, degli orfani maltrattati e un cattivo che rappresenta l’ingiustizia sociale per antonomasia. Da un malinteso nasce la leggenda, una reinterpretazione di come sia venuta alla luce la figura di Babbo Natale. Nessuno spoiler, quindi, e vi lasciamo alla visione.

SAINSBURY’S 2018 

Ancora Sainsbury’s ma questa volta lo spot è dell’anno scorso. Siamo a una recita della scuola e sul palco ci sono inizialmente dei timidi bambini avvolti nei più diversi costumi, dalle tradizionali palle decorate a Babbo Natale, fino alla splendida presa di corrente a tre denti. La pubblicità non lascia spazio alla noia e si trasforma in un set cinematografico, con tanto di effetti speciali, vedere per credere!

SAINSBURY’S 2014 

Facciamo un salto al 2014 e ripeschiamo uno spot che racconta la vigilia di Natale in trincea, precisamente in quella della Prima Guerra Mondiale. Il freddo inverno europeo gela le mani dei soldati, intenti a guardare le foto dei propri cari e sognando il tepore della casa. E poi il miracolo: si alza un canto che accomuna i nemici e li rende fratelli, almeno per una notte.

JOHN LEWIS & PARTNERS 2019

Il colosso inglese non è affatto nuovo agli spot natalizi, e anche quest’anno conferma di avere idee sempre stupefacenti, che toccano corde emotive differenti. Il Natale 2019 ci porta in un borgo medievale, tra neve, casette da fiaba e festoni; incontriamo una bambina dai capelli rossi e il suo speciale amico, un tenero draghetto che ha dei seri problemi nella gestione del fuoco, cosa che lo porta a combinare diversi guai in paese. Non vi sveliamo il finale ma vale la pena arrivare fino alla fine per riassaporare la bellezza dei rapporti genuini, quelli che ti permettono di prendere un proprio difetto per trasformarlo in una qualità.

JOHN LEWIS & PARTNERS 2018

Lo scorso anno lo spot J&L è diventato virale e a buon diritto: forse perché racconta la storia di una grande rockstar, Elton John, con semplicità e delicatezza. Siamo davanti la narrazione della scoperta di un talento in un Natale che ha letteralmente cambiato la vita di una persona. Perché a volte un regalo può fare la differenza, può dare un’ispirazione, delineare una strada, dare una speranza, come “una candela nel vento”.

MACY’S

Prendete una bimba sognatrice, un filone femminista e una società restia al cambiamento dei ruoli, e il gioco è fatto. Macy’s, il colosso americano che organizza ogni anno la maestosa parata sulla 5th Avenue di New York, racconta la storia di una bambina che da grande vuole essere Santa Claus, con tanto di scarponi, per distribuire gioia e doni. Si scontra però con la banalità dello stereotipo che una donna non può fare un lavoro destinato a un uomo. La fine premia la perseveranza e la bontà, scacciando qualsiasi disincanto.

APPLE

Si chiama The Surprise lo spot targato Apple. Ci sono una famiglia e un viaggio verso la casa del nonno per trascorrere le feste insieme, soprattutto ora che è venuta a mancare l’ insostituibile figura della nonna. I preparativi si alternano all’inevitabile malinconia e tristezza per la perdita che si accentua nel periodo natalizio. Quasi ci viene da storcere il naso guardando quei due nipotini starsene tutto il tempo davanti al tablet (triste realtà dei giorni nostri) ma proprio da quei momenti trascorsi con la tecnologia nasce la sorpresa. Vi lasciamo immaginare.

© riproduzione riservata