In questi giorni così difficili, tutto il Paese si sta mobilitando per aiutare come può.

C’è chi lavora instancabilmente in prima linea, chi garantisce la normalità, fatta di cibo, energia, comunicazioni e poi ci siamo noi che possiamo fare la nostra parte e, al contempo, ringraziare stando comodamente seduti sul divano, sul letto, per terra, su una sedia a leggere, mangiare, fare videochiamate.

Guardare la tv. Semplice. Efficace. Piacevole. Forza concittadini: ci chiedono solo di rilassarci davanti ad un bel film, come quelli che stanno per partire su Rai Movie.

Rai movie

Una scena di “Gomorra”, fonte: Rai Movie

La Rai sta rivoluzionando tutti i suoi canali per permetterci di trascorrere più piacevolmente la quarantena: tante sono le iniziative, anche per i più piccoli.

E Rai Movie si unisce alle numerose proposte,  da stasera. Il canale gratuito della Rai dedicato ai film “celebra l’orgoglio del cinema italiano programmando una selezione dei migliori film realizzati negli ultimi anni, un modo per riscoprire i capolavori del recente passato e allietare le serate delle famiglie chiuse in casa”, si legge sul comunicato stampa.

Stasera dunque si parte con due pellicole che hanno dato fama internazionale a due grandi registi italiani contemporanei: alle 21:10 c’è Gomorra di Matteo Garrone, film del 2008, ispirato al best seller di Roberto Saviano e che ha influenzato anche l’omonima serie tv, in onda su Sky dal 2014.

Alle 23:30 tocca a Il Divo, regia di Paolo Sorrentino, biopic del 2008 che racconta la vita pubblica e privata di Giulio Andreotti, interpretato da un eccellente Toni Servillo.

La carrellata di film nostrani prosegue giovedì 26 con Matilda De Angelis e Stefano Accorsi, protagonisti in Veloce come il vento, film del 2016 di Matteo Rovere. La storia è incentrata sul mondo delle corse automobilistiche ed è liberamente ispirata alla vita del pilota di rally Carlo Capone.

Rai movie

Matilda De Angelis e Stefano Accorsi in “Veloce come il vento”, fonte: Rai Movie

Sabato 28 tocca a Senza nessuna pietà di Michele Alhaique. Il film vede  Pierfrancesco Favino nei panni di Mimmo, figlio di un boss malavitoso, che decide di cambiare vita dopo l’incontro con Tania (Greta Scarano).

Seguirà poi L’ora di religione con Sergio Castellitto e Piera degli Esposti, per la regia di Marco Bellocchio. La pellicola del 2002, narra le vicende di un artista ateo contrario sia personalmente che ideologicamente alla canonizzazione della madre, ma la famiglia decaduta vuole riconquistare l’antico prestigio  proprio attraverso questa canonizzazione.

Nei giorni seguenti si prosegue in pompa magna con il fantasy Il racconto dei racconti, sempre di Garrone; la commedia Mine Vaganti di Ferzan Özpetek; Suburra, thriller di Stefano Sollima e molti altri.
Ce n’è per tutti i gusti, tanto da spronarci e convincerci tutti a rimanere a casa.

Rai movie

Alessandro Borghi e Claudio Amendola in “Suburra”, fonte: Rai Movie 

© riproduzione riservata